Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

27/11/2014
Gare progettazione, non vanno indicati i costi della sicurezza

Tar Liguria: i servizi di natura intellettuale non hanno profili di interesse in tema di sicurezza sul lavoro

Sentenza 21/11/2014 n. 1690

Tar Liguria - Indicazione dei costi della sicurezza negli appalti di progettazione

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria
(Sezione Seconda)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 816 del 2012, proposto da:
Etatec S.r.l., rappresentata e difesa dall’avv. Stefano Paoletti, domiciliata ex lege presso la segreteria del T.A.R. Liguria in Genova, via dei Mille, 9;
contro
Servizi Ambientali S.p.a., rappresentata e difesa dagli avv. Paolo Gaggero e Andrea Michetti, presso i quali è elettivamente domiciliata nel loro studio in Genova, via Roma, 3/9;
nei confronti di
HY.M. Studio associazione professionale, rappresentata e difesa dagli avv. Roberto Damonte e Giulietta Redi, con domicilio eletto presso l’avv. Roberto Damonte nel suo studio in Genova, via Corsica, 10/1;
per l'annullamento
del provvedimento di aggiudicazione definitiva della gara d’appalto a procedura negoziata indetta da Servizi Ambientali S.p.a. per l’affidamento dei servizi e delle prestazioni relative alla direzione lavori, alla misurazione, alla redazione di tutti gli atti e documenti della contabilità e al coordinamento sicurezza in fase di esecuzione lavori e per ogni altra prestazione richiesta per il completamento dell’incarico fino alla ultimazione e al certificato di regolare esecuzione dei lavori di “Adeguamento della stazione di sollevamento Santa Corona nel Comune di Pietra Ligure e suo collegamento al sistema di collettamento e depurazione del Comune di Borghetto Santo Spirito”;
della comunicazione di aggiudicazione definitiva della gara in questione trasmessa all’odierna ricorrente in data 14 agosto 2012, prot. n. 1931;
dei verbali delle operazioni di gara relative all’apertura delle buste contenenti le offerte economiche;
di ogni altro atto comunque connesso, precedente o successivo, preparatorio o consequenziale rispetto a quelli impugnati, ivi inclusi il bando di gara, la lettera d’invito e tutta la documentazione costituente la lex specialis di gara, nonché il contratto di appalto, laddove sottoscritto.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Servizi Ambientali S.p.a. e di HY.M. Studio associazione professionale;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 23 ottobre 2014 il dott. Richard Goso e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO
La ricorrente Etatec S.r.l. ha partecipato alla procedura negoziata indetta da Servizi Ambientali S.p.a. per l’affidamento dell’incarico di direzione lavori, misurazione, redazione della contabilità e coordinamento della sicurezza in fase esecutiva, relativamente alle opere di cui in epigrafe.
La lettera di invito prevedeva che il servizio, di importo inferiore ai 100.000 euro, sarebbe stato affidato con il criterio del prezzo più basso, determinato mediante ribasso percentuale sull’importo presunto dell’appalto.
Hanno presentato offerta otto concorrenti.
La gara è stata definitivamente aggiudicata all’Associazione professionale Hy.M. Studio di Torino che aveva proposto un ribasso del 65,296%.
L’odierna ricorrente, con un ribasso del 45,00%, si è collocata all’ultimo posto della graduatoria.
Con ricorso giurisdizionale notificato il 13 settembre 2012 e depositato il successivo 20 settembre, Etatec S.r.l. ha impugnato gli atti di gara, deducendo le censure di legittimità di cui si riferirà in parte motiva.
Si sono costituite in giudizio la stazione appaltante e lo studio di ingegneria controinteressato; entrambe le parti resistenti si oppongono all’accoglimento del gravame in quanto parzialmente inammissibile e, comunque, infondato nel merito.
Con ordinanza n. 393 del 17 ottobre 2012, è stata respinta, per carenza di fumus, l’istanza cautelare proposta in via incidentale dalla ricorrente.
Con memoria depositata in data 7 ottobre 2014, la difesa della ricorrente ha ulteriormente articolato le argomentazioni a sostegno della fondatezza del primo motivo di gravame.
Ha replicato la difesa di Servizi ambientali con memoria del 10 ottobre 2014.
Il ricorso, quindi, è stato chiamato alla pubblica udienza del 23 ottobre 2014 e ritenuto in decisione.
Ha fatto seguito la pubblicazione del dispositivo di sentenza n. 1491 del 24 ottobre 2014.
DIRITTO
Con il primo motivo di ricorso, l’esponente denuncia la violazione dell’art. 86, comma 3 bis, del d.lgs. n. 163/2006 (codice dei contratti pubblici), in forza del quale andrebbero inderogabilmente indicati, anche negli appalti di servizi, i costi relativi alla sicurezza.
Nel caso in esame, l’omissione sarebbe stata duplice: la stazione appaltante non ha indicato, nell’avviso pubblico della procedura negoziata e nella successiva lettera di invito, i costi per la sicurezza non soggetti a ribasso di cui i concorrenti avrebbero dovuto tenere conto nella predisposizione delle offerte (cd. “oneri da interferenze”); l’aggiudicataria, poi, non ha indicato nella propria offerta i costi per la sicurezza da rischio specifico (cd. “oneri da rischio aziendale”), ma vi ha provveduto solo nella successiva fase di verifica di non anomalia.
Anche la seconda omissione, peraltro, sarebbe imputabile all’erronea formulazione della legge di gara che non aveva previsto l’obbligo di indicare i costi della sicurezza inerenti all’attività svolta da ciascun concorrente e non aveva predisposto alcun modello da utilizzarsi allo scopo.
Tali doglianze sono tardive e, comunque, destituite di giuridico fondamento.
L’omessa indicazione nella lettera di invito dei costi per la sicurezza non soggetti a ribasso, infatti, costituisce una circostanza direttamente incidente sulla formulazione dell’offerta e, in conseguenza, avrebbe dovuto essere immediatamente contestata, per rilevare il pregiudizio che ne derivava ai danni della concorrente, senza attendere l’esito sfavorevole della gara (Cons. Stato, sez. IV, 7 novembre 2012, n. 5671; idem, 26 novembre 2009, n. 7442; T.A.R Liguria, sez. II, 21 marzo 2014, n. 453).
In ogni caso, la giurisprudenza amministrativa, dopo talune oscillazioni, ha chiarito che negli appalti di servizi di natura intellettuale, qual è pacificamente quello che forma oggetto della presente contestazione giurisdizionale, non occorre indicare gli oneri per la sicurezza, poiché le attività da svolgersi non sono caratterizzate da profili di interesse in tema di sicurezza sul lavoro (cfr., fra le ultime, Cons. Stato, sez. V, 17 giugno 2014, n. 3054).
In particolare, non si profilano in tale ambito rischi da interferenze esterne (derivanti, ad esempio, dalle particolari condizioni dei luoghi in cui dovrà svolgersi l’attività) ed è per questa ragione che l’art. 26, comma 3 bis, del d.lgs. n. 81/2008, esclude espressamente l’obbligo per la stazione appaltante di indicare detti oneri nel bando di gara (T.A.R. Puglia, Lecce, sez. I, 28 febbraio 2012, n. 378).
L’indicazione dei costi aziendali per la sicurezza da parte dei singoli concorrenti, invece, risulta funzionale al giudizio di anomalia e nessuna disposizione normativa prevede la comminatoria di esclusione per l'omessa indicazione degli stessi nell’offerta (Cons. Stato, sez. V, 17 giugno 2014, n. 3056; T.A.R. Liguria, sez. II, 29 agosto 2014, n. 1323).
Va soggiunto che, nel caso in esame, la lex specialis nulla prevedeva in ordine all’eventuale indicazione degli oneri aziendali già nell’offerta e che, comunque, l’aggiudicataria non ha avuto difficoltà a specificare detti oneri in sede di verifica dell’anomalia.
La ricorrente, invece, non ha interesse a formulare le censure dedotte con il secondo (anche se contraddistinto con il n. 1.1) motivo di ricorso, inerenti alla pretesa anomalia dell’offerta aggiudicataria.
L’eventuale accoglimento del motivo, infatti, non comporterebbe né la riedizione dell’intera procedura competitiva né l’aggiudicazione in favore della ricorrente, ma solo lo scorrimento della grad [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Core
Rockwool

NEWS NORMATIVA

14/11 - Decreto Genova, salta ‘il cuore’ del condono Ischia

Cancellato il riferimento alla legge del 1985 che avrebbe concesso disposizioni meno restrittive per le pratiche pendenti

14/11 - ANCE: ‘gli obiettivi della Manovra sono irrealizzabili’

I costruttori: ‘occorrono misure di forte impatto che consentano, fin dai primi mesi del 2019, di trasformare le risorse in cantieri sul territorio’


FLIR E53
usBIM.viewer+