inc

Scheda Normativa

Norme Correlate

Legge regionale 14/12/ 2012 n. 23

Regione Umbria - Ulteriore modificazione della legge regionale 26 giugno 2009, n. 13 (Norme per il governo del territorio e la pianificazione e per il rilancio dell’economia attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente - Piano Casa)

Delibera/zione 26/09/ 2011 n. 1055

Regione Umbria - L.R. n. 17/08 - Valutazione preliminare della sostenibilità ambientale di cui all’art. 5 del Disciplinare tecnico approvato con D.G.R. n. 1322/09 - Approvazione della disciplina per la richiesta ad ARPA Umbria della seconda valutazione preliminare sullo stesso fabbricato nel caso di progetti volti all’ottenimento degli incrementi premiali di cui alle leggi regionali n. 13/2009 e n. 27/ 2010.

Legge regionale 16/09/ 2011 n. 8

Regione Umbria - Semplificazione amministrativa e normativa dell'ordinamento regionale e degli enti locali territoriali

Delibera/zione 26/07/ 2011 n. 855

Regione Umbria - DGR n. 1063 del 27 luglio 2009: Modifica del punto 2) e abrogazione del punto 3) così come stabilito all’art. 4, comma 3 della legge regionale 23 dicembre 2010, n. 27

Delibera/zione 26/07/ 2011 n. 856

Regione Umbria - L.R. 13/2009 così come modificata dalla L.R. 27/2010, art. 36, comma 2bis - Definizione di modalità e limiti di incremento della SUC nel caso di interventi di ampliamento di edifici a destinazione produttiva che prevedono la installazione sulla copertura di impianti fotovoltaici di potenza superiore a cinque chilowatt

Legge regionale 23/12/ 2010 n. 27

Regione Umbria - Ulteriori modificazioni ed integrazioni della legge regionale 26/06/2009,n. 13 (Norme per il governo del territorio e la pianificazione e per il rilancio dell'economia attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente - Piano Casa)

Delibera/zione 23/12/ 2009 n. 1854

Regione Umbria - Indirizzi per l’applicazione del comma 2 dell’art. 34 della legge regionale 26 giugno 2009, n. 13 (Norme per il governo del territorio e la pianificazione e per il rilancio dell’economia attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente)

Delibera/zione 19/10/ 2009 n. 1454

Regione Umbria - Invio telematico delle istanze edilizie di cui all'articolo 38, comma 1 della legge regionale 26 giugno 2009 n.13. Modalità attuative. S.O.1

News Correlate

12/06/2013
Umbria, ok alla legge sulla perequazione urbanistica

Premi Piano Casa anche per alberghi e centri direzionali. In arrivo il TU sul governo del territorio

15/04/2013
Urbanistica, l’Umbria disciplina la perequazione

Qualità, equità e trasparenza per la pianificazione comunale, riviste le principali leggi urbanistiche regionali

14/03/2013
Umbria, nuove regole per la sostenibilità ambientale degli edifici

Interessati gli edifici ad uso residenziale, certificazione obbligatoria per i soggetti pubblici

17/12/2012
Umbria, Piano Casa prorogato al 31 dicembre 2014

In arrivo una legge regionale sulla perequazione urbanistica

16/11/2012
Piano Casa Umbria, in vista la proroga al 2014

Scia per l’ampliamento volumetrico degli edifici residenziali e produttivi, proposto nuovo ddl

13/01/2012
Decreto Sviluppo, Umbria più reattiva nel recepimento

Ance: spiccano anche le semplificazioni della Toscana

24/10/2011
Piano Casa Umbria, più facile il passaggio ai nuovi incentivi volumetrici

Possibile la seconda valutazione ambientale per passare ai bonus della nuova norma

12/10/2011
Nuovo Piano Casa Umbria, deroga alle altezze massime

La nuova legge delega ai Comuni l’individuazione delle aree degradate per l’attuazione del Dl Sviluppo

24/08/2011
Piano Casa Umbria, le modifiche entrano nel vivo

Due delibere per miglioramento energetico e ampliamento di edifici residenziali e produttivi

04/03/2011
Umbria, il nuovo Piano Casa illustrato in un convegno

Pubblicata la raccolta di tutte le leggi collegate al Piano Casa e all’edilizia sostenibile

07/01/2011
Piano Casa Umbria, ampliamenti al 25% nella formula rinnovata

Interventi anche in area agricola, premio volumetrico del 35% per le demolizioni e ricostruzioni

23/12/2010
Piano Casa Umbria, approvata la proroga a dicembre 2012

Premialità volumetriche aggiuntive per gli edifici che ottengono la classe energetica A e B

09/02/2010
Piano Casa Umbria, regolamento per la sicurezza sismica

Volumetrie in aderenza o separate da un giunto tecnico realizzate secondo le NTC

27/11/2009
Piano Casa Umbria, da gennaio istanze solo in via telematica

A disposizione un format per la presentazione di Pea, Dia e dichiarazioni dei progettisti

09/10/2009
Umbria, rivisti i criteri di certificazione degli edifici

Emanata la nuova versione del Disciplinare per la valutazione della sostenibilità ambientale

25/09/2009
Piano Casa, in Umbria pratiche informatizzate

Procedimenti edilizi semplificati con l’eliminazione del cartaceo

16/09/2009
Piano Casa, attuazione pratica in Umbria

Definiti dalla Giunta i requisiti per il miglioramento energetico degli edifici ampliati

25/06/2009
Piano Casa, l'Umbria approva la legge

Semplificazioni procedurali per le zone rurali e interventi sugli immobili abusivi sanati entro marzo 2009

16/06/2009
Piano Casa, in Umbria le norme si sdoppiano

Diritti edificatori, premialità, perequazione e compensazione stralciate dal ddl per il territorio

27/05/2009
Piano Casa, l’Umbria predilige l’efficienza energetica

Ampliamenti volumetrici possibili anche su edifici composti da più alloggi e a destinazione produttiva

Legge regionale 26/06/2009 n. 13

(Gazzetta regionale 29/06/2009 n. 29)

Regione Umbria - Norme per il governo del territorio e la pianificazione e per il rilancio dell'economia attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente (Piano Casa)

Testo vigente al 20-12-2012

Il Consiglio regionale ha approvato. La Presidente della Giunta regionale promulga la seguente legge:
TITOLO I
Norme per il governo del territorio

Capo I
Il Governo del territorio

Sezione I
Disposizioni generali

Art. 1
Oggetto.

1. La presente legge, nel rispetto dell' articolo 117 della Costituzione , individua i criteri, le modalità e gli strumenti per l'esercizio delle funzioni di governo del territorio nella Regione Umbria.
Art. 2
Definizione di governo del territorio.

1. Ai fini della presente legge il governo del territorio consiste nel complesso coordinato, organico e sinergico, delle attività conoscitive, regolative, valutative, attuative, di vigilanza e controllo, nonché di programmazione, anche della spesa, riguardanti gli interventi di tutela, valorizzazione ed uso del territorio ai fini dello sviluppo sostenibile. Esso rispetta i principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, secondo il metodo della copianificazione, nel rispetto del principio di leale collaborazione tra i soggetti istituzionali coinvolti.
Art. 3
Finalità del governo del territorio.

1. Le finalità del governo del territorio sono:
a) rendere l'Umbria un laboratorio di sostenibilità finalizzato ad accrescere, attraverso l'innovazione, la qualità e la competitività dei suoi territori;

b) attribuire ai processi di trasformazione territoriale ed urbana caratteri di sostenibilità ecologica, sicurezza ambientale, efficienza insediativa in un contesto di qualità paesaggistica ed urbana;

c) assicurare la gestione condivisa delle trasformazioni territoriali, in un quadro di composizione e messa in coerenza dei diversi interessi pubblici e di parità di condizioni tra i diversi soggetti privati, ferma restando la preminenza dell'interesse generale;

d) promuovere, nei processi di trasformazione territoriale e urbana, la collaborazione tra soggetti pubblici e privati secondo modalità che assicurino la considerazione delle esigenze condivise, espresse sin dalle fasi di definizione degli obiettivi e di impostazione delle scelte dai diversi soggetti coinvolti e dalle comunità locali.

Sezione II
La pianificazione

Art. 4
Definizione e finalità della pianificazione.

1. La pianificazione è la modalità generale di governo del territorio, attraverso la quale le politiche pubbliche trovano coerenza, integrazione e sinergia, anche sulla base di quadri conoscitivi e di quadri valutativi condivisi sullo stato e sulle dinamiche del territorio.
2. La pianificazione si esprime in una pluralità di atti e strumenti specifici, di norma oggetto di copianificazione tra i soggetti istituzionali coinvolti, con i quali sono definiti sia gli obiettivi territoriali sia le modalità per il loro perseguimento.
3. La pianificazione assume come riferimento le seguenti finalità:
a) la qualità ambientale e paesaggistica perseguita attraverso l'utilizzo sostenibile e la valorizzazione delle risorse ambientali e culturali;

b) la tutela della biodiversità e la sicurezza delle persone e dei beni rispetto ai fattori di rischio connessi al territorio;

c) lo sviluppo di un sistema di città equilibrato, policentrico e integrato nelle funzioni e nelle rispettive eccellenze, attuato perseguendo l'obiettivo di ridurre il consumo di suolo;

d) la qualificazione degli insediamenti residenziali, produttivi e per i servizi, in particolare attraverso lo sviluppo delle infrastrutture tradizionali e innovative;

e) la tutela ed il rafforzamento dei sistemi rurali e montani, dei relativi patrimoni, con particolare riferimento a quelli idrico e forestale;

f) il rapporto equilibrato tra localizzazione delle funzioni, sistema della mobilità e infrastrutture tecnologiche ed energetiche, in relazione alle risorse economiche e finanziarie attivate dai soggetti pubblici e privati.

Art. 5
Le dimensioni della pianificazione.

1. La pianificazione si articola nelle seguenti dimensioni:
a) strategica e programmatica, caratterizzata dalla definizione di obiettivi, scelte e decisioni di medio e lungo termine, in una prospettiva di sviluppo socioeconomico e territoriale;

b) regolativa che definisce indirizzi, regole di uso del suolo e modalità di tutela e trasformazione del territorio nella loro dimensione funzionale e spaziale, volte al perseguimento delle strategie e dei programmi di cui alla lettera a) .

Art. 6
Le pianificazioni ed i soggetti competenti.

1. La pianificazione assume la forma ed i contenuti di pianificazione territoriale urbanistica, pianificazione paesaggistica e pianificazione di settore per indirizzare l'azione pubblica e privata sul territorio utilizzando gli strumenti di cui al comma 3 .
2. Le pianificazioni nel loro insieme assicurano la cooperazione tra i soggetti istituzionali attraverso il bilanciamento degli obiettivi pubblici, nonché il rispetto delle istanze e degl [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Fine promo ottobre
inc
Geopietra
inc

NEWS NORMATIVA

Sismabonus, via alla Commissione di monitoraggio sul rischio sismico delle costruzioni

26/10 - Sismabonus, via alla Commissione di monitoraggio sul rischio sismico delle costruzioni

Valuterà l’applicazione delle linee guida per la classificazione degli edifici e proporrà miglioramenti

26/10 - Rating di legalità, nel 2019 richieste in aumento del 6%

Domande prevalentemente al Nord e da imprese che fatturano fino a 15 miliardi. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato presenta i dati della sua attività


Planika
inc
Redi
inc

inc