Carrello 0

Scheda Normativa

Legge regionale 01/04/2003 n. 6

(Gazzetta regionale 08/04/2003 n. 38)

Regione Puglia - Norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici di edilizia residenziale privata. Disciplina dei parcheggi


IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROMULGA

la seguente legge:

ARTICOLO 1

(Finalità)

1. Per consentire l’accesso e l’agibilità da parte di persone con
ridotte o impedite capacità motorie permanenti, in tutti gli
alloggi di edilizia residenziale privata si devono adottare
interventi che prevedono l’eliminazione delle barriere
architettoniche (legge 9 gennaio 1989, n.13; decreto del
Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236; decreto del
Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n.503).

ARTICOLO 2

(Definizione di barriera architettonica)

1. Ai fini della presente legge, per barriera architettonica si
intende qualsiasi ostacolo che limita o nega l’uso a tutti i
cittadini di spazi, edifici e strutture e, in particolare, impedisce la
mobilità dei soggetti con difficoltà motoria, sensoriale e/o
psichica, di natura permanente o temporanea, dipendente da
qualsiasi causa.

ARTICOLO 3

(Obiettivi e soggetti beneficiari)

1. Obiettivo della presente legge è l’adeguamento
dell’ambiente costruito, al fine di garantire l’assenza di limiti
all’esercizio dell’attività autonoma dei cittadini, in funzione delle
esigenze individuali e delle loro variazioni permanenti o
temporanee e, in particolare, la disciplina dei parcheggi e dei
posti auto da riservare a cittadini con gravi difficoltà motorie
(d.m. lavori pubblici 236/89, articolo 4.2.3).

ARTICOLO 4

(Ambiti di intervento)

1. Le norme della presente legge si applicano a tutti i
condominii degli edifici di uso abitativo privato.

ARTICOLO 5

(Disciplina dei parcheggi)

1. Nelle strutture esterne, come viali, spazi e cortili, aree di
parcheggio, connesse agli edifici devono essere previsti, nella
misura di uno ogni dieci, posti auto di larghezza non inferiore a
metri 3 e centimetri 20 e riservati ai veicoli al servizio di persone
disabili. Detti posti auto, opportunamente segnalati, sono
ubicati in prossimità di una rampa d’accesso per disabili
all’edificio.

2. Al fine di agevolare la manovra di trasferimento della persona
su sedia a ruote in comuni condizioni atmosferiche, detti posti
auto riservati sono, preferibilmente, dotati di copertura (capo IV,
articolo 8.2.3, d.m. lavori pubblici 236/89)

ARTICOLO 6

(Specifiche funzionali e dimensionali)

1. I parcheggi per disabili devono garantire le seguenti
prestazioni minime:
a) l’area propria di parcheggio relativa all’ingombro del veicolo
deve essere affiancata da uno spazio zebrato con larghezza
minima tale da consentire la rotazione di una carrozzina e
comunque non inferiore a metri 1 e centimetri 30;
b) lo spazio di rotazione, complanare all’area di parcheggio,
deve essere sempre raccordato ai percorsi pedonali;
c) le aree di parcheggio, di manovra e di raccordo devono avere
le stesse caratteristiche dei percorsi pedonali;
d) la localizzazione del parcheggio deve essere evidenziata con
segnalazioni su pavimentazione e su palo.

2. Le dimensioni di un’area di parcheggio idonea a un
autoveicolo che viene usato o che trasporta un disabile devono
essere le seguenti:
a) larghezza minima: metri 3 e centimetri 20;
b) lunghezza minima: metri 5.

3. Eventuali dislivelli tra zona parcheggio e percorsi pedonali
devono essere superati con scivoli aventi pendenza non
superiore all’8 per cento per un dislivello compreso tra
centimet [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
D2C
Cappotto Stiferite Class SK

NEWS NORMATIVA

19/9 - Ricostruzione con sagoma diversa, è una nuova costruzione?

La Cassazione spiega il concetto di sagoma di ingombro e l’importanza del rispetto delle distanze tra edifici

18/9 - Abusi edilizi, come si individua il responsabile?

La Cassazione spiega il ruolo del direttore dei lavori e dei proprietari del terreno su cui si realizzano gli interventi illegittimi


Rexipal
Keraflex