inc

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Legge 12/07/ 2004 n. 168

Interventi urgenti per il contenimento della spesa pubblica. (proroga del condono edilizio al 10 dicembre 2004)

News Correlate

14/01/2005
Condono edilizio; leggi regionali impugnate

Si sta delineando la strategia difensiva degli avvocati delle Regioni

Legge dello Stato 30/07/2004 n. 191

(Gazzetta ufficiale 31/07/2004 n. 178)

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 luglio 2004, n. 168, recante interventi urgenti per il contenimento della spesa pubblica. (condono edilizio)

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:
Art. 1.
1. Il decreto-legge 12 luglio 2004, n. 168, recante interventi
urgenti per il contenimento della spesa pubblica e' convertito in
legge con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi' 30 luglio 2004
CIAMPI
Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Siniscalco, Ministro dell'economia e
delle finanze
Visto, il Guardasigilli: Castelli
LAVORI PREPARATORI
Camera dei deputati (atto n. 5137):
Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri
(Berlusconi) e dal Ministro dell'economia e delle finanze
ad interim (Berlusconi) il 12 luglio 2004.
Assegnato alla V commissione (Bilancio), in sede
referente, il 12 luglio 2004 con pareri del Comitato per la
legislazione e delle commissioni I, II, III, IV, VI, VII,
VIII, IX, X, XI, XII, XIII, XIV e parlamentare per le
questioni regionali.
Esaminato dalla V commissione il 14, 15, 20, e 21
luglio 2004.
Esaminato in aula il 20 e 21 luglio 2004 e approvato il
22 luglio 2004.
Senato della Repubblica (atto n. 3061):
Assegnato alla 5ª commissione (Bilancio), in sede
referente, il 23 luglio 2004 con pareri delle commissioni
1ª, 2ª, 3ª, 4ª, 6ª, 7ª, 8ª, 9ª, 10ª, 11ª, 12ª, 13ª, 14ª e
parlamentare per le questioni regionali.
Esaminato dalla 1ª commissione (Affari costituzionali),
in sede consultiva, sull'esistenza dei presupposti di
costituzionalita' il 27 luglio 2004.
Esaminato dalla 5ª commissione il 27 e 28 luglio 2004.
Esaminato in aula il 28 luglio 2004 e approvato il 29
luglio 2004.

Avvertenza:
Il decreto-legge 12 luglio 2004, n. 168, e' stato
pubblicato nel supplemento ordinario n.122/L alla Gazzetta
Ufficiale - serie generale - n. 161 del 12 luglio 2004.
A norma dell'art. 15, comma 5, della legge 23 agosto
1988, n. 400 (Disciplina dell'attivita' di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
le modifiche apportate dalla presente legge di conversione
hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.
Il testo del decreto-legge coordinato con la legge di
conversione e corredato delle relative note e' pubblicato
in questo stesso supplemento ordinario alla pag. 15.



Allegato
MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE
AL DECRETO-LEGGE 12 LUGLIO 2004, N. 168

All'articolo 1:
al comma 4, al capoverso 3, e` aggiunto, in fine, il seguente
periodo: "Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano
ai comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti e ai comuni montani
con popolazione fino a 5.000 abitanti";
al comma 10, ultimo periodo, le parole: "Il limite di spesa
stabilito dal presente articolo" sono sostituite dalle seguenti: "Il
limite di spesa stabilito dal presente camma";
al comma 11, le parole: "assicurando che la spesa per consumi
intermedi" sono sostituite dalle seguenti: "assicurando che la spesa
per l'acquisto di beni e servizi" ed e' aggiunto, in ,fine, il
seguente periodo: "Per le regioni e gli enti locali che hanno
rispettato, nell'anno 2003 e inno al 30 giugno 2004, gli obiettivi
previsti relativamente al Patto di stabilita' interno, la riduzione
del 10 per cento non si applica con riferimento alle spese che siano
gia' state impegnate alla data di entrata in vigore del presente
decreto";
al comma 13, dopo le parole: "realizzazione di investimenti" sono
inserite le seguenti: "e di azioni mirate a favorire il trasporto
delle merci con modalita' alternative".
Dopo l'articolo 1 e' inserito il seguente:
"Art. 1-bis. - (Ulteriori interventi correttivi). - 1. Nello stato
di previsione del Ministero della difesa e' istituito un fondo da
ripartire per le esigenze correnti di funzionamento dei servizi
dell'Amministrazione, con una dotazione, per l'anno 2004, di 575
milioni di euro. Con decreti del Ministro della difesa, da
comunicare, anche con evidenze informatiche, al Ministero
dell'economia e delle finanze, tramite l'Ufficio centrale del
bilancio, nonche' alle competenti Commissioni parlamentari e alla
Corte dei conti, si provvede alla ripartizione del fondo tra le
unita' previsionali di base relative a consumi intermedi del medesimo
stato di previsione.
2. Per le esigenze infrastrutturali e di investimento delle Forze
armate, e' autorizzata la spesa di 282,5 milioni di cura per l'anno
2004, iscritta in un fondo dello stato di previsione del Ministero
della difesa, da ripartire nel corso della gestione tra le unita'
previsionali di base relative a investimenti fissi lordi con decreto
del Ministro della difesa, da comunicare, anche con evidenze
informatiche, al Ministero dell'economia e delle finanze, tramite
l'Ufficio centrale del bilancio, nonche' alle competenti Commissioni
parlamentari e alla Corte dei conti.
3. Al fine di incrementare la dotazione del Fondo nazionale per il
sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione, di cui
all'articolo 11, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, e'
autorizzata, per l'anno 2004, la spesa di 110 milioni di euro.
4. Lo stanziamento del Fondo di solidarieta' nazionale-incentivi
assicurativi, di cui all'articolo 15, comma 2, primo periodo, del
decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, e' incrementato, per
l'anno 2004, di 50 milioni di euro.
5. Lo stanziamento del Fondo per la protezione civile e'
incrementato, per l'anno 2004, di 15 milioni di euro.
6. All'articolo 18 del decreto del Presidente della Repubblica 29
settembre 1973, n. 601, dopo il secondo comma e' aggiunto il
seguente: "Qualora il finanziamento stesso non si riferisca
all'acquisto della prima casa di abitazione, e delle relative
pertinenze, l'aliquota si applica nella misura del 2 per cento
dell'ammontare complessivo dei finanziamenti di cui all'articolo 15
erogati in ciascun esercizio". La disposizione del periodo precedente
si applica ai finanziamenti erogati in base a contratti conclusi a
decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione
del presente decreto.
7. Per i beni immobili diversi dalla prima casa di abitazione, ai
soli fini delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, i
moltiplicatori previsti dal comma 5 dell'articolo 52 del testo unico
delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, sono
rivalutati, in luogo del 10 per cento previsto dall'articolo 2, comma
63, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, nella misura del 20 per
cento. La disposizione del periodo precedente si applica agli atti
pubblici formati, agli atti giudiziari pubblicati o emanati, alle
scritture private autenticate e a quelle non autenticate presentate
per la registrazione, alle successioni apertesi ed alle donazioni
fatte a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di
conversione del presente decreto.
8. Ai fini di cui ai commi 6 e 7, per beni immobili diversi dalla
prima casa di abitazione si intendono quelli per i quali non
ricorrono le condizioni di cui alla nota II-bis all'articolo 1 della
tariffa, parte prima, annessa al testo unico delle disposizioni
concernenti l'imposta di registro, di cui al decreto del Presidente
della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131.
9. Limitatamente all'esercizio in corso alla data di entrata in
vigore del presente decreto, la misura dell'acconto dell'ammontare
dell'imposta sostitutiva relativa alle operazioni da effettuare nel
secondo semestre del medesimo esercizio, prevista dall'articolo 3,
comma 3, del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 151, convertito, con
modificazioni, dalla legge 1.2 luglio 1991, n. 202, e' elevata al 300
per cento relativamente alle operazioni indicate nell'articolo 15 del
decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601.
10. Al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n.
642, concernente la disciplina dell'imposta di bollo; sono apportate
le seguenti modificazioni:
a) all'articolo 3, primo comma; dopo il numero 3), e' aggiunto il
seguente:
"3-bis) mediante pagamento dell'imposta ad intermediario
convenzionato con l'Agenzia delle entrate, il quale rilascia, con
modalita° telematiche, apposito contrassegno che sostituisce, a tutti
gli effetti, le marche da bollo.";
b) all'articolo 4, dopo il terzo comma, e' aggiunto il seguente:
"Con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate sono
stabilite le caratteristiche e le modalita' d'uso del contrassegno
rilasciato dagli intermediari, nonche' le caratteristiche tecniche
del sistema informatico idoneo a consentire il collegamento
telematico con la stessa Agenzia.";
c) all'articolo 39:
1) al primo comma, e' aggiunto il seguente periodo: "Il pagamento
can modalita' telematiche puo' essere eseguito presso i rivenditori
di generi di monopolio, gli ufficiali giudiziari e gli altri
distributori gia' autorizzati, al 30 giugno 2004, alla vendita di
valori bollati, previa stipula da parte degli stessi di convenzione
disciplinante le modalita' di riscossione e di riversamento delle
somme introitate nonche' le penalita' per l'inosservanza degli
obblighi convenzionali.";
2) il secondo comma e' sostituito dal seguente:
"Ai soggetti di cui al primo comma compete l'aggio calcolato:
a) sull'ammontare complessivo dei valori bollati prelevati
nell'anno, nella seguente misura:
1) rivenditori di generi di monopolio: del 5 per cento;
2) ufficiali giudiziari: dello 0,75 per cento;
3) distributori diversi da quelli di cui ai numeri 1) e 2): del 2
per cento;
b) sulle somme riscosse all'atto del rilascio del contrassegno di
cui all'articolo 3, primo comma, n. 3-bis), nella misura stabilita
dalla convenzione prevista dal primo camma del presente articolo";
d) alla tariffa, come sostituita dal decreto del Ministro delle
finanze 20 agosto 1992, pubblicato nel supplemento ordinario alla
Gazzetta Ufficiale n. 196 del 21 agosto 1992:
1) le parole: "lire 20.000" sono sostituite dalle seguenti: "euro
11";
2) all'articolo 1:
2.1) nel comma 1-bis le parole: "lire 320.000" sono sostituite
dalle seguenti: "euro 176";
2.2) nel comma 1-ter, le parole: "euro 41,32" sono sostituite
dalle seguenti:
"a) se presentate da ditte individuali, euro 32;
b) se presentate da societa' di persone, euro 45;
c) se presentate da societa' di capitali, euro 50";
3) all'articolo 6:
3.1) nei commi 1, lettere a) e b), e 2, le parole: "per ogni mille
lire o frazione di mille lire" sono soppresse e, dopo le rispettive
aliquote di imposta "12", "9" e "11", sono aggiunte le parole: "per
mille";
3.2) nei commi da 3 a 8, le parole: "per ogni milione di lire o
frazione di milione" sono soppresse e la rispettiva aliquota di
imposta '10T e' sostituita dalla seguente: "0,1 per mille";
4) all'articolo 10, commi 1, lettera a), e 2, le parole: "per ogni
mille lire ad anno" sono soppresse e, dopo le rispettive aliquote
d'imposta "6" e "4", sono aggiunte le parole: "per mille per ogni
anno";
5) all'articolo 14; comma 1, le parole: "quando la somma non
supera lire 100.000" e le parole: "oltre lire 100.000 e fino a lire
250.000", nonche' i corrispondenti importi di lire "1.000" e "2.000"
sono sostituiti, rispettivamente, dalle parole: "quando la somma non
supera euro 129,11" e "euro 1,29";
6) all'articolo 29, comma 1, lettera c), le parole: "per ogni
milione di lire o frazione di milione" sono soppresse e l'importo di
lire "100" e' sostituito dal seguente: "0,1 per mille";
7) sono abrogati gli articoli 8, 15 e 29, comma 1, lettera a).
11. Agli oneri derivanti dalle disposizioni contenute nei commi 1,
2, 3, 4 e 5 del presente articolo, quantificati in euro 1.032,5
milioni per l'anno 2004, si provvede:
a) quanto ad euro 553,5 milioni, con le maggiori entrate derivanti
dalle disposizioni di cui ai commi 6, 7, 8, 9 e 10;
b) quanto ad euro 479 milioni per l'anno 2004, mediante
corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del
bilancio triennale 2004-2006, nell'ambito dell'unita' previsionale di
base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del
Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2004, allo scopo
utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero del lavoro e delle
politiche sociali".
All'articolo 2:
al comma 1, lettera b), le parole: "pari allo 0,25 per cento" sono
sostituite dalle seguenti: "pari allo 0,30 per cento" e le parole: "e
l'eccedenza entro il termine di versamento a saldo delle imposte sui
redditi" sono soppresse;
al comma 8, le parole: "sono soppresse" sono soppresse e sono
aggiunte, in fine, le seguenti parole: "sono sostituite dalla
seguente: °2004"".
All'articolo 3, al comma 2, lettera b), le parole: "delle aliquote
e compartecipazione" sono sostituite dalle seguenti: "delle aliquote
e compartecipazioni".
All'articolo 4, comma 1, capoverso 2-bis, dopo le parole:
"rifinanziamenti concessi" sono inserite le seguenti: ", dalle banche
o dalla Cassa depositi e prestiti spa,".
All'articolo 5:
al comma. 1:
all'alinea, dopo il primo periodo sono inseriti i seguenti: "Il
termine indicato nel primo periodo si applica anche alle leggi
regionali di cui al comma 33 del citato articolo 32 del decreto-legge
n. 269 del 2003, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 326
del 2003. Decorso tale termine la normativa applicabile e' quella
contenuta nel citato decreto-legge n. 264 del 2003, convertito, con
modificazioni, dalla legge n. 326 del 2003";
alla lettera a):
al numero 1), le parole: "entro il 10 dicembre 2004" sono
sostituite dalle seguenti: "tra 1' 11 novembre 2004 e il 10 dicembre
2004";
al numero 2), le parole: "secondo periodo" sono sostituite dalle
seguenti: "terzo periodo";
alla lettera c), le parole: "entro il 10 dicembre 2004" sono
sostituite dalle seguenti: "tra l'11 novembre 2004 e il 10 dicembre
2004";
dopo il comma 2, sono aggiunti i seguenti:
"2-bis. Al fine di salvaguardare il principio dell'affidamento, le
domande relative alla definizione di illeciti edilizi presentate fino
alla data della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della citata
sentenza della Corte costituzionale n. 196 del 2004 restano salve a
tutti gli effetti, salva diversa statuizione delle leggi regionali di
cui al comma 26 del citato artitolo 32 del decreto-legge n. 269 del
2003, convertito, con modificazioni dalla legge n. 326 del 2003.
Restano, comunque, salvi gli effetti penali.
2-ter. Per le domande relative alla definizione di illeciti
edilizi presentate a decorrere dalla data di entrata in vigore del
presente decretc fino alla data di entrata in vigore della legge di
conversione del medesime decreto, restano salvi i soli effetti
penali, salva diversa statuizione, piu' favorevole, delle predette
leggi regionali.
2-quater. Le somme versate dai richiedenti la definizione di
illeciti edilizi a titolo di terza rata dell'oblazione devono essere
riversate in tesoreria dagli intermediari della riscossione entro il
31 dicembre 2004.
2-quinquies. Per consentire il completamento degli accertamenti
tecnici in corso, d°intesa con le regioni interessate, relativamente
alla rideterminazione dei canoni demaniali marittimi anche in
relazione al numero, all'estensione, alle tipologie, alle
caratteristiche economiche delle concessioni e delle attivita'
economiche ivi esercitate, e all'abusivismo, il termine di cui
all'articolo 32, comma 22, del citato decreto-legge n. 269 del 2003,
convertito, con modificazioni, dalla legge n. 326 del 2003, e
successive modificazioni, e' differito al 30 ottobre 2004".
Alla Tabella n. 1:
nella parte relativa al Ministero dell'economia e delle finanze:
alla voce "Legge n. 468 del 1978" le parole: "art. 9, comma l-ter"
sono sostituite dalle seguenti: "art. 9-ter"; alla voce "Legge n. 35
del 1995" le parole: "novembre 1984" sono sostituite dalle seguenti:
"novembre 1994";
sono soppresse le seguenti voci:
"Legge n. 291 del 2003: Interventi per i beni e le attivita'
culturali, lo sport, l'universita' e la ricerca: (4.2.3.21 - Regioni
a statuto ordinario - cap. 7561);
Legge n. 376 del 2003: Finanziamento di interventi per opere
pubbliche: (4.2.3.21 - Regioni a statuto ordinario - cap. 7562)";
nel totale delle autorizzazioni di spesa la cifra: "892,30" e'
sostituita dalla seguente: "889,30"; nel totale degli stanziamenti
discrezionali non aventi natura obbligatoria la cifra. "312,69" e'
sostituita dalla seguente: "243,82"; alla voce "consumi intermedi" la
cifra: "126,52" e' sostituita dalla seguente: "80,70"; alla voce
"investimenti fissi lordi" la cifra: "36,17" e' sostituita dalla
seguente: "13,12"; alla voce. "trasferimenti correnti a imprese" la
cifra: "3.1.2.28" e' sostituita dalla seguente: "3.1.2.8"; nel totale
del Ministero la cifra: "1.205,00" e' sostituita dalla seguente:
"1.133,11";
nella parte relativa al Ministero della giustizia, nel totale
degli stanziamenti discrezionali non aventi natura obbligatoria la
cifra: "155,06" e' sostituita dalla seguente: "85,7 [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sanificazione e prevenzione Covid-19_Marketplace
inc
Impermeabilizzazione coperture_Marketplace
inc

NEWS NORMATIVA

Superbonus, in condominio proroghe al 31 dicembre 2025 solo per i lavori trainanti

03/12 - Superbonus, in condominio proroghe al 31 dicembre 2025 solo per i lavori trainanti

Per gli interventi trainati proroga al 31 dicembre 2022 solo con CILA entro il 30 settembre 2021 o ISEE fino a 25mila euro

03/12 - Sconto in fattura e cessione del credito, ecco quando scatta la sospensione

L’Agenzia delle Entrate nei 5 giorni successivi all’invio delle comunicazioni individua i profili di rischio


Teli protettivi e traspiranti per sottotetti_Marketplace
inc
ADDMIRA
inc

inc