Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Legge dello Stato 24/12/ 2007 n. 244

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2008). (SO n.285)

Legge dello Stato 24/11/ 2003 n. 326

Conversione in legge del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici (art.32 - condono edilizio)

Decreto Legge 30/09/ 2003 n. 269

Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici. (condono edilizio)

Decreto Pres. Cons. Min. 13/10/2017

(Gazzetta ufficiale 13/12/2017 n. 290)

Assegnazione alle Regioni Abruzzo, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, di risorse finanziarie ai sensi dell'art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 24 febbraio 1992, n. 225 e successive modifiche e
integrazioni;
Visto il decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, in
legge, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326,
recante «Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la
correzione dell'andamento dei conti pubblici», ed in particolare
l'art. 32-bis che, allo scopo di contribuire alla realizzazione di
interventi infrastrutturali, con priorita' per quelli connessi alla
riduzione del rischio sismico, e per far fronte ad eventi
straordinari nei territori degli enti locali, delle aree
metropolitane e delle citta' d'arte, ha istituito un apposito Fondo
per interventi straordinari, autorizzando a tal fine la spesa di euro
73.487.000,00 per l'anno 2003 e di euro 100.000.000,00 per ciascuno
degli anni 2004 e 2005;
Vista la legge 24 dicembre 2007, n. 244, recante «Disposizioni per
la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria 2008)», ed in particolare l'art. 2, comma 276 che, al
fine di conseguire l'adeguamento strutturale ed antisismico degli
edifici del sistema scolastico, nonche' la costruzione di nuovi
immobili sostitutivi degli edifici esistenti, laddove indispensabili
a sostituire quelli a rischio sismico, ha incrementato di 20 milioni
di euro, a decorrere dall'anno 2008, il predetto Fondo per interventi
straordinari, prevedendone l'utilizzo secondo programmi basati su
aggiornati gradi di rischiosita';
Vista l'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3728
del 29 dicembre 2008 recante «Modalita' di attivazione del Fondo per
interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei ministri,
istituito ai sensi dell'art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre
2003, n. 269, convertito in legge con modificazioni, dalla legge 24
novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007,
n. 244», con la quale vengono stabiliti i criteri di utilizzo delle
somme destinate dall'art. 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, ad interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione,
di edifici scolastici, per l'annualita' 2008.
Vista l'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3864
del 31 marzo 2010 recante «Modalita' di attivazione del Fondo per
interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei ministri,
istituito ai sensi dell'art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre
2003, n. 269, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24
novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007,
n. 244», con la quale vengono stabiliti i criteri di utilizzo delle
somme destinate dall'art. 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, ad interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione,
di edifici scolastici, per l'annualita' 2009.
Vista l'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3879
del 19 maggio 2010 recante «Modalita' di attivazione del Fondo per
interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei ministri,
istituito ai sensi dell'art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre
2003, n. 269, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24
novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24 dicembre 2007,
n. 244», con la quale vengono stabiliti i criteri di utilizzo delle
somme destinate dall'art. 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007,
n. 244, ad interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione,
di edifici scolastici, per l'annualita' 2010.
Vista l'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3927
del 2 marzo 2011 recante «Modalita' di attivazione del Fondo per
interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei ministri,
istituito ai sensi dell'articolo. 32-bis del decreto-legge 30
settembre 2003, n. 269, convertito in legge, con modificazioni, dalla
legge 24 novembre 2003, n. 326, ed incrementato con la legge 24
dicembre 2007, n. 244», con la quale vengono stabiliti i criteri di
utilizzo delle somme destinate dall'art. 2, comma 276, della legge 24
dicembre 2007, n. 244, ad interventi di adeguamento sismico, o di
nuova costruzione, di edifici scolastici, per l'annualita' 2011.
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 luglio
2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 241 il 16 ottobre 2014,
recante «Modalita' di attivazione del Fondo per interventi
straordinari della Presidenza del Consiglio dei ministri, istituito
ai sensi dell'art. 32-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n.
269, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24 novembre
2003, n. 326 ed incrementato dalla legge 24 dicembre 2007, n. 244»,
con il quale vengono stabiliti i criteri di utilizzo delle somme
destinate dall'art. 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007, n.
244, ad interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione, di
edifici scolastici, per l'annualita' 2012-2013;
Tenuto conto che risultano pervenute dalle Regioni Lazio e Puglia
richieste di modifica ai piani di intervento gia' approvati e
finanziati;
Visto l'art. 3, comma 2, dell'ordinanza del Presidente del
Consiglio dei ministri n. 3728/08 ove e' disposto che, con decreto
del Presidente del Consiglio dei ministri, sentiti il Ministero delle
infrastrutture, il Ministero dell'istruzione, universita' e ricerca
ed il Ministero dell'economia e delle finanze, vengano individuati,
conformemente a quanto previsto nei piani predisposti dalle Regioni,
gli interventi da realizzare, gli enti beneficiari e le risorse da
assegnare nell'ambito della disponibilita' del Fondo di cui all'art.
32-bis citato;
Visto l'art. 3, comma 7, dell'ordinanza del Presidente del
Consiglio dei ministri n. 3728/08, ove e' sancito che il parere della
Commissione mista, composta da qualificati rappresentanti del
Dipartimento della protezione civile, del Ministero delle
infrastrutture e trasporti, del Ministero dell'istruzione,
universita' e ricerca e del Ministero dell'economia e delle finanze e
costituita con decreto del Capo Dipartimento della protezione civile
del 3 luglio 2009 e successivamente modificata con i decreti del 7
giugno 2011 e 23 aprile 2015, assolva anche al disposto previsto
all'art. 3, comma 2 della citata ordinanza;
Visti i verbali delle riunioni della Commissione mista del 15
febbraio 2017, a cui hanno preso parte i rappresentanti del Ministero
delle infrastrutture e trasporti, del Ministero dell'istruzione,
universita' e ricerca, del Ministero dell'economia e delle finanze,
del Dipartimento della protezione civile e della Conferenza delle
regioni e delle province autonome, ove sono state approvate le
modifiche ai piani trasmessi dalle Regioni Lazio e Puglia, ed ove e'
stata prevista, per l'annualita' 2012-2013, la riassegnazione di
765.903,80 Euro, relativa ai piani non pervenuti delle Regioni
Sardegna e Molise, a favore delle Regioni Abruzzo, Campania,
Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia,
Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, in quanto le stesse Regioni
avevano indicato nei piani, pervenuti nei termini, ulteriori
interventi eccedenti la quota assegnata dal decreto del Presidente
del Consiglio dei ministri dell'8 luglio 2014, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 241 del 16 ottobre 2014;

De [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
FacTus
Nurith

NEWS NORMATIVA

25/9 - IVA agevolata al 10%, si applica per la costruzione di edifici ‘Tupini’

Agenzia delle Entrate: per la detrazione dell’imposta le spese vanno ripartite in base alla destinazione di ogni singola unità immobiliare

25/9 - Fondo Infrastrutture, nel Milleproroghe la soluzione allo stop della Consulta

Le intese con le Regioni si potranno sancire a posteriori. Slitta al 31 dicembre 2018 l'adeguamento antisismico e antincendio nelle scuole


Geosec
Jansen ad Architect@work