Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

09/10/2014
Permesso di costruire, come evitare la decadenza dei termini

Tar Toscana: entro un anno dl rilascio devono iniziare lavori da cui possa evincersi un serio intento costruttivo

Sentenza 03/10/2014 n. 1515

Tar Toscana - Decadenza permesso di costruire

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana
(Sezione Terza)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
ex art. 60 cod. proc. amm.;
sul ricorso numero di registro generale 1395 del 2014, proposto da:
Luigina Saletti, rappresentata e difesa dall'avv. Fabiana Di Vincenzo, con domicilio eletto presso la Segreteria del T.A.R. in Firenze, via Ricasoli, n. 40;
contro
Comune di Orbetello, n.c.;
per l'annullamento
del provvedimento di dichiarazione di decadenza del permesso a costruire n. 61 del 21.12.2009 (P.E . a52/2009) datato 11.06.2014 notificata il 16.06.2014 emesso dall'arch. Maurizio Talocchini Dirigente del Settore Pianificazione Territoriale dell'Ufficio Edilizia Privata e Residenziale Pubblica del Comune di Orbetello, e di ogni altro atto comunque presupposto, connesso e consequenziale.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 23 settembre 2014 il dott. Riccardo Giani e uditi per le parti i difensori F. Di Vincenzo;
Sentite le stesse parti ai sensi dell'art. 60 cod. proc. amm.;

1 - Con il ricorso introduttivo del giudizio la sig.ra Luigina Saletti, premesso di aver ottenuto dal Comune di Orbetello il permesso di costruire n. 61 del 21.12.2009 (ritirato il 12.01.2010), espone di aver dato comunicazione di avvio dei lavori il 7 gennaio 2011, lavori che sono stati preceduti dalle “verifiche del caso” nel dicembre 2010 e che hanno avuto carattere meramente iniziale, essendosi gli stessi limitati al “picchettamento per determinare l’esatta posizione del nuovo capannone”, salvo poi interrompersi stante l’affioramento di uno sperone roccioso che non era stato valutato; la ricorrente riferisce altresì che l’inizio dei lavori strutturali è stato poi possibile solo nell’ottobre 2012 e che questi sono stati di nuovo interrotti per le pesantissime condizioni metereologiche che avevano interessato la Maremma in quel periodo, per essere poi ripresi a febbraio 2013, mese nel quale sono state realizzate le fondamenta dell’erigendo edificio.
2 - Tanto premesso in fatto la ricorrente impugna il provvedimento comunale dell’11 giugno 2014 con il quale l’Amministrazione civica di Orbetello ha dichiarato le decadenza del permesso di costruire per mancato tempestivo avvio dei lavori, ai sensi dell’art. 15 del DPR n. 380 del 2001.
3 - Nei confronti del gravato provvedimento parte ricorrente formula le seguenti censure:
- “Violazione e/o falsa applicazione di legge. Eccesso di potere per errore sui presupposti di fatto e di diritto; difetto di istruttoria e di motivazione in relazione agli artt. 15 comma due DPR 380/2001 e 77 LRT n. 1/2005”, evidenziandosi come non ci sia stata maturazione del termine decadenziale perché il ritiro del permesso di costruire è avvenuto il 12.1.2010 e l’inizio dei lavori è databile con la prima decina del mese di dicembre ed è stato formalmente comunicato con la dichiarazione del 7.1.2011, quindi nel termine annuale di cui alla invocata normativa;
- “Eccesso di potere per carenza istruttoria, illogicità e mancanza di motivazione, erroneità dei presupposti, violazione e/o falsa applicazione articoli 15 comma 2 e 77 LRT n. 1/2005”, evidenziando la ricorrente di essere stata costretta a sospendere l’esecuzione dei lavori subito dopo il loro avvio a causa dell’esistenza di massi di roccia non noti e delle avversità atmosferiche che hanno interessato l’area, il che porterebbe ad escludere la pronuncia di decadenza.
4 – Il Comune di Orbetello, cui il ricorso risulta ritualmente notificato, non si è costituito in giudizio.
5 – Alla camera di consiglio del 23 settembre 2014, fissata per la trattazione dell’istanza cautelare, la causa è stata trattenuta dal Collegio per la decisione di merito, ai sensi dell’art. 60 c.p.a., dato di ciò avviso alle parti comparse.
6 – Con il primo mezzo parte ricorrente evidenzia che non sussisterebbero nella specie i presupposti per la declaratoria di decadenza del permesso di costruire, avendo essa avviato l’inizio dei lavori nel termine annuale, da computarsi dalla data di ritiro del permesso di costruire, e contestando parte ricorrente gli accertamenti svolti dall’Amministrazione e i profili probatori sui quali la parte pubblica fonda il proprio assunto di mancato avvio dei lavoro nell’anno (in particolare le fotografie tratte da Google Maps).
La censure è infondata.
Rileva il Collegio che non vi è neppure necessità di affrontare la questione, sulla quale la ricorrente si diffonde, relativa alla idoneità delle fotografie tratte da Internet a dimostrare che nell’ottobre 2011 i lavori di cui al permesso di costruire in considerazione non sarebbero ancora stati avviati; infatti tale questione è superata dalla infondatezza dell’assunto stesso di parte ricorrente secondo cui l’avvio di esecuzione che essa avrebbe posto in essere nei primi giorni di gennaio 2011 sarebbe idoneo ad escludere la pronuncia di decadenza; infatti parte ricorrente afferma di aver posto in essere in quel periodo “i primi lavori necessari, ovvero il picchettamento per determinare l’esatta posizione del nuovo capannone”, aggiungendo che “si evidenziava quasi subito, tolto il primo strato terroso, che vi era stata una sottovalutazione di quello pietroso inferiore”, affermando quindi il compimento di operazioni che, alla luce delle costante elaborazione giurisprudenziale, non risultano sufficienti a integrare “l’inizio dei lavori” di cui alla’art. 15 del DPR n. 380 del 2001. La giurisprudenza ha infatti chiarito che per aversi, “inizio dei lavori” tale da escludere la pronuncia di decadenza nel termine annuale dal rilascio del permesso di costruire, occorre aver dato avvio ad opere che denotino un , sicché sono inidonei a configurare un effettivo “inizio dei lavori” il mero spianamento del terreno o meri scavi di sondaggio o anche la “mera picch [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
DrainBeton
Knauf manuale antincendio

NEWS NORMATIVA

22/11 - Riforma Appalti, RPT: ‘no alla centrale di progettazione, meglio una cabina di regia’

La struttura gestirebbe un fondo di rotazione per finanziare la prima fase della progettazione. Stringono i tempi per ‘smontare e riscrivere’ il Codice

21/11 - Criteri ambientali minimi, come valutare la capacità dei progettisti

Dal Ministero dell’Ambiente chiarimenti su miglioramento delle prestazioni del progetto e utilizzo dei materiali recuperati o riciclati


Blumatica BIM
Cronosonic