Penetron
Carrello 0

Scheda Normativa

Delibera/zione 03/10/2013 n. 1792

(Gazzetta regionale 22/10/2013 n. 89)

Regione Veneto - Fondo statale per interventi di prevenzione del rischio sismico di cui all'Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 52 in data 20 febbraio 2013. Decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 1431 del 15 aprile 2013, pubblicato nella G.U. del 10 luglio 2013. (L. 77/2009, art. 11)

L'Assessore Marialuisa Coppola, riferisce quanto segue:

l'art. 11 della Legge 24.06.09, n. 77 "Conversione in legge, con modificazioni del decreto legge 28 aprile 2009, n. 39, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella Regione Abruzzo nel mese di aprile 2009 e ulteriori interventi urgenti di protezione civile", stabilisce l'istituzione di un fondo per la prevenzione del rischio sismico, quantificato nell'importo complessivo di 960 milioni di Euro, così ripartiti:

- 44 milioni per l'anno 2010;

- 145,1 milioni per l'anno 2011;

- 195,6 milioni per ciascuno degli anni 2012, 2013 e 2014;

- 145,1 milioni per l'anno 2015;

- 44 milioni per l'anno 2016.

Per quanto riguarda le annualità statali 2010 e 2011, l'attuazione delle iniziative è avvenuta con le OPCM 3907 del 13/11/2010 (G.U. 281 del 01.12.2010) e OPCM 4007 del 29/02/2012 (G.U. del 7.03.2012):

ANNUALITA' 2010:

Il DPCM 10/12/2010 (G.U. 42 del 21.02.2011) ha assegnato al Veneto €. 1.464.680.82 così suddivisi:

- Euro 154.176,93 per indagini di micro zonazione sismica;

- Euro 1.310.503,89 per interventi di rafforzamento locale e miglioramento sismico su edifici pubblici.

Le iniziative, avviate con bando di cui alla DGR 3533 del 30/12/2012 e le cui graduatorie sono state approvate con DGR 359 del 29 marzo 2011 e 1496 del 20/09/2011, hanno finanziato 14 indagini di micro zonazione sismica e n. 11 interventi su edifici strategici e rilevanti di proprietà comunale (1 intervento successivamente revocato), per complessivi Euro 1.464.680,82.

ANNUALITA' 2011:

Il DPCM 16/03/2012 (G.U. del 15.06.2012) ha assegnato al Veneto Euro 5.668.789,76, così suddivisi:

- Euro 404.913,55 per indagini di micro zonazione sismica;

- Euro 4.238.100,97 per interventi di rafforzamento locale e miglioramento sismico su edifici pubblici;

- Euro 1.025.775,24 per interventi di rafforzamento locale e miglioramento sismico su edifici privati.

Le iniziative, avviate con bando di cui alla DGR 655 del 17/04/2012, e le cui graduatorie sono state approvate con DGR 1575 del 31/07/2012 (micro zonazione sismica più interventi su edifici pubblici) e DGR 87 del 29/01/2013 (interventi su edifici privati) hanno finanziato 21 indagini di micro zonazione sismica, 12 interventi di rafforzamento locale e miglioramento sismico su edifici strategici e rilevanti di proprietà comunale, e n. 55 interventi di rafforzamento locale e miglioramento sismico su edifici privati, per complessivi Euro 5.668.789,76.

Ora, con Ordinanza del Capo del Dipartimento di Protezione Civile 52 del 20 febbraio 2013 (di seguito 'Ordinanza'), è stata avviata analoga iniziativa, relativa all'annualità statale 2012, il cui bando è stato approvato da questa Regione con D.G.R. 884 del 04 giugno 2013 (B.U.R. n. 52 del 21/06/2013), per le seguenti fattispecie:

- indagini di micro zonazione sismica; [tipologia 1]

- interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico di cui alla lettera b) del comma 1 dell'art. 2 della citata Ordinanza (edifici pubblici); [tipologia 2]

- interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico di cui alla lettera c) del comma 1 dell'art. 2 della citata Ordinanza (edifici privati); [tipologia 3]

- interventi strutturali di rafforzamento locale e di miglioramento sismico di cui alla lettera c) del comma 1 dell'art. 2 della citata Ordinanza (edifici privati ad uso produttivo). [tipologia 4]

Con Decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile 15 aprile 2013, pubblicato nella G.U. del 10 luglio 2013 (di seguito 'Decreto'), è stato pubblicato il riparto dei finanziamenti, per l'annualità statale 2012, che ha assegnato a questa Regione risorse per complessivi Euro 7.531.392,12, di cui Euro 647.861,69 riservati alle indagini di micro zonazione sismica [tipologia 1].

Per le tipologie 2, 3 e 4 sono attualmente in corso le fasi istruttoria e/o di ricevimento domande, pertanto le graduatorie di merito potranno essere approvate non appena individuati i soggetti beneficiari.

Per le indagini di micro zonazione sismica [tipologia 1], il bando ha previsto lo scorrimento della graduatoria 2011, già approvata con DGR 1575/2012, previa acquisizione delle manifestazioni di interesse al contributo (Allegato B della DGR 884/2013).

Per tale tipologia 1, è stata prevista la scadenza per l'invio delle manifestazioni di interesse al contributo (Allegato B alla DGR 884/13) al 31.07.2013.

Entro tale data, sono pervenute alla Struttura Regionale competente n. 51 manifestazioni di interesse al contributo per indagini di micro zonazione sismica, come elencato nell'Allegato A "O.C.D.P.C.. 52 del 20 febbraio 2013. Indagini di micro zonazione sismica relative all'Annualità 2012: Graduatoria delle domande ammesse..

Considerate le risorse a disposizione per le suddette indagini di micro zonazione sismica, che ammontano ad Euro 647.861,69, risultano ora finanziabili n. 40 interventi, per un importo complessivo di Euro 639.795,00, come evidenziato nel medesimo Allegato A.

La citata graduatoria, di cui all'Allegato A, potrà eventualmente essere ulteriormente utilizzata per i contributi che si rendessero disponibili per le annualità statali successive al 2012, a seguito di appositi provvedimenti di Giunta Regionale.

A seguito della pubblicazione del "Decreto", è ora possibile definire in dettaglio modalità e tempistiche finali per la corretta gestione amministrativa dei contributi di micro zonazione sismica:

- Entro il 10/12/13 (150 gg dal 10/07/12, data di pubblicazione del Decreto): affidamento, da parte dei Comuni beneficiari, degli incarichi di redazione degli studi di micro zonazione sismica;

- Entro il 10/05/14 (180 giorni successivi), la Regione acquisisce dai Comuni, gli elaborati finali. Gli studi devono essere redatti dal Comune secondo le specifiche e le modalità, anche informatiche, previste dall'Ordinanza, nonché approvati dallo stesso Comune con apposito provvedimento;

- Entro il 10/08/14 la Regione, salvo proroghe motivate per la trasmissione degli studi da parte dei Comuni, provvede alla trasmissione degli elaborati alla Commissione di cui all'art. 7 dell'Ordinanza 3907/10.

Acquisito il parere della Commissione menzionata all'alinea precedente, la regione provvede all'approvazione definitiva da parte delle Regioni e al saldo del contributo.

Il relatore, conclude la propria relazione e propone all'approvazione delle Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la Strutture competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


download
Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Marcegaglia Buildtech
Vetrite

NEWS NORMATIVA

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole

13/12 - Pavimentazioni industriali, le regole per progettarle

La Regione Toscana spiega in quali casi, ai sensi delle NTC2018, sono considerate strutture e vanno progettate da tecnici abilitati


Living Now
Capannoni Kopron