Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Piano urbanistico 10/04/ 2012 n. 427

Regione Veneto - Piano Territoriale Regionale di Coordinamento (PTRC 2009). Adozione variante parziale con attribuzione della valenza paesaggistica. L.R. 23 aprile 2004, n. 11 - art. 25 e art. 4

Legge regionale 23/04/ 2004 n. 11

Regione Veneto - Norme per il governo del territorio

Delibera/zione 04/06/2013 n. 812

(Gazzetta regionale 25/06/2013 n. 53)

Regione Veneto - Piano Territoriale Regionale di Coordinamento (PTRC 2009).Variante parziale con attribuzione della valenza paesaggistica. L.R. 23 aprile 2004, n. 11 - art. 25 e art. 4, D.Lgs. 42/2004 "Codice per i Beni Culturali e del Paesaggio" e D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152 . Autorizzazione attività finalizzate alla presentazione dei contenuti

Il Vicepresidente, Marino Zorzato, riferisce quanto segue.

La Regione del Veneto, con deliberazione di Giunta n. 427 del 10/04/2013 ha adottato la variante parziale al PTRC 2009, ai sensi della L.R. 11/2004, con specifica considerazione dei valori paesaggistici, di cui al D.lgs 42/2004, e contenente un aggiornamento dei contenuti urbanistico-territoriali, conseguente alle mutate condizioni dei comparti dell'economia, della produttività, dei servizi di eccellenza, della sicurezza idraulica.

La variante al PTRC con valenza paesaggistica adottata dalla Giunta Regionale risulta composta dai seguenti elaborati:

¿ Relazione illustrativa;

¿ Elaborati grafici:

- Tav. 01c Uso del suolo - Idrogeologia e Rischio Sismico;

- Tav. 04 Mobilità;

- Tav. 08 Città, motore di futuro;

- Tav. 09 Sistema del territorio rurale e della rete ecologica (n. 23 tavole);

¿ Rapporto Ambientale - Sintesi non tecnica;

¿ Documento di valutazione di incidenza;

¿ Documento per la pianificazione paesaggistica comprendente:

1. Ambiti di paesaggio

2. Quadro per la ricognizione dei beni paesaggistici

3. Atlante ricognitivo

4. Sistemi di valori:

4.1 I siti patrimonio dell'Unesco

4.2 Le Ville Venete

4.3 Le Ville del Palladio

4.4 Parchi e giardini di rilevanza paesaggistica

4.5 Forti e manufatti difensivi

4.6 Archeologia industriale

4.7 Architetture del Novecento

¿ Norme Tecniche

La Variante parziale al PTRC è stata pubblicata sul supplemento al B.U.R. n. 39 del 3 maggio 2013, depositata e resa disponibile alla consultazione presso la Direzione Regionale Pianificazione Territoriale e Strategica e le sedi provinciali della Regione del Veneto, nonché sul sito internet della Regione del Veneto.

La L.R. 11/04 all'art. 25 prevede che entro centoventi giorni dalla pubblicazione dell'avvenuto deposito di cui al comma 4, gli enti locali, le Comunità montane, le autonomie funzionali, le organizzazioni e le associazioni economiche e sociali, nonché chiunque ne abbia interesse, possano presentare alla Giunta regionale osservazioni e proposte.

A tal fine si ritiene opportuno dare massima divulgazione al documento adottato, promuovendo la realizzazione, secondo lo schema dell'iniziativa già realizzata nel 2012 "Sette azioni per aggiornare il P.T.R.C. adottato", di incontri di presentazione ed illustrazione, denominati "Il PTRC per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio: il risultato delle 7 Azioni " da tenersi indicativamente nei mesi di luglio/agosto prossimi nel territorio delle province del Veneto.

Le date e le sedi degli incontri saranno comunque comunicati attraverso gli strumenti di informazione consueti (locandine, inviti, pubblicizzazione sulle testate locali) e attraverso il sito www.ptrc.it.

Nell'ambito di tali incontri saranno illustrati i contenuti della variante adottata, al fine di facilitare ulteriori eventuali contributi di proposta/modifica da includere nella fase di recepimento delle osservazioni, che decorre dalla pubblicazione del Piano.

In queste occasioni sarà anche distribuito un documento di sintesi concettuale, denominato "Quaderno delle strategie" in formato cartaceo, con allegati due DVD, di cui uno contenente tutti gli elaborati che compongono il Piano in oggetto e uno contenente la documentazione filmica di alcuni momenti significativi che hanno caratterizzato il percorso di elaborazione della variante con valenza paesaggistica, come adottata dalla Giunta Regionale.

La divulgazione della variante al PTRC costituisce senza dubbio un momento importante per quanti, amministratori, operatori tecnici, privati cittadini intendono esaminarne i contenuti anche per quanto emerso nel corso del percorso di partecipazione e concertazione realizzato nel 2012, ai sensi degli artt. 5 e 25 della L.R. 11/04, e per favorire il dialogo e l'apertura della partecipazione a tutti i possibili interessati.

Appare opportuno far presente che la variante, grazie all'attribuzione della valenza paesaggistica, avvia l'elaborazione dei PPRA (Piani Paesaggistici Regionali d'Ambito), che sono una componente essenziale della pianificazione paesaggistica regionale, redatta in conformità al "Codice per i Beni Culturali e del Paesaggio" e in attuazione dell'Intesa Stato-Regione tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Regione del Veneto, sottoscritta nel 2009: a questo proposito appare significativo rilevare che la Regione sta già provvedendo all'elaborazione di alcuni PPRA per i quali intende promuovere l'attivazione di un adeguato confronto con le realtà territoriali locali.

E' significativo inoltre evidenziare che lo stesso "Codice", all'art. 144, indica la necessità di garantire "ampie forme di pubblicità" nei procedimenti di approvazione dei piani paesaggistici, al fine di assicurare modalità idonee di partecipazione, informazione e comunicazione.

Per realizzare gli eventi di presentazione della variante come adottata dalla Giunta Regionale, si propone di demandare al Dirigente della Direzione Pianificazione Territoriale e Strategica l'organizzazione degli incontri pubblici per la presentazione della stessa, da svolgersi indicativamente nei mesi di luglio/agosto prossimi nelle sedi idonee del territorio delle province del Veneto, prevedendo a tale scopo una spesa massima di € 40.000,00= (IVA ed ogni altro onere incluso), di cui € 30.000,00 per le attività connesse allo svolgimento degli incontri ed eventuali attività conseguenti e € 10.000,00 per la pubblicizzazione dell'iniziativa sulle testate locali.

La spesa di € 30.000,00 concernente la tipologia "Convegni" e la spesa di € 10.000,00 concernente la tipologia "Pubblicità" di cui si prevede l'impegno con il presente atto non sono soggette alle limitazioni di cui alla L.R. 1/2011, in quanto rientranti nelle attività di partecipazione previste dalla L.R. 11/2004 (artt. 5 e 25), dal D.Lgs. 42/2004 "Codice per i Beni Culturali e del Paesaggio" e dal D.Lgs 152/2006, nelle more dell'adozione del piano pubblicitario che prevederà la relativa spesa.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione, ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la Struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

VISTO l'art. 25 della L.R. 23 aprile 2004, n. 11 e succ. mod. int.;

VISTO il D.lgs 42/2004 e succ. mod. int.;

VISTO il D.lgs 152/2006 e succ. mod. int.;

VISTA la DGR n. 372 del 17/02/2009;

VISTA la DGR n. 1705 del 26/10/2011;

VISTA la DGR n. 962 del 5/06/2012;

VISTA la DGR n. 427 del 10 [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Rockwool
SIKAFLEX -11 FC+

NEWS NORMATIVA

13/11 - Comunicazioni elettroniche negli appalti, niente obbligo sotto i 1000 euro

L’Anac chiarisce: lo prevede una disposizione della Finanziaria 2007 ancora in vigore

13/11 - Pagamenti della PA, proposti tempi più elastici solo se motivati dal tipo di contratto

Un emendamento al disegno di legge europea 2018 propone anche il rilascio del certificato di pagamento entro 7 giorni dal collaudo


New Essence
UP