WMC
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Delibera/zione 05/06/ 2012 n. 1065

Regione Veneto - Piano straordinario di interventi finanziari per il sostegno delle PMI colpite in Veneto dal sisma del 20 maggio 2012

Delibera/zione 12/03/2013 n. 321

(Gazzetta regionale 02/04/2013 n. 30)

Regione Veneto - Piano straordinario di interventi finanziari per il sostegno delle PMI colpite in Veneto dal sisma a partire dal mese di maggio 2012. Proroga dell'agevolazione al 30 giugno 2015 e nuove tipologie di intervento

L'Assessore Marialuisa Coppola, riferisce quanto segue.

Con Deliberazione n. 1065 del 5 giugno 2012, la Giunta Regionale, a seguito dell'evento sismico che ha colpito vaste zone della Pianura Padana a partire dal mese di maggio 2012, ha approvato un intervento straordinario a favore delle PMI che, in conseguenza del terremoto, hanno subito danni.

In particolare, il citato provvedimento n. 1065/2012 ha previsto finanziamenti agevolati a tasso zero per le PMI appartenenti ai settori dell'artigianato, industria, commercio e dei servizi attraverso l'utilizzo dei Fondi di rotazione di cui alle Leggi regionali 17 gennaio 2002, n. 2, art. 21, 9 febbraio 2001, n. 5, art. 23 e 18 gennaio 1999, n. 1, art. 6 e dalla DGR n. 362 del 20 febbraio 2007, strumentazioni agevolative gestite dalla finanziaria regionale "Veneto Sviluppo S.p.A.".

Le concomitanti cause dovute ad una crisi economica che perdura e condiziona la produzione e la contestuale prolungata crisi generata dal sisma soprattutto sul sistema produttivo suggeriscono alla Giunta Regionale di prorogare le agevolazioni in questione fino al 30 giugno 2015, con le stesse modalità operative stabilite dalla citata DGR n.1065/2012, apportando le seguenti modifiche ed integrazioni:

- sono ammissibili le PMI interessate dal sisma ed ubicate nei territori dei Comuni il cui elenco è stato individuato con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 95 del 21 maggio 2012 e successivamente con Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 1° giugno 2012, con Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74, allegato 1, convertito dalla Legge 1° agosto 2012, n. 122 e con la Legge 7 agosto 2012, n. 134, articolo 67-septies, di conversione del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83;

- al fine di migliorare la resistenza sismica di immobili a destinazione produttiva coinvolti dal sisma, senza averne subito danneggiamenti, e favorire il conseguimento della relativa "agibilità sismica" sono ammissibili interventi per le finalità di cui all'articolo 3, commi 8 e 10, del Decreto Legge 6 giugno 2012, n.74, convertito dalla Legge 1° agosto 2012, n. 122. Per tali fattispecie, l'importo concesso è compreso fra euro 5.000,00 ed euro 150.000,00 per singolo beneficiario.

Gli interventi di cui al presente provvedimento sono primariamente attivati con l'utilizzo del Fondo di rotazione per il Polesine, giusta DGR n. 362 del 27 febbraio 2007, in gestione presso "Veneto Sviluppo S.p.A.".

Ciò premesso, anche alla luce dell'attuale difficile situazione economico-finanziario che interessa ampie aree del territorio produttivo regionale e, considerata la particolare situazione in cui si trovano ad operare le imprese nell'area colpita dal terremoto, il parere da parte della competente Commissione Consiliare, ai sensi della Legge regionale 9 febbraio 2001, n. 5, art. 23, 17 gennaio 2002, n. 2, art. 21 e 28 dicembre 2012, n. 50, art. 15, è acquisito in via successiva.

Il relatore conclude la propria relazione e sottopone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

Udito il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, quarto comma, dello Statuto, il quale dà atto che la Struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

Visti il Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 95 del 21 maggio 2012;

il Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze dell'1 giugno 2012, il Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74, allegato 1, convertito dalla Legge 1 agosto 2012, n. 122 e la legge 7 agosto 2012, n. 134, articolo 67-septies, di conversione del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83;

le Leggi Regionali 18 gennaio 1999, n.1, art. 6, 9 febbraio 2001, n. 5, art. 23, 17 gennaio 2002, n. 2, art. 21, 13 agosto 2004, n. 19 e 28 dicembre 2012, n. 50, art. 15;

le Deliberazioni della Giunta Regionale n. 362 del 27 febbraio 2007, e n. 1065 del 5 giugno 2012

delibera

1. di stabilire che le premesse fanno parte integrante del presente provvedimento;

2. di confermare, fino al 30 giugno 2015, l'intervento straordinario previsto dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 1065 del 5 giugno 2012 a favore delle Piccole e Medie Imprese dei settori artigianato, industria, commercio e servizi danneggiate dagli eventi sismici a partire dal mese di maggio 2012 apportando le seguenti modifiche ed integrazioni:

a) sono ammissibili le PMI interessate dal sisma ed ubicate nei territori dei Comuni il cui elenco è stato individuato con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 95 del 21 maggio 2012 e successivamente con Decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 1° giugno 2012, con Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74, allegato 1, convertito dalla Legge 1° agosto 2012, n. 122 e con la Legge 7 agosto 2012, n. 134, articolo 67-septies, di conversione del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83;
[ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Knauf manuale antincendio
DrainBeton

NEWS NORMATIVA

19/11 - Progetto Bellezz@, in arrivo 150 milioni di euro per 271 progetti

Gli Enti dovranno completare l’invio della documentazione e stipulare le convenzioni col Mibac. Una Commissione valuterà la regolarità delle procedure

16/11 - Sismabonus, gli ingegneri sismici: ‘potenziare le agevolazioni fiscali’

ISI propone tetti di spesa in base ai metri quadri e bonus per diagnosi sismiche anche senza lavori. Su quest’ultimo punto c’è un emendamento del M5S


Core
WMC