Roca
Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Ordinanza 18/12/ 2013 n. 30

Regione Toscana - Commissario delegato - OCDPC n. 134 del 26 novembre 2013 “Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni 20, 21 e 24 ottobre 2013 nel territorio della regione Toscana”. Approvazione Piano degli interventi

Ordinanza 15/06/2012 n. 9

(Gazzetta ufficiale 25/06/2012 n. 146)

Capo Dipartimento della Protezione Civile - Ulteriori disposizioni urgenti di protezione civile conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo nel mese di maggio 2012

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO
della protezione civile

Visto l'art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l'art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto-legge del 15 maggio 2012, n. 59;
Visto il decreto-legge del 6 giugno 2012, n. 74 ed in particolare
l'art. 2, comma 6, che prevede che le risorse derivanti dalle
erogazioni liberali confluiscono nelle contabilita' speciali
intestate ai presidenti delle regioni Emilia-Romagna, Lombardia e
Veneto - Commissari delegati, ai fini della realizzazione degli
interventi per la ricostruzione e ripresa dei territori colpiti dagli
eventi sismici;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 21
maggio 2012 recante la dichiarazione dell'eccezionale rischio di
compromissione degli interessi primari a causa dei predetti eventi
sismici, ai sensi dell'art. 3, comma 1, del decreto-legge 4 novembre
2002, n. 245, convertito, con modificazioni, dall'art. 1 della legge
27 dicembre 2002, n. 286;
Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 22 maggio 2012 con
la quale e' stato dichiarato fino al 21 luglio 2012 lo stato
d'emergenza in ordine agli eventi sismici che hanno colpito il
territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova il
giorno 20 maggio 2012 ed e' stata disposta la delega al Capo del
Dipartimento della protezione civile ad emanare ordinanze in deroga
ad ogni disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali
dell'ordinamento giuridico;
Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 30 maggio 2012 con
la quale e' stato dichiarato fino al 29 luglio 2012 lo stato
d'emergenza in ordine ai ripetuti eventi sismici di forte intensita'
verificatisi nel mese di maggio 2012, e in particolare al terremoto
del 29 maggio 2012, che hanno colpito il territorio delle province di
Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo ed e' stata
disposta la delega al Capo del Dipartimento della protezione civile
ad emanare ordinanze in deroga ad ogni disposizione vigente e nel
rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico;
Viste le ordinanze del Capo del Dipartimento della protezione
civile del 22 maggio 2012, n. 0001, del 1° giugno 2012, n. 0002, del
2 giugno 2012, n. 0003 e del 6 giugno 2012, n. 0004;
Considerato che tali fenomeni hanno determinato una grave
situazione di pericolo per l'incolumita' delle persone e per la
sicurezza dei beni pubblici e privati, provocando la perdita di vite
umane, ferimenti e lo sgombero di diversi immobili pubblici e privati
e danneggiamenti a strutture ed infrastrutture;
Considerato che i ripetuti eventi sismici, e in particolare il
terremoto del 29 maggio 2012, hanno provocato un aggravamento delle
situazioni di criticita' causate dal precedente evento del 20 maggio
2012;
Ritenuto, pertanto, necessario provvedere, senza soluzione di
continuita', all'approntamento tempestivo di ogni azione urgente
finalizzata al soccorso e all'assistenza alla popolazione, nonche'
all'adozione degli interventi provvisionali strettamente necessari
alle prime necessita', anche con riferimento all'evoluzione dei
fenomeni ed all'aggravamento delle situazioni pregresse;
Visto il comunicato del 5 giugno 2012 della Commissione grandi
rischi e le conseguenti iniziative assunte dal Governo e dal Comitato
operativo della protezione civile;
Ritenuto, pertanto, necessario, autorizzare l'impiego di personale
delle Forze armate nei territori colpiti dagli eventi sismici del 20
e del 29 maggio 2012, con compiti di soccorso alle popolazioni,
superamento della situazione emergenziale, vigilanza e
pattugliamento;
Ravvisata, inoltre, la necessita' di provvedere alla modifica
dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile del
6 giugno 2012, n. 0004, al fine di rendere coerenti le disposizioni
ivi contenute con quanto disposto dall'art. 2, comma 6, del
decreto-legge del 6 giugno 2012, n. 74;
Sentito il Ministero della difesa;
Acquisita l'intesa delle regioni Emilia-Romagna, Lombardia e
Veneto;

Dispone:

Art. 1

1. Al fine di assicurare i necessari interventi di soccorso e le
attivita' necessarie al superamento della situazione di emergenza,
nonche' la vigilanza e la protezione degli insediamenti ubicati nei
territori colpiti dal sisma, per impedire condotte criminose, e'
autorizzato l'impiego, a decorrere dal 10 giugno 2012 e sino al 29
luglio 2012, di un contingente di 300 militari delle Forze armate che
agiscono ai sensi dell'art. 7-bis, comma 3, del decreto-legge 23
maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, dalla legge 24
luglio 2008, n. 125. Al personale di cui al presente comma, per i
giorni di effettivo impiego, sono attribuiti l'indennita' giornaliera
onnicomprensiva e il limite individuale medio mensile di compenso per
lavoro straordinario individuati dal decreto adottato ai sensi
dell'art. 7-bis, comma 4, del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92,
convertito in legge 24 luglio 2008, n. 125 e dell'art. 33, comma 19,
della legge 12 novembre 2011, n. 183.
2. Agli oneri derivanti dall'attuazione del comma 1, pari a euro
632.775,00 si provvede a valere sulle risorse stanziate con decreto
del Ministro dell'economia e delle finanze n. 45301 del 22 maggio
2012 mediante aperture di credito in favore di un funzionario
delegato individuato dal Ministero della difesa.



Art. 2

1. Al comma 1 dell'art. 7 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento
della protezione civile del 2 giugno 2012, n. 0003, le parole: «euro
30.000.000,00» sono sostituite dalle seguenti: «euro 34.900.000,00».
2. All'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile
del 6 giugno 2012, n. 0004, sono apportate le seguenti modifiche:
a) all'art. 1, comma 1, le parole da: «, per il successivo
trasferimento» a: «2 giugno 2012, n. 0003» sono soppresse;
b) all'art. 1, comma 4, le parole: «dell'articolo 5» sono
sostituite dalle seguenti: «dell'articolo 6».



Art. 3

1. Al fine di garantire il mantenimento di adeguati livelli di
assistenza alla popolazione in caso di emergenza, il Dipartimento
della protezione civile e' autorizzato a provvedere, in termini di
assoluta urgenza, al reintegro ed alla riparazione dei materiali di
pronto intervento e di assistenza alla popolazione impiegati per
fronteggiare gli eventi sismici del 20 e del 29 maggio 2012.
2. Per le medesime finalita' di cui al comma 1, il Dipartimento dei
vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile,
d'intesa con il Dipartimento della protezione civile, e' autorizzato
a provvedere, in termini di assoluta urgenza, all'acquisizione e al
reintegro dei materiali dei Centri assistenziali di pronto intervento
del Ministero dell'interno e dei materiali del Corpo nazionale dei
vigili del fuoco impiegati per fronteggiare gli eventi sismici del 20
e del 29 maggio 2012.
3. Agli oneri derivanti dall'applicazione del presente articolo si
provvede, nel limite massimo di 10 milioni di euro, a valere sulle
risorse stanziate con decreto del Ministro dell'economia e delle
finanze n. 45301 del 22 maggio 2012.



Art. 4

1. Al fine di garantire nel piu' breve tempo possibile il
ripristino della capacita' di risposta alle emergenze del Servizio
nazionale della protezione civile, in considerazione del massiccio ed
intensivo utilizzo di attrezzature e mezzi delle organizzazioni di
volontariato di protezione civile operanti nell'ambito delle colonne
mobili delle organizzazioni [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Sisma
Stuv

NEWS NORMATIVA

18/12 - Fattura elettronica, i commercialisti fanno ricorso contro l’Agenzia delle Entrate

Chiesto il differimento fino a quando il sistema non sarà sanato dai vizi che mettono a rischio privacy e sistema economico

18/12 - Codice Appalti, semplificati i meccanismi di esclusione dalle gare

Schematizzati in modo più chiaro gli illeciti professionali. Annunciati emendamenti sui limiti 80-20 e 60-40 delle concessionarie


Scaff System
Amotherm