Carrello 0

Scheda Normativa

Documento unico 25/06/2013 n. 39

(Gazzetta regionale 10/07/2013 n. 28)

Regione Toscana - Approvazione Documento di monitoraggio del Piano Regionale di Sviluppo Economico (PRSE 2012-2015). (SO n.74)

LA GIUNTA REGIONALE

Vista la legge regionale 20 marzo 2000, n. 35 e s.m.i. “Disciplina degli interventi regionali in materia di attività produttive e competitività delle imprese”;

Vista la Delibera del Consiglio Regionale 11 luglio 2012, n. 59, recante “Piano regionale dello sviluppo economico (PRSE) 2012 – 2015” di cui all’articolo 2 della legge regionale n. 35 del 2000 e s.m.i. “Disciplina degli interventi regionali in materia di attività produttive e competitività delle imprese”;

Considerato che la Deliberazione del Consiglio Regionale 11 luglio 2012, n. 59: Piano regionale dello sviluppo economico (PRSE) 2012 – 2015 stabilisce che la Giunta regionale provveda al monitoraggio annuale del piano, così come previsto al capitolo 5 della sezione valutativa del PRSE, anche al fi ne di predisporre
modifiche, integrazioni ed aggiornamenti;

Considerato che l’art. 10 bis comma 3 della L.R. n. 49/99 prevede che la Giunta Regionale presenti annualmente al Consiglio regionale documenti di monitoraggio e valutazione, che descrivono gli stati di realizzazione e i risultati dell’attuazione dei piani e
programmi;

Ritenuto di approvare il Documento di monitoraggio del Piano regionale di sviluppo economico (PRSE 2012-2015) di cui all’Allegato “A” quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

A voti unanimi

DECIDE

1. di approvare il Documento di monitoraggio del Piano regionale di sviluppo economico (PRSE 2012-2015) di cui all’Allegato “A” parte integrante e sostanziale del presente atto;

2. di procedere, tramite la S [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Photo Book
New Essence

NEWS NORMATIVA

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’

13/11 - Comunicazioni elettroniche negli appalti, niente obbligo sotto i 1000 euro

L’Anac chiarisce: lo prevede una disposizione della Finanziaria 2007 ancora in vigore


FLIR E53
Capannoni Kopron