Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Regolamento 16/01/ 2012 n. 244

Regolamento delegato (UE) n. 244/2012 della Commissione del 16 gennaio 2012 che integra la direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla prestazione energetica nell’edilizia istituendo un quadro metodologico comparativo per il calcolo dei livelli ottimali in funzione dei costi per i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici e degli elementi edilizi

News Correlate

28/03/2013
Rendimento energetico edifici: livelli alti a prezzi accessibili

Dal Buildings Performance Institute Europe una metodologia per calcolare i livelli ottimali di efficienza in funzione dei costi

Linee Guida

(Gazzetta Europea 19/04/2012 n. C 115/1)

Commissione Europea - Orientamenti che accompagnano il regolamento delegato (UE) n. 244/2012 del 16 gennaio 2012 della Commissione che integra la direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla prestazione energetica nell'edilizia istituendo un quadro metodologico comparativo per calcolare livelli ottimali in funzione dei costi per i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici e degli elementi edilizi

1. OBIETTIVI E CAMPO DI APPLICAZIONE

Conformemente all'articolo 5 e all'allegato III della direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, il regolamento delegato (UE) n.244/2012 della Commissione, integra la direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla prestazione energetica nell'edilizia, istituendo un quadro metodologico comparativo per calcolare livelli ottimali in funzione dei costi per i requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici e degli elementi edilizi (nel prosieguo il «regolamento»).
La metodologia specifica le modalità per confrontare le misure di efficienza energetica, le misure che incorporano l'energia da fonti rinnovabili e i pacchetti di tali misure, in relazione alla prestazione energetica primaria e al costo assegnato alla loro attuazione, nonché le modalità di applicazione di tali norme a determinati edifici di riferimento al fine di identificare livelli ottimali in funzione dei costi per i requisiti minimi di prestazione energetica. L'allegato III della direttiva 2010/31/UE chiede alla Commissione di fornire orientamenti a corredo del quadro metodologico comparativo per consentire agli Stati membri di adottare le misure necessarie.
Il presente documento rappresenta gli orientamenti di cui all'allegato III della direttiva 2010/31/UE. Per quanto si tratti di orientamenti non vincolanti, essi forniscono agli Stati membri informazioni supplementari pertinenti e si basano su principi comunemente accettati per i calcoli dei costi prescritti nel contesto del
regolamento. Come tali gli orientamenti sono intesi [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sismicad 12
GLASROC X

NEWS NORMATIVA

16/9 - I prefabbricati sono ‘unità immobiliari’?

Agenzia delle Entrate: per stabilirlo occorre valutare autonomia funzionale e reddituale e adempiere l’obbligo di aggiornamento catastale

13/9 - Revisione catastale, il Comune deve motivare l’aumento del valore dell’immobile

Le regole della Cassazione per la tutela dei contribuenti dagli accertamenti del Fisco


SAIE 2019
Keraflex