Marketplace
inc
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Delibera/zione 09/07/ 2013 n. 996

Regione Marche - Legge regionale 23 febbraio 2005, n. 8 e successive modificazioni, recante “Norme in materia di accertamento della regolarità contributiva delle imprese” - articolo 1, comma 5 bis - Adozione schema di convenzione tra Casse Edili e Comuni

Legge regionale 23/02/2005 n. 8

(Gazzetta regionale 10/03/2005 n. 25)

Regione Marche - Norme in materia di accertamento della regolarità contributiva delle imprese

DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 FEBBRAIO 2005, N. 225

"NORME IN MATERIA DI ACCERTAMENTO DELLA REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA DELLE IMPRESE"


Art. 1

1. Per i lavori privati soggetti a denuncia di inizio attività (DIA) o a permesso di costruire, ai sensi degli articoli 10 e 22 del d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia) e non eseguiti in economia, il committente o il responsabile dei lavori può affidare al direttore dei lavori o, qualora previsto, al coordinatore per l’esecuzione, l’incarico di:
a) acquisire, all’inizio ed alla conclusione dei lavori, il documento unico di regolarità contributiva e trasmetterlo al Comune competente;
b) trasmettere, prima dell’inizio dei lavori, allo sportello unico, costituito da INPS, INAIL e casse edili, la notifica preliminare di cui all’articolo 11 del d.lgs. 14 agosto 1996, n. 494 (Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili).
2. Il direttore dei lavori accerta, in concomitanza con le verifiche finalizzate al pagamento dei lavori, il possesso e la regolarità da parte dell’appaltatore della documentazione prevista dalle leggi vigenti in materia di regolarità contributiva denunciando le eventuali irregolarità al committente o al responsabile dei lavori e allo sportello unico.
3. Il documento unico di regolarità contributiva (DURC) per i lavori pubblici e privati è rilasciato dallo sportello unico avente sede presso la cassa edile di riferimento contrattuale e territorialmente competente ai sensi del CCNL medesimo, alla quale l’impresa è obbligata ad iscriversi.
4. L’impresa è tenuta ad osservare integralmente il trattamento economico e normativo stabilito dai contratti collettivi nazionali e territoriali di lavoro del settore.
5. Il Comune effettua controlli a campione sul rispetto degli adempimenti di cui ai commi 1 e 2. L’INPS, l’INAIL e le casse edili possono svolgere specifici controlli oppure richiederne al Comune l’effettuazione.
6. In caso di mancato rispetto degli adempimenti di cui ai commi 1 e 2, il Comune è tenuto a comunicare:
a) i nomi [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Isolanti acustici Marketplace
inc
Impermeabilizzazione coperture Marketplace
inc

NEWS NORMATIVA

Sanatoria urbanistica e paesaggistica, quali requisiti sono necessari?

04/08 - Sanatoria urbanistica e paesaggistica, quali requisiti sono necessari?

Il Tar Toscana spiega che un volume irrilevante ai fini urbanistici potrebbe avere un impatto intollerabile sul paesaggio

04/08 - Valorizzazione immobiliare, cosa cambia tra cessione di edifici e terreni?

Agenzia delle Entrate: ok a imposte ipocatastali fisse per l’acquisto di un fabbricato demolito e ricostruito in un'altra zona


Solava
inc
Rallk
inc