Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Legge 26/04/ 2013 n. 43

Disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015

Legge dello Stato 27/12/ 2002 n. 289

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003)

News Correlate

14/06/2013
Via libera del Senato al Decreto per le emergenze ambientali

1,2 miliardi di euro all’Abruzzo, risorse per l’Alta Velocità e deroghe per le rocce da scavo, proroga per le centrali di committenza

05/06/2013
Abusivismo edilizio, proposto il "condono migliorativo"

Il consigliere emiliano Filippi: sanatoria in caso di mitigazione ambientale e risparmio energetico

22/05/2013
Condono edilizio: nuovo emendamento PdL, subito ritirato

Proteste da Cnappc e ambientalisti. Ministro Lupi: ‘non è nel programma del governo Letta’

Legge dello Stato 24/06/2013 n. 71

(Gazzetta ufficiale 25/06/2013 n. 147)

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015. Trasferimento di funzioni in materia di turismo e disposizioni sulla composizione del CIPE (emergenze ambientali e altre misure urgenti)

Entrata in vigore del provvedimento: 26/06/2013

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Art. 1

1. Il decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, recante disposizioni
urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di
contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate
del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la
realizzazione degli interventi per Expo 2015, e' convertito in legge
con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. Al Ministero per i beni e le attivita' culturali sono trasferite
le funzioni esercitate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri in
materia di turismo. Al medesimo Ministero sono altresi' trasferite,
con decorrenza dalla data di adozione del decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri di cui al comma 5, le inerenti risorse umane,
strumentali e finanziarie, compresa la gestione residui. All'articolo
2, comma 1, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, il numero
12) e' sostituito dal seguente:
«12) Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del
turismo».
3. In attuazione del comma 2, con il decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri di cui al comma 5, si provvede al
trasferimento al Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del
turismo del personale transitato nei ruoli della Presidenza del
Consiglio dei ministri in applicazione delle disposizioni di cui
all'articolo 1, commi 19-bis e 19-quater, del decreto-legge 18 maggio
2006, n. 181, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio
2006, n. 233, e successive modificazioni, che alla data del 21 maggio
2013 presta servizio presso l'Ufficio per le politiche del turismo
della Presidenza del Consiglio dei ministri.
4. La Presidenza del Consiglio dei ministri provvede alla riduzione
delle strutture e delle dotazioni organiche in misura corrispondente
alle funzioni e al personale trasferiti. Il personale delle
qualifiche non dirigenziali trasferito mantiene il trattamento
fondamentale ed accessorio, limitatamente alle voci fisse e
continuative, corrisposto al momento del trasferimento. Se tale
trattamento risulta piu' elevato, al personale e' corrisposto un
assegno ad personam, riassorbibile con i successivi miglioramenti
economici.
5. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri si
provvede alla puntuale individuazione delle risorse umane,
strumentali e finanziarie trasferite ai sensi dei commi da 2 a 8.
6. Il Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo
e' autorizzato ad adeguare la propria struttura organizzativa sulla
base delle disposizioni di cui al comma 2.
7. Nelle more dell'adozione del decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri di cui al comma 5, il Ministro dei beni e
delle attivita' culturali e del turismo si avvale dell'Ufficio per le
politiche del turismo della Presidenza del Consiglio dei ministri.
8. Le risorse finanziarie disponibili sul bilancio autonomo della
Presidenza del Consiglio dei ministri, individuate ai sensi del comma
5, sono versate all'entrata del bilancio dello Stato per la
riassegnazione ai pertinenti capitoli dello stato di previsione del
Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo.
9. All'articolo 16 della legge 27 febbraio 1967, n. 48, sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) il secondo comma e' sostituito dal seguente:
«Il Comitato e' presieduto dal Presidente del Consiglio dei
ministri ed e' costituito in via permanente dal Ministro
dell'economia e delle finanze, che ne e' vice presidente, e dai
Ministri degli affari esteri, dello sviluppo economico, delle
infrastrutture e dei trasporti, del lavoro e delle politiche sociali,
delle politiche agricole alimentari e forestali, dell'ambiente e
della tutela del territorio e del mare, dei beni e delle attivita'
culturali e del turismo e dell'istruzione, dell'universita' e della
ricerca, nonche' dai Ministri delegati per gli affari europei, per la
coesione territoriale, e per gli affari regionali in qualita' di
presidente della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,
le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, e dal
Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni e delle
province autonome di Trento e di Bolzano, o un suo delegato, in
rappresentanza della Conferenza stessa»;
b) al decimo comma, le parole: «un Sottosegretario di Stato alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri» sono sostituite dalle
segue [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
lgbusiness
Drain Beton

NEWS NORMATIVA

18/9 - Abusi edilizi, come si individua il responsabile?

La Cassazione spiega il ruolo del direttore dei lavori e dei proprietari del terreno su cui si realizzano gli interventi illegittimi

17/9 - Appalti sotto soglia, Anac ribadisce l’obbligo di rotazione degli inviti

L’Anticorruzione raccomanda indagini di mercato per aumentare il numero di operatori interessati in modo da non falsare la concorrenza


D2C
Sicurezza Cantieri