Carrello 0

Scheda Normativa

Linee Guida 23/09/2013 n. 1339

(Gazzetta regionale 08/10/2013 n. 294)

Regione Emilia-Romagna - Dlgs 194/2005 "Attuazione della Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale" - Approvazione delle "Linee guida per l'elaborazione dei piani d'azione relativi alle strade ed agli agglomerati della regione Emilia-Romagna

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la Legge 26 ottobre 1995 n. 447 “Legge quadro sull’inquinamento acustico” che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell’ambiente dall’inquinamento acustico;

- la Legge regionale 9 maggio 2001, n. 15 “Disposizioni in materia di inquinamento acustico” che stabilisce le modalità per la realizzazione della classificazione acustica del territorio e dei piani di risanamento acustico;

- la Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e gestione del rumore ambientale che introduce nuove definizioni e nuovi descrittori acustici ai fini della prevenzione e riduzione degli effetti nocivi dell’esposizione al rumore ambientale della popolazione;

- il DLgs. 194/2005 recante “Attuazione della Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione del rumore ambientale” che prevede:

- l’elaborazione e l’adozione di piani d’azione, per evitare e ridurre il rumore ambientale;

- di assicurare l’informazione e la partecipazione del pubblico in merito al rumore ambientale ed ai relativi effetti;

Richiamato in particolare del citato decreto 194/2005 l’articolo 4, il quale stabilisce che le autorità individuate dalla Regione, tenuto conto dei risultati delle mappature acustiche e delle mappature acustiche strategiche, elaborino e trasmettano alla Regione i piani d’azione, di cui al comma 5, predisposti in conformità ai requisiti minimi stabiliti dall’Allegato 5 e corredati delle previste informazioni di cui all’Allegato 6;

Dato atto che:

- con propria deliberazione n. 591/2006, la Regione ha provveduto all’individuazione degli agglomerati con più di 250.000 abitanti, identificando il territorio del comune di Bologna e quello dei comuni di Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Pianoro, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa, nell’agglomerato di Bologna, stabilendo che la mappa acustica strategica deve essere realizzata in forma coordinata con il comune capoluogo;

- con la medesima deliberazione n. 591/2006, la Regione ha altresì acquisito le informazioni pervenute dalle Province, relative agli archi stradali delle infrastrutture di competenza con flussi di traffico superiori a 6.000.000 di veicoli/anno, nonché quelli con flussi compresi fra i 3.000.000 ed i 6.000.000 di veicoli/anno;

- con propria deliberazione n. 1287/2008 la Regione ha provveduto ad individuare nel Comune di Bologna l’autorità competente cui sono demandati gli adempimenti previsti dagli artt. 3 e 4 del DLgs 194/2005;

- con propria deliberazione n. 1369/2012:

è stata confermata la designazione di autorità competente dei Comuni di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Ravenna, Forlì e Rimini per i rispettivi agglomerati, coincidenti con il territorio comunale;
è stata confermata la modifica della composizione numerica dell’agglomerato di Bologna, escludendo i comuni di Pianoro e Zola Predosa, attesa la scarsa rilevanza della popolazione esposta relativa a tali comuni;
è stato approvato l’elaborato relativo alle “Linee guida per l’elaborazione delle mappature acustiche e delle mappe acustiche strategiche relative alle strade provinciali ed agli agglomerati della regione Emilia-Romagna”;
è stato disposto che con successivo atto della Regione siano fornite indicazioni alle amministrazioni interessate sulla elaborazione dei piani d’azione per gli agglomerati e per le infrastrutture stradali in ambito regionale;
Considerato che:

- al fine di individuare e condividere un’unica metodologia a livello regionale sia per la realizzazione delle mappature acustiche delle infrastrutture stradali in ambito regionale sia della mappa acustica strategica dell’agglomerato di Bologna, propedeutiche alla predisposizione dei piani d’azione ed alle successive verifiche quinquennali, sulla base dei requisiti minimi conformi al DLgs 194/05, inclusa l’integrazione e l’armonizzazione delle procedure già applicate in ottemperanza alla legislazione italiana precedente (L. n. 447/95 e suoi decreti attuativi), in data 19 dicembre 2006 è stata sottoscritta una Convenzione tra Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna ed ARPA - Sezione provinciale di Bologna;

- oggetto della Convenzione, il cui schema è stato approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 1536 del 6 novembre 2006, è il raggiungimento dell’obiettivo condiviso attraverso l’attuazione di un progetto, organizzato in tre fasi:

- la fase I: relativa alla organizzazione del progetto, al reperimento dei dati ed alla individuazione del modello per lo sviluppo delle fasi successive;

- la fase II: relativa alla elaborazione delle mappature acustiche e mappe acustiche strategiche;

- la fase III: relativa alla definizione dei criteri per passare dalle mappature acustiche e mappe acustiche strategiche ai piani d’azione ed alla loro predisposizione;

Valutato che:

- in coerenza con quanto enunciato nella citata convenzione, nell'attuazione delle fasi I e II del progetto è stato richiesto un qualificato supporto tecnico scientifico al Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale - DIENCA della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna (D.D.G. n. 18081 del 22 dicembre 2006 e D.D.G. n. 15938 del 30 novembre 2007), per lo svolgimento di uno studio corrispondente agli obiettivi ed alle motivazioni citate, in grado di valutare, di concerto con i soggetti coinvolti, le metodologie più idonee per rispondere agli adempimenti comunitari;

- con deliberazione n. 1820 del 16 novembre 2009 si è proceduto alla "Integrazione alla Convenzione tra Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna e ARPA, per la realizzazione delle mappature acustiche delle infrastrutture stradali provinciali e della mappa acustica strategica dell’Agglomerato di Bologna - III fase, ai sensi del DLgs 194/2005 (D.G.R. nn. 1536/2006, 291/2007, 1988/2007, 1437/2008)", con la quale è stata dettagliata e strutturata la fase III del progetto;

- la suddetta fase III, prevede, tra l’altro, la stesura delle linee guida per l’elaborazione delle mappature acustiche, approvate con propria deliberazione n. 1369/2012, e delle linee guida per l’elaborazione dei piani d’azione, oggetto della presente deliberazione, relative alle infrastrutture stradali in ambito regionale ed agli agglomerati;

Le linee guida sono elaborate tenendo conto delle risultanze delle fasi I, II e III dell’intero progetto;

Dato atto che:

- la già citata deliberazione n. 1820 del 16 novembre 2009 stabilisce che la Regione Emilia-Romagna effettui il necessario [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Supporto mosaici
Sismicad 12

NEWS NORMATIVA

25/9 - IVA agevolata al 10%, si applica per la costruzione di edifici ‘Tupini’

Agenzia delle Entrate: per la detrazione dell’imposta le spese vanno ripartite in base alla destinazione di ogni singola unità immobiliare

25/9 - Fondo Infrastrutture, nel Milleproroghe la soluzione allo stop della Consulta

Le intese con le Regioni si potranno sancire a posteriori. Slitta al 31 dicembre 2018 l'adeguamento antisismico e antincendio nelle scuole


Fibrotubi
Living Now