Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Delibera/zione 04/11/ 2008 n. 3308

Regione Veneto - Applicazione delle nuove norme tecniche sulle costruzioni in zona sismica. Indicazioni per la redazione e verifica della pianificazione urbanistica. (L.R. 11 del 23 aprile 2004 "Norme per il governo del territorio")

Linee Guida 03/09/2013 n. 1572

(Gazzetta regionale 24/09/2013 n. 81)

Regione Veneto - Definizione di una metodologia teorica e sperimentale per l'analisi sismica locale a supporto della pianificazione. Linee Guida Regionali per la microzonazione sismica. (D.G.R. 71/2008, D.G.R. 2877/2008 e D.lgs. 163/2006 e abrogazione D.G.R. n. 3308/08)

Approvazione delle Linee Guida Regionali per la microzonazione sismica quali documento di riferimento per la redazione degli studi di microzonazione sismica nel territorio regionale.



L'Assessore Marialuisa Coppola, di concerto con il Vice Presidente on. Marino Zorzato e l'Assessore Maurizio Conte, riferisce quanto segue:

Con Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 25/4/2006, n. 3519 "Criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l'aggiornamento degli elenchi delle medesime zone" pubblicato nella G.U. n. 108 del 11/5/2006, sono state stabilite nuove disposizioni per l'individuazione a livello regionale delle zone sismiche. Con lo stesso provvedimento è stata approvata la mappa di pericolosità sismica di riferimento nazionale sulla base delle accelerazioni locali massime attese al suolo, necessarie per redigere il calcolo sismico delle costruzioni. I criteri di classificazione delle zone sismiche e la mappa di pericolosità sismica di cui all'OPCM 3519/2006 sono state oggetto di presa d'atto da parte della Regione Veneto con DGR n. 71CR del 22/1/2008.

La L.R. 23 aprile 2004, n. 11, nuova disciplina regionale per il governo del territorio, ha modificato sensibilmente l'approccio per la pianificazione urbanistica, evidenziando la necessità che anche la materia sismica venga introdotta nelle nuove procedure.

Pertanto, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 3308 del 4 novembre 2008, la Giunta Regionale ha inteso dare attuazione alle nuove disposizioni legislative, introdotte con la citata L.R. 11/2004, approvando e rendendo obbligatorie, nelle zone sismiche 1 e 2, come stabilite dall'OPCM 3274/2003 e dalla DGR n. 67 del 3/12/2003, le "modalità operative e indicazioni tecniche per la redazione e la verifica sismica della pianificazione urbanistica". Per tali fini, con proprio decreto n. 69 del 27/5/2010 il Dirigente della Direzione Geologia e Attività Estrattive (ora Geologia e Georisorse) ha adottato le "Linee guida per la realizzazione dello Studio di Compatibilità Sismica per i Piani di Assetto del Territorio comunali e intercomunali (PAT e PATI)"

Nel contempo, i numerosi eventi sismici accaduti in Italia negli ultimi anni, hanno reso maggiormente evidente la vulnerabilità sismica del nostro territorio.

L'osservazione degli effetti dei terremoti degli ultimi decenni, ha evidenziato, inoltre, che i danni alle costruzioni a seguito di eventi sismici si manifestano con differenze notevoli in centri abitati posti anche a piccole distanze tra loro. Le cause di queste situazioni, oltre alla differente tipologia costruttiva, vanno ricercate in una diversa pericolosità sismica locale, accentuata dalle diverse modalità di propagazione delle onde sismiche, funzione delle caratteristiche dei sottosuoli e di quelle morfologiche, nonché dall'instabilità del suolo.

Lo studio delle problematiche sopra descritte è oggetto della microzonazione sismica, con la quale ad un primo livello si individuano le zone stabili, le zone stabili suscettibili di amplificazione locale, e le zone soggette ad instabilità (frane, rotture della superficie per faglie, cedimenti e liquefazioni del terreno).

Il miglioramento della conoscenza in materia prodotto dagli studi di microzonazione sismica può contribuire concretamente, insieme a quelli sulla vulnerabilità ed esposizione, all'ottimizzazione delle risorse rese disponibili per interventi mirati alla mitigazione del rischio sismico.

Facendo seguito alla approvazione nel 2008 da parte del Dipartimento della Protezione civile e della Conferenza Unificata delle Regioni e delle Province autonome, degli "Indirizzi e criteri generali per la microzonazione sismica", anche la Regione Veneto ha deciso di dotarsi di un ulteriore strumento di riferimento, a supporto della pianificazione urbanistica e della progettazione in zona sismica.

Pertanto, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 2877 del 7 ottobre 2008, si è attivata una procedura selettiva per l'affidamento di un servizio biennale di consulenza, finalizzato alla stesura di "Linee Guida per la Microzonazione Sismica".

Il risultato del lavoro, affidato allo Studio di Geologia e Geofisica SGG srl di Siena, è costituito dalle "Linee Guida per la Microzonazione Sismica", che la Commissione Sismica Regionale, istituita ai sensi dell'art. 67 della L.R. 7 novembre 2003, n. 27, nella seduta del 18 giugno 2012, ha esaminato, discusso e approvato prevedendo alcune modifiche, apportate dagli stessi autori nella versione datata 19 giugno 2012, ora agli atti della Commissione stessa.

Preso atto della necessità di snellire il documento ed uniformarlo con la gestione degli studi di compatibilità sismica attualmente in essere in base alla D.G.R. n. 3308/2008, sono state apportate, dalle strutture regionali, alcune modifiche non sostanziali al testo del documento approvato.

Tenuto conto che i contenuti degli studi di compatibilità sismica, di cui alla citata DGR 3308/08, obbligatori attualmente in Veneto per le zone sismiche (1 e 2), sono sostanzialmente inclusi negli elaborati previsti dalle citate Linee Guida, di cui all'Allegato A "Linee guida per l'esecuzione di studi di micro zonazione sismica", e che le stesse sono più dettagliate ed approfondite e, quindi, più esaustive, si ritiene di introdurre l'obbligo di utilizzare le stesse, quale riferimento per la redazione dei citati studi di compatibilità sismica.

Pur considerando che l'obiettivo della Regione è quello di estendere a tutto il territorio regionale l'obbligo di eseguire gli studi di microzonazione sismica, si ritiene però opportuno procedere ad una prima fase sperimentale di verifica dell'applicabilità di tali linee guida. Pertanto, le stesse Linee Guida diventeranno riferimento obbligatorio per i Comuni di cui all'Allegato B "Elenco dei Comuni del Veneto a cui applicare le Linee Guida per gli studi di micro zonazione sismica"del presente provvedimento, che comprendono quelli già inseriti in zona sismica 1 e 2 e quelli per cui il territorio è in tutto o in parte caratterizzato da valori di accelerazione sismica massima al suolo superiori a 0,175 g di cui all'O.P.C.M. 3519/2006.

Indicativamente dopo un periodo di applicazione di due anni, sulla base della valutazione degli esiti di questa fase sperimentale, si procederà ad una rideterminazione di tali disposizioni.

Va evidenziato, inoltre, che con specifiche Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri sono annualmente co-finanziati studi di microzonazione sismica a livello comunale. Tali studi devono essere redatti in base ai citati "Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica", predisposti dalla Commissione tecnica nazionale per la microzonazione sismica, ai quali le linee guida oggetto del presente provvedimento sono ispirate.

Allo scopo si ritiene opportuno, al fine dell'omogeneità della banca dati, applicare, per quanto possibile, gli standard di rappresentazione ed archiviazione informatica predisposti dalla citata Commissione tecnica nazionale per la microzonazione sismica (scaricabili al sito della Protezione Civile nazionale) anche per gli studi di microzonazione sismica eseguiti per gli strumenti urbanistici comunali e che non rientrano tra quelli cofinanziati con le Ordinanze del P.C.M..

Si ritengono, pertanto, superate le disposizioni della DGR 3308/2008 che con il presente provvedimento si intende abrogata.

Si devono pertanto intendere superate anche le "Linee guida per la realizzazione dello Studio di Compatibilità Sismica per i Piani di Assetto del Territorio comunali e intercomunali (PAT e PATI)" di cui al decreto n. 69 del 27/5/2010 del Dirigente della Direzione Geologia e Attività Estrattive (ora Geologia e Georisorse).

Di conseguenza si propongono le seguenti disposizioni:

MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MICROZONAZIONE SISMICA.

Le nuove "Linee Guida per la microzonazione sismica" vanno applicate agli studi di microzonazione sismica a corredo degli strumenti di pianificazione urbanistica comunale (P.A.T, P.I. e loro varianti di cui alla L.R. 11/2004). Anche i Piani Urbanistici Attuativi (PUA), nei Comuni i cui strumenti urbanistici di livello superiore non contengano studi sismici, devono essere dotati di specifici studi di microzonazione sismica.

La metodologia prevede tre livelli di approfondimento con grado di dettaglio in ordine crescente:

o 1° LIVELLO: si applica in sede di P.A.T. e consente di delineare gli scenari della pericolosità sismica ed identifica le parti del territorio comunale suscettibili di effetti sismici locali: amplificazione del moto sismico, cedimenti, instabilità dei versanti, liquefazione, rottura del terreno, ecc;

o 2° LIVELLO: si applica in sede di P.I. a tutte le parti del territorio suscettibili di amplificazione sismica individuati nella precedente fase e per le quali si prevedono trasformazioni urbanistiche del territorio che comportano un incremento dei carichi urbanistici/insediativi e per il territorio compreso nel perimetro del "centro abitato" così come previsti dalla normativa vigente;

o 3° LIVELLO: si applica in sede di P.I. per le scelte di trasformazione urbanistica nelle aree con particolari criticità geologiche, geomorfologiche e geotecniche. Si applica altresì alle aree in cui è prevista la realizzazione di opere di rilevante interesse pubblico.

Gli studi di microzonazione sismica relativi ai P.A.T. e ai P.I. dovranno essere trasmessi, unitamente ad un estratto del progetto di nuovo strumento urbanistico, o variante, utile per individuare le variazioni territoriali previste, all'Ufficio del Genio Civile competente per territorio, che ne curerà l'istruttoria ai sensi dell'art. 89 del D.P.R. 380/2001. Il relativo parere è rilasciato prima dell'adozione dello strumento urbanistico, dal Dirigente dell'Ufficio del Genio Civile, sentita la Direzione Regionale competente in materia di geologia, entro 60 (sessanta giorni) dalla richiesta; trascorso tale termine il parere si intende reso come positivo. Tale termine può essere interrotto, per 30 (trenta giorni), una sola volta per richieste di integrazioni o chiarimenti.

Il parere è trasmesso al Comune, alla Direzione Regionale competente in materia di geologia, nonché alla Direzione Regionale competente in materia di edificazione in zona sismica.

Le varianti agli strumenti urbanistici che non comportino la modifica delle destinazioni urbanistiche, o che non prevedano ambiti di nuova urbanizzazione, o che comunque non alterino la protezione sismica prevista, sono accompagnate dalla dichiarazione da parte di un tecnico abilitato che asseveri, sotto la propria responsabilità, che in relazione ai contenuti della variante e in base alle norme e alle disposizioni statali e regionali vigenti, non si rende necessaria la valutazione sismica.

Tale asseverazione viene inviata, prima dell'adozione della variante, all'Ufficio Regionale del Genio Civile competente per territorio. Tale struttura regionale, entro 60 (sessanta) giorni dal ricevimento, potrà formulare motivate obiezioni e richiedere la valutazione di compatibilità sismica. Decorso tale termine la verifica si intende positivamente esperita.

Dal 1 marzo 2014 tutti gli strumenti urbanistici sono adottati secondo le presenti disposizioni. I Comuni, i cui P.A.T. siano in via di formazione prima del 1 marzo 2014, possono adeguare la documentazione con la realizzazione di studi di microzonazione sismica contestualmente alla redazione del piano oppure in sede di formazione del P.I.

Gli stessi Comuni, i cui strumenti urbanistici siano in via di formazione e che hanno già predisposti gli Studi di Compatibilità sismica in base alla D.G.R. 3308/2008, possono inviare la richiesta di parere sismico al Genio Civile competente ai sensi dell'art. 89 del D.P.R. 380/2001, entro il 30 giugno 2014, decorso tale termine gli studi dovranno essere predisposti seguendo le nuove linee guida (Allegato A).

I Comuni che sono già dotati di studi di microzonazione sismica realizzati secondo gli "Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica" predisposti dalla Commissione tecnica nazionale per la microzonazione sismica, non sono tenuti alla redazione di altri studi in materia ad integrazione della documentazione degli strumenti urbanistici.

I Comuni i cui strumenti urbanistici siano già dotati di Studi di compatibilità sismica ai sensi della D.G.R. n. 3308/2008 non sono tenuti all'adeguamento della documentazione sismi [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Rockwool
FLIR E53

NEWS NORMATIVA

14/11 - Decreto Genova, salta ‘il cuore’ del condono Ischia

Cancellato il riferimento alla legge del 1985 che avrebbe concesso disposizioni meno restrittive per le pratiche pendenti

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’


Photo Book
Schuco ASE 67 PD