Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Legge regionale 12/12/ 2003 n. 26

Regione Lombardia - Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche

Delibera/zione 12/12/2013 n. 1086

(Gazzetta regionale 19/12/2013 n. 51)

Regione Lombardia - Direttiva per l’individuazione degli agglomerati, ai sensi dell’art. 44 comma 1, lettera c) della l.r. 12 dicembre 2003 n. 26 “Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche”

LA GIUNTA REGIONALE

Visti:
• la direttiva 1991/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane, che individua le modalità per la raccolta, il trattamento e lo scarico delle acque reflue urbane nel territorio della Unione Europea;
• la direttiva 2000/60/CE e successive modifiche, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque;
• il decreto 3 aprile 2006, n. 152 «Norme in materia ambientale» e successive modifiche e integrazioni, ed in particolare l’art. 74, comma 1, lettera n) del predetto decreto, che riporta la definizione di agglomerato;
• l’art. 44 della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26, che definisce le funzioni spettanti alla Regione in materia di disciplina delle risorse idriche;
• l’art. 48 comma 2, lettera h) della medesima legge regionale, ai sensi del quale spetta all’Ente responsabile dell’ATO l’individuazione degli agglomerati;
• l’art. 4 del regolamento regionale 24 marzo 2006 n. 3 , ai sensi del quale gli Enti responsabili dell’ATO, nel procedere all’individuazione degli agglomerati, si attengono alle direttive regionali emanate in proposito;

Atteso che l’agglomerato costituisce l’elemento di base per l’applicazione delle disposizioni normative riguardanti le reti fognarie e gli impianti di trattamento delle acque reflue urbane;

Considerata l’importanza, anche per gli adempimenti agli obblighi di comunicazione in sede nazionale e comunitaria in merito all’applicazione della Direttiva 1991/271/CEE, di definire gli elementi comuni da valutare per procedere ad una omogenea
individuazione degli agglomerati;

Preso atto che con precedente d.g.r. 17 maggio 2006 n. 2557 si era già proceduto all’emanazione di una direttiva per l’individuazione degli agglomerati;

Rilevata, anche a seguito dello svolgimento delle attività di competenza in materia di raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati richiesti in ottemperanza alla Direttiva 91/271/CEE, la necessità di fornire agli Enti Responsabili degli ATO specifiche più puntuali in merito alle modalità di individuazione degli agglomerati ed alla definizione del carico da essi generato;

Vista l’allegata proposta di nuova direttiva per l’individuazione degli agglomerati, condivisa con gli Enti Responsabili degli ATO;

Visto il PRS della X legislatura [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Photo Book
SIKAFLEX -11 FC+

NEWS NORMATIVA

14/11 - Decreto Genova, salta ‘il cuore’ del condono Ischia

Cancellato il riferimento alla legge del 1985 che avrebbe concesso disposizioni meno restrittive per le pratiche pendenti

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’


FLIR E53
Rehau