Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Ordinanza 06/12/ 2012 n. 86

Regione Emilia-Romagna - Commissario delegato - Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione,il ripristino con miglioramento sismico o la demolizione e ricostruzione di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni gravi a seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili (ESITO E1, E2 o E3)

Ordinanza 05/10/ 2012 n. 51

Regione Emilia-Romagna - Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino con miglioramento sismico di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni significativi dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili

Ordinanza 28/08/ 2012 n. 29

Regione Emilia Romagna - Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino immediato di edifici ed unità immobiliari ad uso abitativo danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e temporaneamente e parzialmente inagibili

Ordinanza 01/07/2013 n. 75

(Gazzetta regionale 11/07/2013 n. 193)

Regione Emilia-Romagna - Proroga del termine per la presentazione delle domande a valere sull’ordinanza 29 del 28 agosto 2012 e smi, modifiche all’ordinanza n. 3 del 22 giugno 2012 e nuove disposizioni relative alle ordinanze nn. 29 del 28 agosto 2012 e smi, 51 del 5 ottobre 2012 e 86 del 6 dicembre 2012 e smi

IL PRESIDENTE

IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO

ai sensi dell’art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012

convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/2012

Il Presidente della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, assunte, a norma dell’articolo 1, comma 2, del d.l. n. 74 del 6 giugno 2012, in G.U. n. 131 del 7 giugno 2012, recante “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012” le funzioni di Commissario Delegato per l’attuazione degli interventi previsti dallo stesso decreto-legge;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 luglio 2012 di attuazione dell'art. 2 del decreto legge n. 74 del 6 giugno 2012;

Visto il Protocollo d'intesa tra il Ministero dell'economia e delle finanze e i Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto in qualità di Commissari delegati del 4 ottobre 2012;

Visto il decreto legge n. 1 del 14 gennaio 2013 recante disposizioni urgenti per il superamento di situazioni di criticità nella gestione dei rifiuti e di taluni fenomeni di inquinamento ambientale convertito con legge n. 11 del 1 febbraio 2013;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 febbraio 2013 riportante l’aggiornamento della misura dei contributi per la ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi sismici nel maggio 2012;

Visto il decreto legge n. 43 del 26 aprile 2013 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell'area industriale di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e la realizzazione degli interventi per Expo 2015” convertito con modificazioni dalla legge n. 71 del 24 giugno 2013;

Viste le precedenti ordinanze commissariali:

- n. 23 del 14 agosto 2012 “Azioni finalizzate alla realizzazione del "programma casa per la transizione e l'avvio della ricostruzione";

- n. 29 del 28 agosto 2012 “Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino immediato di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e temporaneamente o parzialmente inagibili” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 51 del 5 ottobre 2012 “Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino con miglioramento sismico di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni significativi dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili (Esito E0)” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 86 del 6 dicembre 2012 “Criteri e modalità di assegnazione di contributi per la riparazione, il ripristino con miglioramento sismico o la demolizione e ricostruzione di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo che hanno subito danni gravi a seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e che sono stati dichiarati inagibili (ESITO E1, E2 o E3)” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 3 del 22 giugno 2012 “Semplificazione delle procedure per la delocalizzazione delle attività produttive”, con la quale, al paragrafo 1, si è previsto che le attività produttive soggette ad autorizzazione, comunicazione, DIA o SCIA di competenza comunale potessero essere delocalizzate, totalmente o parzialmente, in via temporanea fino al 31 dicembre 2012, salvo proroghe;

- n. 93 del 21 dicembre 2012 con la quale termine di cui al punto precedente è stato prorogato fino al 30 giugno 2013;

Preso atto che il processo di presentazione delle domande evidenzia la necessità di consentire un ulteriore lasso temporale, come pure di agevolare la presentazione d’istanze da parte di cittadini residenti in comuni limitrofi, ove sussista il nesso di casualità tra danno ed eventi sismici;

Ritenuto che durante la fase di ricostruzione tuttora in essere sia opportuno consentire la permanenza delle delocalizzazioni temporanee già comunicate o autorizzate, anche oltre il termine del 30 giugno 2013 e fino al 31 dicembre 2014, termine coincidente con la fine dello stato d’emergenza per le zone colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, così come stabilito nel D.L. n. 43/2013 già citato;

Visto l’art. 27 comma 1, della legge 24 novembre 2000, n. 340 e successive modifiche ed integrazioni ai sensi del quale i provvedimenti commissariali divengono efficaci decorso il termine di 7 giorni per l’esercizio del controllo preventivo di legittimità da parte della Corte dei Conti;

DISPONE

Art. 1

Proroga del termine per la presentazione delle domande a valere sulle ordinanze

n. 29 del 28 agosto 2012, n. 51 del 5 ottobre 2012 e n. 86 del 6 dicembre 2012,

e successive modifiche ed integrazioni

Il termine per la presentazione delle domandedi cui all’articolo 4 comma 1 dell’ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 e smi, è prorogato al 31 dicembre 2013.
È altresì prorogato al 30 settembre 2013 il termine per la presentazione delle domandedi cui all’articolo 9 comma 1 delle ordinanze n. 29 del 28 agosto 2012 e smi, n. 51 del 5 ottobre 2012 e smi, e n. 86 del 6 dicembre 2012 e smi.
Art. 2

Precisazioni sull’ambito di applicazione delle ordinanze nn. 29, 51 e 86 del 2012 e smi

Ai sensi di quanto previsto dal decreto del Ministero delle Economia e Finanze del 1 giugno 2012 art. 1 comma 3 è da intendersi incluso nell’elenco allegato 1 delle ordinanze n. 29 del 28 agosto 2012 e smi, n. 51 del 5 ottobre 2012 e smi e n. 86 del 6 dicembre 2012 e smi, il comune di Bologna.
Si specifica che rispetto all’elenco allegato 1 delle ordinanze n. 29 del 28 agosto 2012 e smi, n. 51 del 5 ottobre 2012 e smi e n. 86 del 6 dicembre 2012 e smi, per i comuni di Campegine e Castelvetro Piacentino, in linea con quanto disposto dall’art. 67septies, comma 1 bis, del decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012, convertito dalla legge n. 134 del 7 agosto 2012, sono ritenuti ammissibili a contributo soltanto gli edifici comprendenti unità immobiliari destinate ad attività produttive.
Art. 3

Comuni fuori territorio ammissibile

Per consentire la riparazione, il ripristino con miglioramento sismico o la ricostruzione di edifici abitativi o ad uso produttivo danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012, ubicati nei territori dei comuni limitrofi a quelli individuati ai sensi dell’art. 1, comma 1, del DL 74/12 così come integrati dall’art. 67 septies del DL 83/12, i soggetti interessati possono presentare al comune ove è ubicato l’edificio domanda di finanziamento con le modalità stabilite dalle Ordinanze nn. 29, 51 e 86 e l.m. e i.
Le domande [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
FacTus
Fibrotubi

NEWS NORMATIVA

21/9 - Antisismica, no alle semplificazioni per le piccole opere

La Cassazione boccia le norme regionali che consentono di non valutare l’opera nel suo complesso

20/9 - Ascensore in condominio, serve il permesso di costruire?

Tar Lombardia: se installato all’esterno il titolo abilitativo può essere superfluo, ma è richiesto il consenso dell’assemblea


Sismicad 12
Keraflex