inc

Scheda Normativa

Legge regionale 20/08/2001 n. 22

(Gazzetta regionale 20/09/2001 n. 26)

Regione Lazio - Iniziative di riqualificazione del territorio del centro storico di Roma

Art. 1 - (Finalità)

1. La Regione, ai fini della riqualificazione del territorio del centro storico di Roma, con particolare riguardo al rione Esquilino, promuove iniziative orientate a valorizzare e a sviluppare le condizioni di localizzazione delle attività commerciali, artigianali e di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.
2. La promozione delle iniziative di cui al comma 1 avviene mediante la concessione di finanziamenti nei limiti dell'incremento del capitolo di bilancio di cui all'articolo 8.

Art. 2 - (Obiettivi delle iniziative finanziabili)

1. Possono essere ammesse ai finanziamenti di cui all'articolo 1 le iniziative che perseguono uno o più dei seguenti obiettivi:
a) eliminare i fenomeni di degrado ambientale e sociale;
b) salvaguardare le tradizioni ed il tessuto socio-economico tipico dei luoghi;
c) reintegrare e valorizzare il contesto urbano, nel rispetto delle relative peculiarità storiche, migliorando:
1) la qualità architettonica ed ambientale dello spazio pubblico;
2) la qualità architettonica esterna ed interna dei negozi;

3) le condizioni di accessibilità e la dotazione degli spazi di sosta, in conformità alla vigente normativa sulla eliminazione delle barriere architettoniche;
4) le attrattive e la gradevolezza anche mediante soluzioni spaziali che consentano l'integrazione di funzioni e attività di animazione e promozionali;
d) sviluppare e rivitalizzare, anche attraverso l'assortimento merceologico, l'assetto commerciale esistente nelle varie articolazioni che lo caratterizzano, fermi restando i tipi di esercizi e le relative autorizzazioni previsti dalla vigente normativa, quali:

1) i punti commerciali, intesi come singole e diffuse attività sparse;
2) le linee o fronti commerciali, intesi come sequenze lineari e compatte di attività;
3) le superfici commerciali intese come sistemi compatti di attività presenti sia sui due fronti di una sola via, sia su reticoli viari più estesi e tali da configurare aggregazioni commerciali unitarie;
e) agevolare l'acquisto o la trasformazione delle strutture di vendita da parte degli operatori dei mercati rionali e del mercato di Piazza Vittorio Emanuele II ai fini del trasferimento presso le sedi previste dal piano mercati.

2. Le iniziative di cui al comma 1 che prevedono il recupero ed il riutilizzo, a fini commerciali, di immobili di pregio o storici sono assunte anche in deroga alle limitazioni di superficie previste dall'articolo 20, comma 4, della legge regionale 18 novembre 1999, n. 33, e successive modifiche, ferme restando le autorizzazioni previste dalla stessa legge.
3. Ad esclusione delle attività integrate nelle iniziative di cui al comma 1, nel centro storico del Comune di Roma è vietato l'insediamento di singole attività commerciali aventi una superficie di vendita superiore a 150 metri quadrati, fatte salve la più favorevole disciplina prevista per le attività tutelate nel centro storico con specifico provvedimento del Comune di Roma, nonché la possibilità di trasferire all'interno del centro storico, nel limite di superficie di vendita di 400 metri quadrati, attività precedentemente autorizzate nell'ambito dell'intero territorio comunale.

Art. 3 - (Beneficiari dei finanziamenti)

1. Beneficiano dei finanziamenti di cui all'articolo 1 le imprese singole od associate, anche ai soli fini della realizzazione delle iniziative, la cui attività prevalente sia compresa tra quelle indicate al comma 1 dello stesso articolo, che siano in possesso dei requisiti stabiliti ai sensi dell'articolo 5, comma 1, lettera b).

Art. 4 - (Limiti e forme di finanziamento)

1. I finanziamenti regionali sono concessi, in forma di contributi in conto capitale e di contributi in conto interessi, nei limiti della categoria "de minimis" come definita dalla Unione europea.
2. I contributi in conto capitale e quelli in conto interessi sono cumulabili tra di loro, entro gli importi massimi di spesa ammissibili a finanziamento e la percentuale di finanziamento concedibile, stabiliti per ciascuna iniziativa ai sensi dell'articolo 5, comma 1, lettera d).

Art. 5 - (Indirizzi)

1. La Giunta regionale, in coerenza con le linee della programmazione regionale di settore, adotta, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, su proposta dell'assessore competente in materia di attività produttive, sentita la competente commissione consiliare permanente, una deliberazione di indirizzi, nella quale sono, in particolare, stabiliti:
a) i criteri e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti concernenti le iniziative finanziabili di cui all'articolo 2 e i tempi per la realizzazione delle stesse;

b) i requisiti dei soggetti beneficiari di cui all'articolo 3;
c) i criteri per la valutazione dei progetti e la conseguente formazione di una graduatoria secondo un ordine di priorità;
d) gli importi massimi di spesa da ammettere a finanziamento, la forma del finanziamento concedibile, come indicati all'articolo 4, e la relativa percentuale, nonché le modalità di erogazione, con riferimento ai vari tipi di iniziative;
e) le condizioni per l'eventuale cumulabilità dei finanziamenti con altre agevolazioni pubbliche;

f) le modalità per l'effettuazione dei controlli sulla corretta utilizzazione dei finanziamenti e sullo stato di attuazione delle iniziative, nonché le cause di revoca dei finanziamenti concessi.

Art. 6 - (Istruttoria dei progetti. Concessione, erogazione e revoca dei finanziamenti)

1. La Regione, per l'istruttoria dei progetti redatti e presentati secondo quanto stabilito a norma dell'articolo 5, comma 1, lettere a) e b), si avvale dell'Agenzia regionale per gli investimenti e lo sviluppo del Lazio - Sviluppo Lazio S.p.A. di cui all'articolo 24 della legge regionale 7 giungo 1999, n. 6, di seguito denominata Agenzia, la quale valuta i progetti stessi e provvede alla formazione della relativa graduatoria.
2. La graduatoria di cui al comma 1 è trasmessa alla Regione per l'adozione e la conseguente concessione dei finanziamenti da parte della struttura regionale competente in materia di attività produttive.

3. All'erogazione dei finanziamenti concessi ai sensi del comma 2 provvede l'Agenzia, utilizzando il fondo di rotazione pe [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Fonoisolanti e fonoassorbenti per il benessere acustico_Marketplace
inc
Catalogo Piastre
inc

NEWS NORMATIVA

Superbonus 110%, come garantire l’efficienza energetica degli edifici

22/10 - Superbonus 110%, come garantire l’efficienza energetica degli edifici

Nell’ultimo webinar Edilportale indicazioni ed esempi pratici per beneficiare della detrazione, anche attraverso la cessione del credito con sconto in fattura

22/10 - Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo

Dal Ministero dell’Economia chiarimenti sul calcolo della spesa massima ammissibile alle detrazioni fiscali


OTIS Gen2® Home
inc
Penetron
inc

inc