Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Regolamento 06/07/ 2015 n. 5/R

Regione Piemonte - Regolamento regionale recante: “Modello unico regionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale”

News Correlate

24/07/2015
Autorizzazione unica ambientale, il Piemonte si adegua al modello unico

Dal 1° ottobre 2015 domande solo in via telematica, il sistema garantirà le comunicazioni con i Suap

02/03/2015
Autorizzazione unica ambientale: ecco lo schema unificato

L'AUA sostituirà fino a 7 autorizzazioni. Le regioni dovranno adeguarsi entro il 30 giugno 2015

Decreto Pres. Cons. Min. 08/05/2015

(Gazzetta ufficiale 30/06/2015 n. 149)

Adozione del modello semplificato e unificato per la richiesta di autorizzazione unica ambientale - AUA

IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE
E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE


e


IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA
DEL TERRITORIO E DEL MARE


Visto il decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 2013, n.
59 recante il regolamento sulla disciplina dell'autorizzazione unica
ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in
materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli
impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale, a norma
dell'art. 23 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con
modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, e, in particolare,
l'art. 10, comma 3;
Visto l'art. 24, comma 3, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114,
recante misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza
amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive
modificazioni, recante il codice dell'amministrazione digitale;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive
modificazioni, recante norme in materia ambientale;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010,
n. 160 recante il regolamento per la semplificazione ed il riordino
della disciplina sullo sportello unico per le attivita' produttive,
ai sensi dell'art. 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.
112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.
133;
Considerati i lavori dell'apposito Tavolo istituito nell'ambito
della Conferenza unificata ai sensi dell'art. 2, comma 2,
dell'accordo tra Governo, regioni ed enti locali, sancito nella
seduta del 10 maggio 2012, concernente l'attuazione delle norme di
semplificazione contenute nel decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5,
convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35,
recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e
sviluppo;
Considerata l'Agenda per la semplificazione per il triennio
2015-2017, approvata dal Consiglio dei ministri il 1° dicembre 2014,
previa intesa in Conferenza unificata il 13 novembre 2014, che - al
punto 5.7.1. - prevede «la definizione della modulistica
standardizzata per la presentazione dell'istanza dell'AUA (in
attuazione del decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 2013,
n. 59) e delle modalita' di aggiornamento tempestivo e uniforme della
modulistica alle modifiche normative introdotte e l'adeguamento alle
specificita' regionali», nonche' la predisposizione e l'adozione del
modulo unico semplificato per la richiesta di AUA entro gennaio 2015;
Acquisita l'intesa della Conferenza unificata in data 26 febbraio
2015;
Di concerto con il Ministro dello sviluppo economico;

Decretano:

Art. 1


Finalita' e ambito di applicazione

1. Ai sensi dell'art. 10, comma 3, del decreto del Presidente della
Repubblica 13 marzo 2013, n. 59 e' adottato il modello semplificato e
unificato per la richie [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Rockwool
Photo Book

NEWS NORMATIVA

14/11 - Decreto Genova, salta ‘il cuore’ del condono Ischia

Cancellato il riferimento alla legge del 1985 che avrebbe concesso disposizioni meno restrittive per le pratiche pendenti

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’


FLIR E53
BLACK SOUL