Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Legislativo 15/11/ 2011 n. 208

Disciplina dei contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture nei settori della difesa e sicurezza, in attuazione della direttiva 2009/81/CE

Decreto Pres. Repubblica 13/03/2013 n. 49

(Gazzetta ufficiale 13/05/2013 n. 110)

Regolamento per la disciplina delle attivita' del Ministero della difesa in materia di lavori, servizi e forniture militari, a norma dell'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 15 novembre 2011, n. 208, recante attuazione della direttiva 2009/81/CE

Entrata in vigore del provvedimento: 28/05/2013

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87, comma 5, della Costituzione;
Visti il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante codice
dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, e il
relativo regolamento di esecuzione e attuazione recato dal decreto
del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207;
Vista la legge 3 agosto 2007, n. 124, recante norme relative al
sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova
disciplina del segreto;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio del Ministri 8 aprile
2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 16 aprile 2008,
recante criteri per l'individuazione delle notizie, delle
informazioni, dei documenti, degli atti, delle attivita', delle cose
e dei luoghi suscettibili di essere oggetto di segreto di Stato;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12
giugno 2009, n. 7, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 154 del 6
luglio 2009, recante la determinazione dell'ambito dei singoli
livelli di segretezza, dei soggetti con potere di classifica, dei
criteri di individuazione delle materie oggetto di classifica,
nonche' dei modi di accesso nei luoghi militari o definiti di
interesse per la sicurezza della Repubblica;
Vista la direttiva 2009/81/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 13 luglio 2009, relativa al coordinamento delle
procedure per l'aggiudicazione di taluni appalti di lavori, di
forniture e di servizi nei settori della difesa e della sicurezza da
parte delle amministrazioni aggiudicatrici/degli enti aggiudicatori,
e recante modifica delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;
Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, recante il
Codice dell'ordinamento militare, e successive modificazioni;
Visto il testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di
ordinamento militare, a norma dell'articolo 14 della legge 28
novembre 2005, n. 246, di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 15 marzo 2010, n. 90, e successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22
luglio 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 1°
settembre 2011, recante le disposizioni per la tutela amministrativa
del segreto di Stato e delle informazioni classificate;
Visto il decreto legislativo 15 novembre 2011, n. 208, recante la
disciplina dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e
forniture nei settori della difesa e sicurezza in attuazione della
direttiva 2009/81/CE, ed in particolare il comma 1 dell'articolo 4;
Visto il regolamento UE n. 1251/2011 della Commissione, del 30
novembre 2011, che modifica le direttive 2004/17/CE, 2004/18/CE e
2009/81/CE riguardo alle soglie di applicazione in materia di
procedure di aggiudicazione degli appalti;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 novembre 2012,
n. 236, recante il regolamento che disciplina le attivita' del
Ministero della difesa in materia di lavori, servizi e forniture, a
norma dell'articolo 196 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.
163;
Acquisito il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici,
reso in data 18 maggio 2012;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 16 novembre 2012;
Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 10 gennaio 2013;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 15 febbraio 2013;
Sulla proposta del Ministro della difesa, di concerto con i
Ministri per gli affari europei, degli affari esteri, dello sviluppo
economico, delle infrastrutture e dei trasporti e dell'economia e
delle finanze;

Emana
il seguente regolamento:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente regolamento si applicano le seguenti
definizioni:
a) «decreto legislativo»: il decreto legislativo 15 novembre
2011, n. 208, recante la disciplina dei contratti pubblici relativi a
lavori, servizi e forniture nei settori della difesa e sicurezza in
attuazione della direttiva 2009/81/CE;
b) «codice»: il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163,
recante il codice dei contratti pubblici in attuazione delle
direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;
c) «regolamento generale»: il decreto del Presidente della
Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, recante il regolamento di cui
all'articolo 5 del codice;
d) «regolamento per gli appalti della difesa»: il decreto del
Presidente della Repubblica 15 novembre 2012, n. 236, recante
regolamento per la disciplina delle attivita' del Ministero della
difesa in relazione a lavori, servizi e forniture, emanato ai sensi
dell'articolo 196 del codice;
e) «codice dell'ordinamento militare»: il decreto legislativo 15
marzo 2010, n. 66, e successive modificazioni, recante il Codice
dell'ordinamento militare;
f) «testo unico dell'ordinamento militare»: il decreto del
Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90, e successive
modificazioni, recante il testo unico delle disposizioni
regolamentari in materia di ordinamento militare, a norma
dell'articolo 14 della legge 28 novembre 2005, n. 246;
g) «intese internazionali»: protocolli, memorandum, intese, o
altri documenti comunque denominati, posti in essere dalle
Amministrazioni della difesa dell'Italia con uno o piu' Paesi terzi,
o dell'Italia e di uno o piu' Stati membri con uno o piu' Paesi
terzi, discendenti da accordi sottoposti a ratifica;
h) «autorita' di vertice»: il Capo di Stato maggiore della
difesa, il Segretario generale della difesa e Direttore nazionale
degli armamenti, i Capi di Stato maggiore delle Forze armate e il
Comandante generale dell'Arma dei carabinieri;
i) «operatore economico»: persona fisica o giuridica, o ente
pubblico, o raggruppamento di tali persone o enti, o rete di imprese,
che offre sul mercato la realizzazione di lavori o opere, la
fornitura di prodotti o la prestazione di servizi;
l) «area delle operazioni»: ambito operativo territoriale
definito dagli organi di vertice in sede di pianificazione
dell'operazione militare all'estero;
m) «operatore economico localizzato»: operatore economico che,
nell'area delle operazioni, dispone di risorse idonee a soddisfare
prontamente e' adeguatamente le esigenze operative.
2. Per quanto non espressamente definito al comma 1, si applica
l'articolo 1 del decreto legislativo.
Art. 2

Finalita' e ambito di applicazione

1. Ai sensi dell'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo, il
presente regolamento detta la disciplina esecutiva e attuativa in
materia di contratti, compresi quelli affidati con procedure in
economia nel settore della difesa, limitatamente agli istituti che
richiedono una disciplina speciale rispetto a quella contenuta nei
regolamenti di esecuzione di cui agli articoli 5 e 196 del codice,
aventi per oggetto:
a) forniture di materiale militare e loro parti, di componenti o
di sottoassiemi;
b) lavori, forniture e servizi direttamente correlati al
materiale di cui alla lettera a), per ognuno e per tutti gli elementi
del suo ciclo di vita;
c) lavori e servizi per fini specificatamente militari.
2. Le autorita' di vertice, interforze e di Forza armata,
nell'ambito delle rispettive competenze, dichiarano la natura dei
lavori, servizi o forniture, ai fini dell'applicazione delle lettere
b) e c) del comma 1.
3. Il presente regolamento disciplina altresi', in conformita' alle
disposizioni dettate dall'articolo 8 del decreto legislativo, i
contratti individuati dagli articoli 6 e 7, commi 2 e 3, ultimo
periodo, del medesimo decreto legislativo.
4. Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento,
ai contratti di cui al comma l si applicano, ove compatibili o non
derogate, le disposizioni dettate dal codice, dal regolamento
generale e dal regolamento per gli appalti della difesa, nonche'
quelle in materia negoziale previste dal codice dell'ordinamento
militare e dal testo unico dell'ordinamento militare.
Art. 3

Disciplina dei contratti esclusi dall'applicazione
del decreto legislativo

1. I contratti esclusi ai sensi dell'articolo 6, comma 1, del
decreto legislativo sono disciplinati dalle norme procedurali
specifiche dettate da accordi o intese internazionali conclusi
dall'Italia con uno o piu' Paesi terzi, o dall'Italia e uno o piu'
Stati membri con uno o piu' Paesi terzi, ovvero da norme procedurali
interne a un'organizzazione internazionale, individuate alle lettere
a), b) e c) dello stesso comma.
2. Fatte salve le esclusioni di cui all'articolo 6, comma 2,
lettere a), b), c), d) e g), del decreto legislativo, l'affidamento
dei contratti esclusi ai sensi delle restanti lettere e), f), h), i),
l) ed m), nonche' dell'articolo 7, commi 2 e 3, ultimo periodo,
avviene conformemente all'articolo 8, commi 1 e 2, dello stesso
decreto legislativo, previa consultazione esplorativa, ove possibile
in relazione al contesto e alle esigenze operative, di almeno cinque
operatori economici.
3. Le esigenze operative di cui all'articolo 6, comma 2, lettera
e), del decreto legislativo sono individuate con provvedimento
motivato del comandante del contingente o dell'organo di vertice
sovraordinato.
4. Il comandante del contingente, se dispone dei competenti organi
tecnici, puo' autorizzare l'affidamento e l'esecuzione dei contratti
di cui all'articolo 6, comma 2, lettera e), del decreto legislativo.
Dei contratti cosi disposti relativi ai lavori e' data immediata
comunicazione alla Direzione dei lavori e del demanio del
Segretariato generale della difesa e agli organi tecnici di Forza
armata, a cui vanno trasmessi anche i consuntivi delle opere
realizzate e delle spese sostenute.
5. All'esecuzione dei contratti di cui all'articolo 6, comma 2,
lettera e), del decreto legislativo, le disposizioni in materia di
tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro si
applicano nei limiti previsti dall'articolo 253, comma 4, lettera a),
del testo unico dell'ordinamento militare.
6. I contratti di cui all'articolo 2, comma 3, possono essere
eseguiti mediante le procedure in economia, nel rispetto di quanto
disposto dal regolamento per gli appalti della difesa e in
particolare, per quanto riguarda i lavori da realizzare all'estero
nel quadro di accordi internazionali, dall'articolo 66 del medesimo
regolamento, previa consultazione esplorativa, ove possibile in
relazione al contesto e alle esigenze operative, di almeno cinque
operatori economici.

Capo II

Subappalto

Art. 4

Disciplina del subappalto

1. Le stazioni appaltanti, entro il 31 gennaio di ciascun anno e in
conformita' agli avvisi di preinformazione, qualora pubblicati,
predispongono gli elenchi di lavori, servizi e forniture, suddivisi
per settori industriali, per i quali intendono richiedere il
subappalto ai sensi dell'articolo 27, comma 1, del decreto
legislativo. Tali elenchi sono pubblicati nel profilo del committente
di ciascuna stazione appaltante entro i successivi quindici giorni,
con l'indicazione della forcella di valori, di cui all'articolo 27,
comma 3, del decreto legislativo, ai fini della determinazione della
quota di lavori, forniture o servizi compresi nel contratto per i
quali viene chiesto il subappalto.
2. Ai sensi dell'articolo 27, comma 10, del decreto legislativo e'
facolta' degli aggiudicatari di ricorrere, altresi', al subappalto
entro i limiti previsti ai sensi dell'articolo 118 del codice, da
considerarsi quota ulteriore e distinta rispetto a quella
subappaltata su richiesta della stazione appaltante ai sensi del
comma 1 del presente articolo.
Art. 5

Subappalto su richiesta della stazione appaltante

1. Ai fini dell'affidamento del subappalto disciplinato
dall'articolo 27, comma 1, del decreto legislativo, l'aggiudicatario
seleziona i terzi interessati con procedure competitive, ai sensi
degli articoli 29 e 30 del medesimo decreto legislativo.
2. Gli operatori economici interessati all'affidamento dei
contratti di cui agli elenchi previsti dai comma l dell'articolo 4,
che intendono subappaltare gli stessi sulla base di un accordo
quadro, procedono secondo le modalita' previste dall'articolo 59,
comma 8, lettere a), b), c) e d), del codice e stabiliscono le
condizioni necessarie per procedere all'aggiudicazione del singolo
subappalto. Quando nell'accordo quadro sono gia' fissate le
condizioni per l'esecuzione delle prestazioni, essi procedono senza
indire un'ulteriore procedura selettiva tra i concorrenti
selezionati, pari, ove possibile, almeno a cinque. L'accordo quadro
determina l'ordine di priorita' per la scelta del subappaltatore a
cui affidare il singolo appalto, privilegiando il criterio della
rotazione in conformita' all'articolo 287, comma 1, del regolamento
generale. All'atto della formulazione dell'offerta, il concorrente
deve indicare il subappaltatore selezionato e produrre la
documentazione relativa all'accordo quadro, per le dovute verifiche.
3. I procedimenti per la conclusione di ciascun accordo quadro
devono avere durata non superiore a sessanta giorni. Per la
formulazione delle offerte e' stabilito un termine non inferiore a
venti giorni e non superiore a trenta giorni.
4. Nell'ipotesi di cui all'articolo 27, comma 7, del decreto
legislativo, la stazione appaltante ha facolta' di imporre
all'aggiudicatario l'esecuzione integrale delle obbligazioni dedotte
in contratto, senza variazione dei costi rispetto a quanto formulato
nell'offerta comprensiva delle attivita' affidate in subappalto.

Capo III

Contratti secretati o eseguibili con particolari misure di sicurezza

Art. 6

Segretezza e sicurezza

1. Con provvedimento motivato dell'autorita' all'uopo preposta in
base alle procedure e alle disposizioni vigenti nel Ministero della
difesa, sono indicate le opere, i lavori, i servizi e le forniture
secretati, ovvero eseguibili con l'adozione di speciali misure di
sicurezza. Il medesimo provvedimento indica il livello
dell'abilitazione di sicurezza necessario per l'esecuzione dei
contratti.
2. L'affidamento dei contratti aventi per oggetto opere, lavori,
servizi o forniture di cui al comma 1 avviene con le modalita' di cui
all'articolo 17, comma 4, del codice.
3. Nell'avviso sui risultati della procedura di affidamento possono
essere omesse talune informazioni, ai sensi e nei limiti
dell'articolo 23, comma 4, del decreto legislativo.

Titolo II

CONTRATTI DI LAVORI

Capo I

Lavori da eseguirsi fuori dal territorio nazionale

Art. 7

Lavori da eseguirsi fuori dal territorio nazionale

1. Salvo quanto previsto dall'articolo 3, ai lavori da eseguirsi
fuori del territorio nazionale si applicano, in quanto non derogate
dal presente titolo, le disposizioni di cui al regolamento per gli
appalti della difesa in materia di «Interventi realizzati fuori del
territorio nazionale», nonche' le disposizioni in materia di
esecuzione e collaudo dei lavori, di cui agli articoli 11 e 12.
2. Gli interventi relativi a lavori per fini specificatamente
militari ovvero direttamente correlati al materiale di cui
all'articolo 2, comma 1, lettera a), da realizzare fuori del
territorio nazionale, possono essere eseguiti in economia ai sensi
dell'articolo 66, comma 2, secondo periodo, del regolamento per gli
appalti della difesa, ovvero ai sensi dell'articolo 67 del medesimo
regolamento, qualora effettuati a mezzo di Reparti del Genio militare
secondo quanto previsto dall'articolo 196, comma 7, terzo periodo,
del codice.
3. Nei limiti di quanto disposto dall'articolo 3, comma 4, del
decreto legislativo, la consegna dei lavori o l'avvio della
progettazione esecutiva, nel caso di appalti di progettazione ed
esecuzione, possono essere disposti subito dopo l'intervenuta
efficacia dell'aggiudicazione e l'avvenuta stipula del contratto.
Art. 8

Lavori urgenti da eseguirsi fuori dal territorio nazionale

1. Il comandante del contingente, ovvero l'organo individuato dal
Comando sovraordinato, se eventi imprevedibili lo impongono e dispone
dei competenti organi tecnici, autorizza, con provvedimento motivato,
l'esecuzione degli interventi necessari per assicurare l'operativita'
delle forze.
2. Degli interventi di cui al comma 1 e' data immediata
comunicazione alla Direzione dei lavori e del demanio del
Segretariato generale della difesa e agli organi tecnici di Forza
armata, a cui vanno altresi' trasmessi i consuntivi delle opere
realizzate e delle spese sostenute.

Capo II

Lavori sotto la soglia comunitaria

Art. 9

Contratti di lavori sotto la soglia comunitaria

1. Per i contratti di importo inferiore a un milione di euro, e' in
facolta' della stazione appaltante provvedere all'affidamento secondo
le procedure previste dall'articolo 122, comma 7, del codice. A tali
procedure, ai sensi dell'articolo 3, comma 4, del decreto
legislativo, non si applica il termine dilatorio di cui all'articolo
11, comma 10, del codice.
Art. 10

Lavori in economia

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 7, comma 2, i
lavori di cui all'articolo 2, comma 1, lettere b) e c), possono
essere eseguiti in economia secondo le modalita' di cui agli articoli
65, 66 e 67 del regolamento per gli appalti della difesa, entro i
seguenti limiti massimi di importo:
a) 200.000 euro, per i lavori a mezzo cottimo fiduciario;
b) 200.000 euro per i lavori in amministrazione diretta;
c) senza limiti di importo, per i lavori eseguiti a mezzo reparti
del Genio militare.
2. Per i lavori il cui valore e' superiore a 80.000 euro e fino a
200.000 euro, l'affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel
rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parita' di
trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori
economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati
sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori
economici predisposti dalla stazione appaltante. Per i lavori il cui
importo e' inferiore o uguale a 80.000 euro, e' consentito
l'affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento.
Art. 11

Certificato di regolare esecuzione

1. Per i lavori specificatamente militari e per quelli connessi a
forniture di materiale militare fino all'importo di un milione di
euro, il certificato di collaudo e' sostituito da quello di regolare
esecuzione; per i lavori di importo superiore, ma non eccedenti la
soglia di cui all'articolo 10, comma 1, lettera b), del decreto
legislativo, e' in facolta' della stazione appaltante di sostituire
il certificato di collaudo con quello di regolare esecuzione.
Art. 12

Consegna anticipata

1. Per le opere non eccedenti l'importo di cui all'articolo 10,
comma 1, lettera b), del decreto legislativo, le constatazioni
finalizzate alla consegna anticipata possono essere effettuate dal
direttore dei lavori.

Titolo III

CONTRATTI RELATIVI A FORNITURE E SERVIZI

Capo I

Disposizioni particolari in materia di esecuzione contrattuale e
verifica di conformita'

Sezione I

Disposizioni particolari in materia di esecuzione

Art. 13

Enti committenti, esecutori e fruitori del contratto

1. In caso di contratti che soddisfano le esigenze di una o piu'
Forze armate, ovvero di uno o piu' enti, la stazione appaltante
individua, in conformita' con le disposizioni del codice
dell'ordinamento militare, uno o piu' enti committenti, esecutori e
fruitori del contratto, i quali, anche fuori del territorio
nazionale:
a) curano l'esecuzione contrattuale secondo le modalita'
stabilite dai documenti contrattuali;
b) verificano il regolare svolgimento dei servizi;
c) effettuano la verifica di conformita';
d) accertano, in termini di quantita' e qualita', il rispetto
delle prescrizioni previste nei documenti contrattuali;
e) svolgono, in modo autonomo, le funzioni che il regolamento
generale attribuisce al direttore dell'esecuzione;
f) svolgono le altre funzioni previste dai documenti
contrattuali.
Art. 14

Esecuzione anticipata del contratto

1. Il responsabile del procedimento puo' autorizzare, con
provvedimento motivato, l'esecuzione anticipata dell'intera
prestazione contrattuale dopo l'intervenuta efficacia
dell'aggiudicazione definitiva, anche prima della stipula del
contratto stesso:
a) se il contratto ha per oggetto forniture di beni o servizi
indicati all'articolo 2 che debbono essere immediatamente consegnati
o eseguiti, in ragione della loro stessa natura ovvero del luogo in
cui le prestazioni devono essere rese;
b) nei casi di comprovata urgenza.
2. Nelle ipotesi di esecuzione anticipata di cui al comma 1, il
responsabile del procedimento, in caso di successiva mancata stipula
del contratto, tiene conto di quanto gia' eventualmente predisposto o
fornito ai fini del rimborso delle spese ai relativi esecutori o
fornitori.
Art. 15

Provvista di servizi e forniture
per il supporto tecnico-logistico

1. Fermo restando il limite dell'importo fissato dal bando o
dall'avviso di gara, o in mancanza, dall'atto negoziale, quando non
e' possibile predeterminare con esattezza la quantita' delle
prestazioni e dei relativi oneri, i servizi e le forniture per il
supporto tecnico - logistico degli organismi della Difesa possono
essere approvvigionati mediante contratti a quantita' indeterminata.

Sezione II

Disposizioni particolari in materia di verifica di conformita'

Art. 16
[ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
D2C
Rexipal

NEWS NORMATIVA

20/9 - Ascensore in condominio, serve il permesso di costruire?

Tar Lombardia: se installato all’esterno il titolo abilitativo può essere superfluo, ma è richiesto il consenso dell’assemblea

19/9 - Ricostruzione con sagoma diversa, è una nuova costruzione?

La Cassazione spiega il concetto di sagoma di ingombro e l’importanza del rispetto delle distanze tra edifici


Profilpas
Sicurezza Cantieri