Torggler
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto 15/11/ 2018 n. 5

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Il Commissario Straordinario per la ricostruzione del viadotto Polcevera - Approvazione delle specifiche tecniche propedeutiche all'avvio di una consultazione di mercato finalizzata all'instaurazione di una procedura negoziata senza pubblicazione di bando avente ad oggetto l'appalto dei lavori di demolizione del ponte Morandi e di ricostruzione del nuovo ponte sul Polcevera

Decreto 16/11/2018 n. 6

(Gazzetta ufficiale 22/11/2018 n. 272)

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Il Commissario Straordinario per la ricostruzione del viadotto Polcevera - Individuazione del termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse alla fase di consultazione di mercato finalizzata all'instaurazione di una procedura negoziata senza pubblicazione di bando avente ad oggetto l'appalto dei lavori di demolizione del ponte Morandi e di ricostruzione del nuovo ponte sul Polcevera

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO
per la ricostruzione del viadotto Polcevera
dell'autostrada A10
(D.P.C.M. 4 ottobre 2018)

Visto il decreto-legge 28 settembre 2008, n. 109 recante
«Disposizioni urgenti per la citta' di Genova, la sicurezza della
rete nazionale delle infrastrutture e dei trasporti, gli eventi
sismici del 2016 e 2017, il lavoro e le altre emergenze», pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana il 28 settembre
2018, n. 226;
Visto l'art. 1, comma 1 del citato decreto-legge n. 109/2018 che
prevede la nomina di un Commissario straordinario al fine di
garantire, in via d'urgenza, le attivita' per la demolizione, la
rimozione, lo smaltimento e il conferimento in discarica dei
materiali di risulta, nonche' per la progettazione, l'affidamento e
la ricostruzione dell'infrastruttura ed il ripristino del connesso
sistema viario;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 4
ottobre 2018 con il quale, in applicazione dell'art. 1, comma 1, del
predetto decreto-legge, il sindaco di Genova, dott. Marco Bucci, e'
stato nominato quale Commissario straordinario;
Visto l'art. 1, comma 5 del decreto-legge n. 109/2018 il quale
dispone che, in relazione alle predette attivita', il Commissario
straordinario operi in deroga ad ogni disposizione di legge
extrapenale, fatto salvo il rispetto dei vincoli inderogabili
derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea;
Visto l'art. 1, comma 7 del medesimo decreto-legge il quale prevede
che il Commissario straordinario affidi, ai sensi dell'art. 32 della
direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26
febbraio 2014, la realizzazione delle attivita' concernenti il
ripristino del sistema viario, nonche' quelle propedeutiche e
connesse, ad uno o piu' operatori economici, ad esclusione di quelli
specificatamente menzionati nella disposizione di legge in esame;
Visto l'art. 32 della direttiva 2004/24/UE, rubricato «Uso della
procedura negoziata senza previa pubblicazione», il quale dispone che
le amministrazioni aggiudicatrici possono aggiudicare appalti
pubblici mediante una procedura negoziata senza previa pubblicazione
di un bando in presenza di casi tassativamente identificati, fra cui
sono contemplate - al comma 2, lettera c - le ragioni di estrema
urgenza derivanti da eventi imprevedibili dall'amministrazione
aggiudicatrice che non consentono di rispettare i termini per le
procedure aperte o per le procedure ristrette o per le procedure
competitive con negoziazione;
Richiamato integralmente il decreto di questo Commissario
straordinario n. 5 del 2018;
Ritenuta l'opportunita' di individuare il termine per la
presentazione delle manifestazioni di interesse alla fase di
consultazione di mercato entro le ore 12,00 del 26 novembre 2018,
specificando le seguenti indicazioni cui le imprese interessate si
dovranno attenere:
gli operatori economici potranno manifestare il proprio interesse
per la partecipazione alla procedura, presentando un preliminare
progetto di fattibilita' degli interventi in oggetto, specificando,
altresi', tempi di realizzazione, dimensione economica
dell'operazione, tipologia ed entita' delle interferenze;
le soluzioni progettuali proposte potranno, altresi', essere
limitate alla sola attivita' di demolizione, rimozione, smaltimento e
conferimento in discarica dei detriti, ovvero ricomprendere, a
discrezione dell'operatore economico interessato, anche le attivita'
di progettazione, affidamento, ricostruzione dell'infrastruttura,
nonche' il ripristino del connesso sistema viario, ovvero a tutte le
attivita' di cui sopra;
questo Commissario straordinario, all'esito dell'esame della
proposta presentata, si riserva la piu' ampia facolta' di avviare una
fase di negoziazione per addivenire alla condivisione completa
dell'intervento, all'aggiudicazione dell'appalto, rinviando al
seguito la comunicazione di tutti gli aspetti connessi alla
disciplina contrattuale ed alle relative garanzie;
sara' onere di questo Commissario straordinario rendere
disponibili le aree per l'esecuzione dell'intervento di demolizione e
ricostruzione dell'infrastruttura;
le imprese interessate dovranno, altresi', dichiarare la
sussistenza dei requisiti di carattere generale di cui all'art. 80,
decreto legislativo n. 50/2016 e di essere in possesso delle
attestazioni SOA necessarie all'esecuzione degli interventi proposti;
la partecipazione alla fase di consultazione di mercato non e'
riconducibile ad alcuna procedura comparativa e non e' impegnativa,
sotto alcuno profilo, per questo Commissario straordinario che si
riserva l'avvio della successiva fase di negoziazione con uno o piu'
soggetti che, a suo insindacabile giudizio, avranno formulato
proposte adeguate;
l'operatore economico interessato, ai fini dell'esecuzione
dell'intervento, potra' costituire un raggruppamento temporaneo di
imprese, indicando anche soggetti diversi nel ruolo di capofila,
purche' tutte in possesso dei requisiti di ordine generale e delle
necessarie attestazioni SOA;
l'operatore economico interessato potra', altresi', comunicare di
volersi avvalere del ricorso al subappalto per taluni interventi a
favore di soggetti qualificati. In tal caso, all'esito della
successiva fase di negoziazione, il contratto dovra' prevedere i
limiti del ricorso all'istituto del subappalto;
tutti gli oneri derivanti dalla partecipazione alla presente fase
restano ad esclusivo carico dell'operatore economico interessato;
l'arch. Roberto Tedeschi e' il responsabile del procedimento;

Decreta

richiamato integralmente quanto in premessa:
1) gli operatori economici interessati alla fase di consultazione,
anche in relazione al punto 5) del proprio decreto n. 5/2018,
potranno formulare le proprie proposte, in conformita' alle
specifiche tecniche approvate con il suddetto decreto, inviandole
entro le ore 12,00 del giorno 26 novembre 2018 alla sede legale della
struttura commissariale, in Genova, Via di Francia, n. 3, ovvero
all'indirizzo di posta elettronica certificata:
commissario.ricostruzione.genova@postecert.it
2) a tal fine le imprese interessate dovranno attenersi alle
seguenti indicazioni:
potranno manifestare il proprio interesse per la partecipazione
alla procedura, presentando un preliminare progetto di fattibilita'
degli interventi in oggetto, specificando, altresi', tempi di
realizzazione, dimensione economica dell'operazione, tipologia ed
entita' delle interferenze;
le soluzioni progettuali proposte potranno, altresi', essere
limitate alla sola attivita' di demolizione, rimozione, smaltimento e
conferimento in discarica dei detriti, ovvero ricomprendere, a
discrezione dell'operatore economico interessato, anche le attivita'
di progettazione, affidamento, ricostruzione dell'infrastruttura,
nonche' il ripristino del connesso sistema viario, ovvero a t [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
SIKAFLEX -11 FC+
Living Now

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


Vetrite
M.v.b.