inc
Carrello 0

Scheda Normativa

Sentenza 06/11/2000 n. 11287

Corte di Cassazione - Limiti delle competenze del geometra per la progettazione e direzione di costruzioni.

Corte Suprema di Cassazione
Giurisprudenza Civile e Penale

CONTRAVVENZIONE URBANISTICA - LIMITI DELLE COMPETENZE DEL GEOMETRA PER LA PROGETTAZIONE E DIREZIONE DI COSTRUZIONI
(Cassazione - Sezione Terza Penale - Sent. n. 11287/2000 - Presidente D. Avitabile - Relatore P. Onorato)

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
1 - Con sentenza del 2.11.1999 la corte di appello di Brescia, parzialmente riformando quella resa dal pretore di Brescia il 22.10.1998,
- condannava U.B. alla pena di giorni venti di arresto e lire 10.000.000 di ammenda, quale colpevole del reato di cui all'art. 20 lett. b) legge 47/1985, per aver commissionato, senza concessione edilizia, lavori di sopraelevazione del tetto di una mansarda (parzialmente crollata a seguito di un incendio), con conseguente aumento di volumetria;
- condannava A. Q. alla pena di venti giorni di arresto e lire 10.000.000 di ammenda quale colpevole del reato di cui all'art. 20 lett. b) legge 47/1985, per aver diretto i suddetti lavori di sopraelevazione senza concessione edilizia; nonché alla pena di lire 1.000.000 di ammenda, quale colpevole del reato di cui agli artt. 2 e 13 legge 1086/1971, per avere eseguito i suddetti lavori in cemento armato, esorbitanti dalle sue competenze di geometra, e quindi senza progetto esecutivo valido.
2 - Con i doppi benefici di legge per entrambi gli imputati. Con ordine di demolizione delle opere abusive.
Il difensore degli imputati ha proposto ricorso per cassazione, deducendo tra motivi a sostegno. In particolare lamenta:
a) erronea applicazione di legge penale, mancata assunzione di prova decisiva legittimamente ammessa, nonché violazione dell'art. 603 c.p.p. e manifesta illogicità di motivazione, giacche la sentenza impugnata aveva accertato l'innalzamento del solaio tra terzo e quarto piano senza una effettiva misurazione e senza rinnovare il dibattimento per espletare una perizia supplementare; e avrebbe inoltre illogicamente accertato la colpa degli imputati circa lo spostamento della linea di colmo della falda del tetto;
b) erronea applicazione della legge penale e illogicità di motivazione, giacche erroneamente e illogicamente la corte di merito aveva ritenuto l'opera progettata dal Q. esorbitante dalle competenza di un geometra;
c) erronea applicazione della legge penale e illogicità di motivazione, giacche la sentenza impugnata aveva ordinato la demolizione delle opere realizzate, erroneamente ritenendo che non vi fosse un contrasto attuale tra l'ordine giudiziario di demolizione e i provvedimenti adottati al riguardo dalla competente autorità amministrativa.

MOTIVI DELLA DECISIONE
3 - Il primo motivo è infondato.
Legittimamente la corte di appello ha ritenuto di non dover rinnovare la istruttoria dibattimentale per espletare una perizia ulteriore, dal momento che la relazione peritale in atti, chiarita a dibattimento nel contraddittorio delle parti, era stata esauriente e puntuale nell'accertare tutte le difformità realizzate rispetto alla costruzione preesistente e distrutta, e in particolare nell'accertare gli aumenti di volumetria e le copertura in laterocemento anziché in legno (modifiche vietate dalle norme comunali).
Al riguardo, la motivazione di entrambe le sentenze dei giudici di merito è molto articolata e precisa e sfugge a qualsiasi censura di illogicità su tutti i punti della decisione. In particolare è incensurabile in punto di elemento psicologico della contravvenzione urbanistica, posto che gli imputati, usando la normale diligenza, avrebbero dovuto sapere che la ricostruzione della mansarda distrutta era difforme alla costruzione originaria sotto molti aspetti (compreso quello del colmo della falda del tetto).
4 - Il secondo motivo di ricorso è manifestamente infondato, anche se al riguardo la motivazione dei giudici di merito va propriamente rettificata ex art. 619 c.p.p..
La competenza professionale dei geometri è determinata dall'art. 16 R.D. 11.2.1929 n. 274, e in particolare - per quanto interessa il caso di specie - dalla lettere l) ed m) dello stesso articolo. Secondo la prima disposizione i geometri sono abilitati a progettare e dirigere costruzioni rurali e per industrie agricole di limitata importanza, comprese piccole costruzioni accessorie in cemento armato, che non richiedano particolari operazioni di calcolo e non implichino pericolo per l'incolumità delle persone. Ai sensi della seconda disposizione i geometri sono abilitati al progetto e alla direzione di modeste costruzioni civili.
Il pretore, a cui la corte territoriale ha totalmente aderito, si è diffuso con argomenti precisi e persuasivi per dimostrare che la ricostruzione della mansarda (in sostanza una "scatola" parzialmente in cemento armato, poggiante su un edificio preesistente non in cemento armato) non aveva dimensioni modeste e implicava calcoli non semplici ed equilibrati statici non privi di pericolosità.
Peraltro, l'accertamento pretorile non era necessario nel caso di specie, posto che esso riguarda un edificio in cemento armato che è pacificamente di tipo civile, e non di tipo rurale.
Infatti, diversamente da quanto affermato da alcune pronunce delle sezioni penali di questa corte (v. Cass. Pen. Sez. 6, n. 3673 del 15.4.1993, ud. 2.2.1993, P.M. in proc. Romano, rv. 193676; Cass. Pen. Sez. III, n. 10125 del 26.11.1996, ud. 16.10.1996, Bormolini ed altro, rv. 207712) i geometri non possono progettare o dirigere costruzioni in cemento armato di tipo civile, neppure di modesta entità: possono progettare o dirigere costruzioni in cemento armato, solo se sono costruzione accessorie di tipo rurale e non presentano particolari complessità. La lettera della legge non può lasciar dubbi al riguardo, considerato che l'unica disposizione che abilita i geometri alle opere di cemento armato fa riferimento alle costruzioni rurali o di industria agricola, mentre la disposizione che riguarda le costruzioni civili non menziona assolutamente le opere in cemento armato.
In questo senso, del resto, è il costante insegnamento della giurisprudenza delle sezioni civili, secondo cui:
I geometri, in base alla normativa vigente (R.D. 16.11.1939 n. 2229; legge 5.11.1971 n. 1086 e legge 2.2.1974 n. 64) non possono progettare costruzioni in cemento armato, salvo che si tratti delle piccole costruzioni rurali indicate nell'art. 16 lett. m) del R.D. 11.2.1929 n. 274 (Cass. Civ. Sez. 2, n. 125 del 4.1.1995, Nanetti c. Vitali, rv. 489548).
A norma dell'art. 16 lett. m) del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, la competenza dei geometri è limitata alla progettazione, direzione e vigilanza di modeste costruzioni civili, con esclusione di quelle che comportino l'adozione anche parziale di strutture in cemento armato, mentre in via di eccezione, si estende anche a queste strutture, a norma della lett. l) del medesimo articolo, solo con riguardo alle piccole costruzioni accessorie nell'ambito degli edifici rurali o destinati alle industrie agricole che non richiedano particolari operazioni di calcolo e che per la loro destinazione non comportino pericolo per le persone, restando quindi comunque esclusa la suddetta competenza nel campo delle costruzioni civili ove si adottino strutture in cemento armato, la cui progettazione e direzione qualunque ne sia l'importanza è pertanto riservata solo agli ingegneri e architetti iscritti nei relativi albi professionali. (Cass. Civ. Sez. 2, n. 2861 del 2.4.1997, Tonini c. Segatta, r [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
riempitivi per fughe di pavimenti e rivestimenti Marketplace
inc
Docce a pavimento_Marketplace
inc

NEWS NORMATIVA

Fondo opere abusive, dalle 12 di oggi via alle domande

21/9 - Fondo opere abusive, dalle 12 di oggi via alle domande

Contributi concessi in base alla distribuzione territoriale, alla volumetria degli abusi e all’ordine cronologico delle richieste

21/9 - Bonus mobili, vale se si acquista un immobile ristrutturato?

L’Agenzia delle Entrate spiega le condizioni per ottenere la detrazione quando si compra casa dall’impresa che l’ha ristrutturata


K4
inc
Superbonus 110
inc

inc