inc

Scheda Normativa

Norme Correlate

Regolamento 03/05/ 2013 n. 7

Regione Puglia - “Ulteriori modifiche al Titolo V del Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione della Regione Puglia n. 1 del 19 gennaio 2009 come modificato dall’art. 1 del Regolamento Regionale n. 19 del 10 agosto 2009 e del Titolo IX del Regolamento Regionale n. 4 del 24 marzo 2011 e s.m.i.”

Regolamento 03/05/ 2013 n. 8

Regione Puglia - Modifiche al Regolamento Regionale n. 1 del 19.01.2009 recante la disciplina dei Regimi di Aiuto regionali in esenzione (B.U.R.P. n. 13 suppl. del 22.1.2009) e s.m.i. - Titolo VI “Aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese da concedere attraverso Contratti di Programma Regionali”

Regolamento 22/02/ 2013 n. 4

Regione Puglia - Modifiche al Regolamento Regionale dei regimi di aiuto in esenzione n. 1 del 19 gennaio 2009 e s.m.i.: “Modifiche all’art 17 lettera c) del Titolo II “Aiuti agli investimenti iniziali alle microimprese e alle piccole imprese e s.m.i.

Regolamento 19/01/2009 n. 1

(Gazzetta regionale 22/01/2009 n. 13)

Regione Puglia - Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Visto l’art. 121 della Costituzione, così come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999 n. 1, nella parte in cui attribuisce al Presidente della Giunta Regionale l’emanazione dei regolamenti regionali;
Visto il trattato istitutivo della Comunità europea, ed in particolare gli articoli 87 e 88;
Vista la disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato alle imprese di cui agli artt. 87 e 88 del trattato CE, ed in particolare il Regolamento (CE) n. 994/1998 del Consiglio del 7 maggio 1998, il Regolamento (CE) n.800/2008 del 6 agosto 2008 della Commissione (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L.214 del 9/08/2008) e il Regolamento (CE) n. 1898/1987 del Consiglio del 2 luglio 1987;
Visto l’art. 42, comma 2, lett. c) L. R. 2 maggio 2004, n. 7 “Statuto della Regione Puglia”;
Visto l’art. 44, comma 3, L. R. 12 maggio 2004, n. 7 “Statuto della Regione Puglia”;
Vista la L.R. n. 10 del 29 giugno 2004 che, all’art. 1, prevede l’adozione di regolamenti attuativi della legge;
Visto il Regolamento Regionale 26 giugno 2008 n. 9;
Vista la Delibera di Giunta Regionale n.2322 del 28.11.2008 di adozione del Regolamento;


EMANA

Il seguente Regolamento:

TITOLO I
(Disposizioni generali)


Articolo 1
(Ambito di applicazione)
1. Il presente Regolamento disciplina i regimi di aiuto regionali e gli aiuti individuali, esenti dall’obbligo di notificazione preventiva alla Commissione Europea, nei settori ammissibili a finanziamento nell’ambito del FESR con esclusione del settore
turismo e di seguito specificati:
a. aiuti agli investimenti iniziali alle Microimprese e alle Piccole imprese;
b. aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI;
c. aiuti alle PMI per servizi di consulenza per l’innovazione delle imprese;
d. aiuti alle Medie Imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione;
e. aiuti ai programmi di investimento promossi da Grandi Imprese, da concedere attraverso i Contratti di Programma Regionali.

2. Il presente Regolamento non si applica ai seguenti settori:
a. pesca e acquacoltura;
b. costruzione navale;
c. industria carboniera;
d. siderurgia;
e. fibre sintetiche.

3. Il presente Regolamento non si applica alle attività connesse con la produzione primaria (agricoltura e allevamento) dei prodotti di cui all’allegato I del Trattato; si applica alla trasformazione e alla commercializzazione di prodotti agricoli, esclusa la trasformazione e commercializzazione dei prodotti di imitazione o di sostituzione del latte e dei prodotti lattiero-caseari, di cui all’articolo 3, paragrafo [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
DrainBeton
inc
Build for Life
inc

NEWS NORMATIVA

Antincendio, dai Vigili del Fuoco chiarimenti sul Decreto ‘Controlli’

15/10 - Antincendio, dai Vigili del Fuoco chiarimenti sul Decreto ‘Controlli’

Come diventare tecnico manutentore qualificato, quali percorsi seguire a seconda della propria esperienza e che competenze acquisire

14/10 - Condono edilizio, quando l’edificio può considerarsi ultimato ed essere sanato

Consiglio di Stato: la costruzione deve essere completa sotto il profilo tecnico, edilizio ed urbanistico


Pavimenti in resina
inc
ASPHALTALL
inc

inc