Carrello 0

Scheda Normativa

Decreto 11/02/2015

(Gazzetta ufficiale 12/03/2015 n. 59)

Ministero dello Sviluppo Economico - Approvazione del Manuale delle procedure per il procedimento di rilascio delle autorizzazioni applicabili ai progetti di interesse comune (Regolamento (UE) n. 347/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 aprile 2013 sugli orientamenti per le infrastrutture energetiche transeuropee)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l'art. 87 della Costituzione;
Visto l'art. 288 del Trattato sul Funzionamento dell'Unione
europea;
Vista la direttiva 2009/72/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa a norme comuni per il mercato
interno dell'energia elettrica, che abroga la direttiva 2003/54/CE e
la direttiva 2009/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 13
luglio 2009 relativa a norme comuni per il mercato interno del gas
naturale e che abroga la direttiva 2003/55/CE, e la disciplina
nazionale di recepimento;
Vista la legge 7 agosto 1990 n. 241, recante Nuove norme in materia
di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti
amministrativi;
Visto il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante
attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il
mercato interno del gas naturale, a norma dell'art. 41 della legge 17
maggio 1999, n. 144;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999 n. 79, recante
attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il
mercato interno dell'energia elettrica;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 239, recante riordino del settore
energetico;
Visto l'art. 52-quinquies del decreto del Presidente della
Repubblica 8 giugno 2001, n. 327, recante Testo unico delle
disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione
per pubblica utilita';
Visto il decreto legge 1° ottobre 2007, n. 159, recante Interventi
urgenti in materia economico-finanziaria, per lo sviluppo e l'equita'
sociale convertito con modificazioni dalla L. 29 novembre 2007, n.
222, in particolare l' art. 46, procedure di autorizzazione per la
costruzione e l'esercizio di terminali di rigassificazione di gas
naturale liquefatto;
Vista la legge 23 luglio 2009, n. 99, recante disposizioni per lo
sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonche' in materia
di energia;
Visto il decreto legislativo 1° giugno 2011, n. 93, recante
Attuazione delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE
relative a norme comuni per il mercato interno dell'energia
elettrica, del gas naturale e ad una procedura comunitaria sulla
trasparenza dei prezzi al consumatore finale industriale di gas e di
energia elettrica, nonche' abrogazione delle direttive 2003/54/CE e
2003/55/CE;
Visto il decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito in
legge, con modificazioni, dall' art. 1, comma 1, legge n. 11 novembre
2014, n. 164;
Visto il Regolamento (Ue) N. 347/2013 del Parlamento Europeo e del
Consiglio del 17 aprile 2013 sugli orientamenti per le infrastrutture
energetiche trans europee, che tra l'altro stabilisce un quadro
giuridico e politico globale per ottimizzare lo sviluppo delle reti
energetiche a livello europeo entro il 2020 e oltre;
Visto in particolare l'art. 9, paragrafo 1 del citato regolamento
(UE) n. 347/2013, che prevede che ciascuno Stato membro o autorita'
competente pubblichi un manuale delle procedure per il procedimento
di rilascio delle autorizzazioni applicabili ai progetti di interesse
comune;
Viste il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 5
dicembre 2013 n. 158, recante il Regolamento di organizzazione del
Ministero dello sviluppo economico;
Ritenuto di dover approvare il MANUALE delle pro [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Living Now
Normablok Più S40 HP

NEWS NORMATIVA

22/10 - Varianti, quando diventano abusi edilizi?

La Cassazione spiega quando è necessario ottenere un altro permesso di costruire e quando invece si possono regolarizzare le opere entro la fine dei lavori

18/10 - Danni durante i lavori, chi è il responsabile?

La Cassazione spiega la differenza tra danni causati da chi effettua i lavori e danni provocati dalla ‘cosa’ su cui si effettuano gli interventi


Cordivari
Keraflex