Carrello 0

Scheda Normativa

Legge regionale 24/07/2013 n. 14

(Gazzetta regionale 26/07/2013 n. 34)

Regione Umbria - Autorizzazione alla Giunta regionale per l’accesso all’anticipazione di liquidità di cui all’art. 3 del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35 (Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della Pubblica Amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli Enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli Enti locali), convertito, con modificazioni, nella legge 6 giugno 2013, n. 64

LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE
PROMULGA

la seguente legge:

Art. 1
(Autorizzazione alla Giunta regionale per l’accensione dell’anticipazione)
1. La Giunta regionale è autorizzata ad accedere alle anticipazioni di liquidità previste dall’articolo 3 del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35 (Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64, nelle misure previste dai decreti direttoriali del Ministero dell’economia e delle finanze di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 3 del decreto-legge n. 35 del 2013 convertito dalla legge n. 64 del 2013.

2. La Regione trasferisce agli enti del servizio sanitario regionale le somme derivanti dalle anticipazioni di cui al comma 1, da destinare, in via esclusiva, al pagamento dei debiti previsti dai piani di pagamento di cui alla lettera b) del comma 5 dell’articolo 3 del decreto-legge n. 35 del 2013 convertito dalla legge n. 64 del 2013.

3. La Giunta regionale provvede con proprio atto a disciplinare gli adempimenti necessari in attuazione del comma 5 dell’articolo 3 del decreto-legge n. 35 del 2013 convertito dalla legge n. 64 del 2013.


Art. 2
(Rimborso dell’anticipazione)
1. Al rimborso delle anticipazioni di cui all’articolo 1 la Regione provvede con oneri a carico del proprio bilancio, alle condizioni previste alla lettera c) del comma 5 dell’articolo 3 del decreto-legge n. 35 del 2013 convertito dalla legge n. 64 del 2013.

2. Il pagamento del rimborso delle anticipazioni di liquidità è garantito dalla Regione mediante l’utilizzo di apposite unità previsionali di base e di appositi capitoli che verranno dotati della necessaria disponibilità, per l’intera durata del rimborso stesso.

3. Le spese per il rimborso delle anticipazioni di liquidità, sia per il rimborso della parte capitale che della quota interessi, rientrano fra le spese classificate obbligatorie ai sensi e per gli effetti dell’articolo 42 della legge regionale di contabilità 28 febbraio 2000, n. 13 (Disciplina generale della progr [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
B/Sana
Knauf manuale antincendio

NEWS NORMATIVA

17/01 - Professionisti e imprese, più vicini i pagamenti della PA

Operativa la piattaforma con cui Cassa Depositi e Prestiti anticipa a Regioni ed Enti locali il saldo dei debiti maturati al 31 dicembre 2018

17/01 - Consumo di suolo, Ance propone una ‘rivoluzione culturale’

Poche regole generali e incentivi per la rigenerazione con processi differenziati in base al tipo di tessuto urbano


THERMA V
Ursa