Carrello 0

Scheda Normativa

Linee Guida 27/02/2013 n. 2

(Gazzetta regionale 07/05/2013 n. 40)

Regione Veneto - Approvazione del documento "Indicazioni operative per la redazione dei Piani di ripristino e per i Piani di reinserimento e recupero ambientale al termine della vita degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (fotovoltaico, biomassa, biogas, idroelettrico)

Il Segretario

PREMESSO che l’art. 12 del d.lgs. 387/2003 prevede che l'autorizzazione per gli impianti in oggetto, oltre a costituire titolo a costruire ed esercire l'impianto in conformità al progetto approvato, deve contenere l'obbligo della rimessa in pristino dello stato dei luoghi a carico del soggetto esercente, a seguito della dismissione dell'impianto o, per gli impianti idroelettrici, l’obbligo alla esecuzione di misure di reinserimento e recupero ambientale;

PREMESSO che il punto 13.1 lett. a) del D.M. 10 settembre 2010 “Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili” prevede che l'istanza per il rilascio dell'autorizzazione unica, fermo restando quanto previsto dai punti 13.2 e 13.3, è corredata dal progetto definitivo dell'iniziativa, comprensivo tra l’altro delle opere per la dismissione dell'impianto e del ripristino dello stato dei luoghi e per gli impianti idroelettrici delle misure di reinserimento e recupero ambientale;

PREMESSO che il punto 13.1 lett. j) del D.M. 10 settembre 2010 citato, prevede che l’istanza di autorizzazione unica è corredata dall’impegno alla corresponsione, all'atto di avvio dei lavori, di una cauzione a garanzia della esecuzione degli interventi di dismissione e delle opere di messa in pristino, da versare a favore dell'amministrazione procedente mediante fideiussione bancaria o assicurativa secondo l'importo stabilito in via generale dalle Regioni o dalle Province delegate in proporzione al valore delle opere di rimessa in pristino o delle misure di reinserimento o recupero ambientale;

PREMESSO che con Deliberazione n. 253 del 22 febbraio 2012 la Giunta regionale ha definito la disciplina delle garanzie per la rimessa in pristino dei luoghi al termine della vita degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed alla approvazione di uno schema di cauzione tipo;

PREMESSO che con la Deliberazione n. 253/2012 citata la Giunta regionale ha rinviato ad un successivo provvedimento l’approvazione di Indicazioni Operative per la redazione dei Piani di ripristino;

VALUTATA la necessità di definire modalità uniformi per l’espletamento delle attività di dismissione degli impianti e per la conseguente quantificazione della polizza fideiussoria agevolando, nel contempo, la valutazione della documentazione da parte degli uffici regionali incaricati dell’istruttoria delle domande;

CONSIDERATO che, in esito agli incontri convocati a partire dal 30 marzo 2012 e fino al 18 dicembre 2012, è stato predisposto, in collaborazione tra le strutture regionali competenti, un documento contenente le indicazioni operative per la redazione dei Piani di ripristino dei luoghi al termine della vita degli impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonte rinnovabile (fotovoltaico, biomassa, biogas) e per la redazione dei Piani di manutenzione e regolare funzionamento e dei Piani di recupero e di reinserimento ambientale degli impianti idroelettrici;

CONSIDERATO che la Commissione Tecnica Regionale Ambiente nella seduta del 24 gennaio 2013 ha esaminato il predetto documento ritenendolo meritevole di approvazione con alcune prescrizioni riportate nel parere n. 3858;

VISTO il documento “Indicazioni operative per la redazione dei Piani di ripristino e per i Piani di reinserimento e recupero ambientale al termine della vita degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (fotovoltaico, biomassa, biogas, idroelettrico)” definitivamente red [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Geosec
FacTus

NEWS NORMATIVA

26/9 - Abusi edilizi, in attesa del condono sono vietati ulteriori interventi

Tar Campania: se si realizzano altri lavori, anche minori, il Comune deve sospendere l'esame dell'istanza e ordinare la demolizione

26/9 - Indici affidabilità fiscale, Ance: bene ma criticità da correggere

I costruttori: considerare la differenza tra imprese di costruzione e di ristrutturazione e i maggiori oneri del settore


Gen2 Home
Yokis