Penetron
Carrello 0

Scheda Normativa

Delibera/zione 17/12/2013 n. 93

(Gazzetta ufficiale 28/03/2014 n. 73)

Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica - Regione Abruzzo - Ricostruzione post-sisma dell'aprile 2009. Utilizzo da parte dell'Ufficio scolastico regionale di risorse finanziarie di cui all'OPCM n. 3979/2011. Presa d'atto

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visti gli articoli 60 e 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289
(legge finanziaria 2003), con i quali vengono istituiti, presso il
Ministero dell'economia e delle finanze e il Ministero delle
attivita' produttive, i Fondi per le aree sottoutilizzate,
coincidenti con l'ambito territoriale delle aree depresse di cui alla
legge 30 giugno 1998, n. 208 e al Fondo istituito dall'art. 19, comma
5, del decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96;
Visto l'art. 1, comma 2, del decreto-legge 8 maggio 2006, n. 181,
convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, che trasferisce al
Ministero dello sviluppo economico le funzioni di cui all'art. 24,
comma 1, lettera c) del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
ivi inclusa la gestione del Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS);
Visto il decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con
modificazioni nella legge 9 aprile 2009, n. 33 e, in particolare,
l'art. 7-quinquies, commi 10 e 11, che istituisce presso la
Presidenza del Consiglio dei Ministri il Fondo strategico per il
Paese a sostegno dell'economia reale;
Visto il decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito con
modificazioni nella legge 24 giugno 2009, n. 77, recante «Interventi
urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici
nella regione Abruzzo nel mese di aprile 2009 e ulteriori interventi
urgenti di protezione civile»;
Visto in particolare l'art. 14, comma 1, dello stesso decreto-legge
n. 39/2009, il quale prevede fra l'altro, che il CIPE assegni, per il
finanziamento degli interventi di ricostruzione e delle altre misure
di cui al medesimo decreto legge, un importo di 408,5 milioni di
euro, a valere sulle risorse del Fondo infrastrutture di cui all'art.
18 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito con
modificazioni nella legge 28 gennaio 2009, n. 2, e un importo non
inferiore a 2.000 e non superiore a 4.000 milioni di euro,
nell'ambito della dotazione del Fondo per le aree sottoutilizzate
(FAS) per il periodo di programmazione 2007-2013, a valere sulle
risorse complessivamente assegnate al citato Fondo strategico per il
Paese;
Visto il decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e visto in
particolare l'art. 7, commi 26 e 27, dello stesso decreto che ha
attribuito al Presidente del Consiglio dei Ministri la gestione del
FAS, prevedendo che lo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri o
il Ministro delegato si avvalgano, nella gestione del citato Fondo,
del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del
Ministero dello sviluppo economico;
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, concernente
disposizioni in materia di risorse aggiuntive e interventi speciali
per la rimozione di squilibri economici e sociali, in attuazione
dell'art. 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42, recante la delega al
Governo in materia di federalismo fiscale e visto in particolare
l'art. 4 del medesimo decreto legislativo, il quale dispone che il
FAS di cui all'art. 61 della legge n. 289/2002 assuma la
denominazione di Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) e sia
finalizzato a dare unita' programmatica e finanziaria all'insieme
degli interventi aggiuntivi a finanziamento nazionale, che sono
rivolti al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del
Paese;
Vista l'ordinanza del Presidente del Consiglio (OPCM) 11 novembre
2011, n. 3979, successivamente richiamata nell'ambito della delibera
di questo Comitato 23 marzo 2012, n. 43 (Gazzetta Ufficiale n.
153/2012), che - a valere sulle risorse stanziate per la
ricostruzione dal sopra richiamato art. 14, comma 1, del
decreto-legge n. 39/2009 - assegna all'Ufficio scolastico regionale
per l'Abruzzo un importo di 8,5 milioni di euro, al fine di
assicurare lo svolgimento delle attivita' inerenti all'anno
scolastico 2011-2012 e per garantire l'avvio dell'anno scolastico
2012-2013 nel territorio della Regione Abruzzo, prevedendo che tali
risorse siano prioritariamente utilizzate per la manutenzione dei
moduli a uso scolastico provvisori (MUSP), per garantire il tempo
pieno nella scuola primaria ed il tempo prolungato nella scuola
secondaria di 1° grado, per ampliare l'offerta formativa nelle scuole
di ogni ordine e grado e per garantire la vigilanza e la sicurezza
nelle scuole di ogni ordine e grado, anche mediante l'incremento
delle dotazioni organiche;
Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con
modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante misure
urgenti per la chiusura della gestione dell'emergenza determinatasi
nella Regione Abruzzo a seguito del sisma del 6 aprile 2009, nonche'
per la ricostruzione, lo sviluppo e il rilancio dei territori
interessati;
Visto in particolare l'art. 67-ter, del predetto decreto-legge n.
83/2012, che, nel sancire la chiusura dello stato di emergenza nelle
zone dell'Abruzzo colpite dal sisma dell'aprile 2009, dispone il
passaggio della ricostruzione alla gestione ordinaria, prevedendo,
tra l'altro, l'istituzione di due Uffici speciali per la
ricostruzione, competenti rispettivamente per la Citta' di L'Aquila e
per i restanti Comuni del cratere sismico, e l'affidamento del
coordinamento delle Amministrazioni centrali interessate nei processi
di ricostruzione e di sviluppo al Dipartimento per lo sviluppo delle
economie territoriali (DISET) della Presidenza del Consiglio dei
Ministri;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27
maggio 2013, con il quale e' stata conferita, al Ministro per la
coesione territoriale, la delega ad esercitare, tra l'altro, le
funzioni di cui al richiamato art. 7 della legge n. 122/2010, ivi
compresa la gestione del FAS (ora FSC);
Considerato che con lo stesso decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri e' stata altresi' conferita, al Ministro per la coesione
territoriale, la delega a promuovere e integrare le iniziative
finalizzate allo sviluppo della Citta' di L'Aquila e
all'accelerazione dei processi di ricostruzione dei territori
abruzzesi colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, funzioni per il cui
esercizio il Ministro si avvale del DISET;
Vista la nota n. 1362-P del 10 dicembre 2013 con la quale il Capo
di Gabinetto, d'ordine del Ministro per la coesione territoriale, ha
proposto a questo Comitato di voler prendere atto della richiesta
dell'Ufficio scolastico regionale per l'Abruzzo (USR) volta ad
utilizzare, anche per gli anni scolastici 2013-2014, 2014-2015 e
2015-2016, le risorse assegnate dalla OPCM n. 3979/2011 per l'anno
scolastico 2011/2012 e per l'avvio dell'anno scolastico 2012/2013;
Vista la documentazione allegata alla predetta proposta,
predisposta dal DISET con la nota n. 3092 del 27 novembre 2013 - cui
sono allegate le richieste dell'USR n. 9955/2013 e n. 8500/2013 -
dalla quale risulta che, in attuazione della sopra citata OPCM, l'USR
ha beneficiato di un primo trasferimento di risorse per una quota di
2.655.273 euro che e' stata destinata ad attivita' di vigilanza e
sicurezza ed alla manutenzione dei MUSP, mentre, con riferimento alla
rimanente quota di 5.844.727 euro, la tempistica del relativo
trasferimento, concretizzatosi soltanto nell'aprile 2013, non ne ha
reso possibile l'impegno da parte dell'USR per l'anno scolastico
2012-2013;
Considerato inoltre che dalla p [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
NRBH
SIKAFLEX -11 FC+

NEWS NORMATIVA

07/12 - Pagamenti della PA, lo Stato potrebbe sborsare subito 9 miliardi di euro

Legge Europea 2018: il Governo valuta se saldare subito i debiti verso professionisti e imprese. In arrivo regole più severe

06/12 - Edilizia scolastica, Manovra 2019: fondo Kyoto anche per il risparmio idrico

Tra i beneficiari dei finanziamenti agevolati anche gli impianti sportivi pubblici. Nuove risorse per la costruzione di impianti sportivi


Orchidea
Vimec