Carrello 0

Scheda Normativa

Delibera/zione 27/12/2012 n. 3058

(Gazzetta regionale 12/02/2013 n. 22)

Regione Puglia - Sistema di allertamento per il rischio meteorologico, idrogeologico e idraulico. Approvazione schema di Protocollo con Ordini provinciali degli Ingegneri

L’Assessore alle Opere Pubbliche e Protezione Civile, sulla base dell’istruttoria espletata direttamente dal Dirigente del Servizio Protezione Civile, riferisce quanto segue:

Con deliberazione 23 aprile 2012, n. 800, la Giunta regionale ha approvato e adottato le “Procedure di allertamento del sistema regionale di protezione civile per il rischio meteorologico, idrogeologico ed idraulico” quale prima applicazione della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27.02.2004 e successive modifiche e integrazioni. Nell’ambito di dette Procedure, assume rilievo la fase di monitoraggio e sorveglianza in corso di evento, utile a comprendere, attraverso i dati rilevati dalla rete di telemisura nonché tramite notizie non strumentali reperite localmente, se la situazione che si sta determinando sul territorio è in linea con quanto indicato nella fase di previsione oppure se i fenomeni che si osservano possono prefigurare condizioni territoriali migliori o peggiori e quindi indirizzare l’azione dei soggetti competenti a gestire le eventuali situazioni di emergenza. Con la deliberazione n. 1824 del 25.09.2012, si è provveduto a definire un primo protocollo di intesa con l’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali - ARIF, finalizzato a costituire un primo nucleo di operatori regionali impegnati nelle attività dei presidi territoriali, ai quali affidare la fase di ricognizione e monitoraggio sul campo delle criticità in atto, soprattutto per quanto riguarda il rischia idraulico.
Per quanto attiene il rischio idrogeologico, si ritiene utile ed opportuno attivare necessarie collaborazioni con figure specialistiche che possono meglio supportare il complessivo servizio di allerta regionale, anche attraverso definizioni di intese con gli Ordini professionali, già inquadrati dalla normativa vigente in materia di protezione civile di cui alla legge n. 225/1992 e dalla recente legge n. 100/2012, quali componenti di riferimento del sistema nazionale di protezione civile.
Allo stato gli Ordini provinciali di Bari, Barletta/Andria/Trani, Brindisi, Foggia Lecce e Taranto degli Ingegneri hanno rappresentato la propria disponibilità a definire un protocollo di intesa biennale su base volontaria con finalità di protezione civile.
In particolare lo schema di protocollo di cui si propone l’approvazione, regola i rapporti tra la Regione Puglia - Servizio di Protezione Civile e i sei Ordini provinciali degli Ingegneri finalizzati al supporto su base volontaria per fronteggiare gli eventuali stati emergenziali a seguito di calamità naturali e per attività di prevenzione, monitoraggio e verifica per la mitigazione dei rischi insistenti sul territorio regionale.
Gli Ordini Professionali, in ragione della loro natura pubblica e delle specifiche competenze dei propri iscritti, si impegna a fornire alla Regione Puglia un apporto concreto e senza fini di lucro, organizzando e mettendo a disposizione dell’Ente Regionale un proprio “Gruppo di Protezione Civile”, da attivare su espressa richiesta del Servizio Regionale Protezione Civile con funzioni, secondo le proprie specifiche competenze professionali, sia di supporto tecnico o operativo alle istituzioni competenti nella fase di emergenza, sia di supporto al primo intervento tecnico nello svolgimento delle prime valutazioni per il ripristino delle normali condizioni di vita.

COPERTURA FINANZIARIA AI SENSI DELLA L.R. N.28/01 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI
La copertura della spesa conseguente al presente provvedimento, pari a complessive a/anno 90.000,00, per complessivi euro 180.000,00 nel biennio, quale riconoscimento agli ingegneri professionisti costituenti il “Gruppo di protezione Civile”, dei soli rimborsi per le maggiori spese e consumi sostenute per le specifiche attività di supporto alla Protezione Civile della Regione, è assicurata dalla dotazione finanziaria del capitolo di spesa del bilancio vincolato 531057 - residui di stanziamento 2009
La presente proposta di deliberazione è sottoposta all’esame della Giunta regionale ai sensi dell’art.4, comma 4, lett. k), della L.R. 4.2.1997, [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Alteas One
NORMABLOK PIU

NEWS NORMATIVA

18/02 - Immobili da costruire, pubblicato il decreto che tutela chi acquista ‘su carta’

Stipula dei contratti per atto pubblico o scrittura privata autenticata e obbligo di consegna della polizza decennale postuma

14/02 - Bonus mobili, ok alla detrazione se si sostituisce la caldaia

Agenzia delle Entrate: è necessario che ci sia un risparmio energetico rispetto alla situazione preesistente


ARYA indoor
ART-U