Green Park
inc

Scheda Normativa

News Correlate

18/04/2006
Il ripristino dopo l’abuso estingue la condanna penale

Ma solo se effettuato prima dell’ordinanza di demolizione

Sentenza 01/02/2006 n. 3945

Corte di Cassazione Penale, Sez.III - Beni culturali e ambientali - Urbanistica e edilizia - Estinzione reato per spontanea demolizione - Art. 181 D. L.vo n. 42/2004 - Condizioni

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

CORTE DI CASSAZIONE Penale, Sez.III, 1 febbraio 2006 (ud. 19/12/2005), Sentenza n. 3945
(Pres. Lupo Est. Teresi Imp. Donzelli)

Registro generale n. 36956/2005

Udienza pubblica 19.12.2005
Sentenza n., 2388

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Terza Sezione Penale


composta dagli Ill.mi Signori:
dott. Ernesto Lupo
1. dott. Ciro Petti
2. dott. Alfredo Teresi
3. dott. Claudia Squassoni
4. dott. Antonio lanniello
ha pronunciato la seguente


SENTENZA

sul ricorso proposto da Donzelli Mauro, nata a Fermo il 7.08.1957, avverso la sentenza pronunciata dalla Corte di Appello di Ancona in data 1.06.2005 che ha confermato la condanna alla pena dell'arresto [convertendola in quella pecuniaria corrispondente] e dell'ammenda inflittagli nel giudizio di primo grado per il reato di cui agli articoli 81 codice penale, 163, 146 e 151 d. lgs. n.490/1999;

Visti gli atti, la sentenza denunciata e il ricorso;

Sentita in pubblica udienza la relazione del Consigliere dott. Alfredo Teresi;

Sentito il PM nella persona del PG, dott. Angelo Di Popolo, il quale ha chiesto l'annullamento senza rinvio della sentenza perché il reato è estinto per prescrizione;

Sentito il difensore del ricorrente, avv. Pasquale Coppola, il quale ha chiesto l'accoglimento del ricorso;


OSSERVA

Con sentenza in data 1.06.2005 la Corte di Appello di Ancona confermava la condannava alla pena dell'arresto [convertendola in quella pecuniaria corrispondente] e dell'ammenda inflitta nel giudizio di primo grado a Donzelli Mauro quale responsabile di avere, senza la prescritta autorizzazione, realizzato, in zona vincolata, un bar costituito da tre strutture di cemento armato, nonché una parete divisoria lunga oltre 10 metri, opere successivamente demolite.

Rilevava la Corte che l'intervenuta demolizione non era idonea a produrre l'effetto estintivo di cui all'art. 181, comma quinquies, del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 41, introdotto dalla legge 15 dicembre 2004 n.308 perché la demolizione era stata effettuata dopo l'ingiunzione a demolire emessa dal Comune di Pedaso in data 16 luglio 2001, e, comunque, oltre il termine prefissato del 26 luglio 2001, essendo stata accertata con verbale dell'8 novembre 2001 l'omessa demolizione.

Proponeva ricorso per cassazione l'imputato denunciando violazione di legge e mancanza di motivazione in ordine alla negata applicazione della causa estintiva del reato a seguito dell'avvenuta demolizione delle opere perché "non si comprende se la corte d'Appello abbia considerato ostativa al riconoscimento della speciale causa estintiva l'ordinanza in sé ovvero l'infruttuoso decorso del tempo concesso per l'adempimento della stessa".

Mancando negli atti la relazione di notifica del provvedimento amministrativo, non è possibile stabilire il dies a quo ai fini dell'accertamento dell'inadempimento.

Inoltre, la rimessione in pristino era stata tempestivamente eseguita prima che la PA l'effettuasse d'ufficio e a proprie spese.

Deduceva, altresì, il ricorrente che la pena inflittagli doveva essere ridotta perché l'eliminazione delle opere aveva sanato ogni danno ambientale.

Chiedeva l'annullamento della sentenza.

Con memoria del 30.11.2005 il ricorrente eccepiva la prescrizione del reato. Il ricorso è manifestamente infondato.

Dispone l'art. 181 quinques del decreto legislativo n. 41/2004 che

"la rimessione in pristino delle aree o degli immobili soggetti a vincoli paesaggistici, da parte del trasgressore, prima che venga disposta d'ufficio dairautoritò amministrativa, e comunque prima che intervenga la condanna, estingue il reato di cui al comma 1"

L'ordine impartito dall'autorità amministrativa è l'intimazione di ripristinare lo stato dei luoghi che è rivolto all'autore dell'abuso e che, ove rimanga inadempiuto, dà luogo ad esecuzione d'ufficio a spese dell'obbligato.


La nuova fattispecie estintiva può configurarsi soltanto se l'autore dell'abuso si attivi spontaneamente alla rimessione in pristino e, quindi, prima che la PA la disponga perché l'effetto premiale può realizzarsi solo in presenza di una condotta che anticipi l'emissione del provvedimento amministrativo ripristinatorio.


Non merita, pertanto, adesione l'assunto difensivo secondo cui l'effetto estintivo conseguirebbe anche nel caso in cui l'ordine sia stato disposto d'ufficio e l'imputato abbia effettuato il ripristino anticipando l'esecuzione materiale da parte della PA [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Radiatori e termoarredi_Marketplace
inc
Impianti idrici_Marketplace
inc

NEWS NORMATIVA

Abusi edilizi, Google Earth vale come prova della loro esistenza

15/01 - Abusi edilizi, Google Earth vale come prova della loro esistenza

La Cassazione spiega che le immagini possono essere utilizzate per provare la data di realizzazione dei manufatti

15/01 - Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è

Il Milleproroghe prende tempo sulle modifiche al Codice Appalti. Nel testo anche nuovi termini per la progettazione negli Enti locali


Malte per murature_Marketplace
inc
Green Park
inc