Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

18/02/2015
Terre da scavo, se contaminate sono rifiuti

Consentito depositare i materiali estratti in discarica se non si superano le soglie di pericolosità

Sentenza 14/01/2015 n. 132

Tar Lombardia - le terre e rocce da scavo sono rifiuti solo se contaminate

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia
(Sezione Quarta)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 309 del 2009, proposto da:
Sacchi Severino, Atrusi Angelo, Biondi Claudio, Gorla Pier Angelo, Gornati Raffaele Giorgio, Mercandelli Ferdinando, Pirletti Rina Teresa, Sartorelli Roberta, Sassi Gianfranca, Sonzogni Angelo Gabriele, Villa Alfredo, rappresentati e difesi dagli avv. Carmen Leo, Marco Passoni, con domicilio eletto presso il loro studio in Milano, Via Cino del Duca , 5;
contro
Provincia di Milano, rappresentata e difesa dagli avv. Luciano Fiori, Angela Bartolomeo, Marialuisa Ferrari, Elisabetta Baviera, Alessandra Zimmitti, Nadia Marina Gabigliani, domiciliata in Milano, Via Vivaio, 1;
nei confronti di
Comune di Busto Garolfo,
Cave di Casorezzo Srl,
Comune di Casorezzo,
Regione Lombardia, Arpa - Dipartimento Provinciale di Milano,
Asl della Città di Milano,
Parco del Roccolo;
per l'annullamento
della Disposizione Dirigenziale n. 335/2008, prot. n. 225017/2008 R.G. n. 17865/2008, del 02.10.2008, conosciuta in data 10/1112008, avente ad oggetto "Ditta Cave di Casorezzo S.r.l. con sede legale in Milano, Via Rosellini n. 12 - Approvazione variante all'autorizzazione Dirigenziale n. 554 del 22112/2006 R.G. 17717 con la quale è stato disposto il rinnovo all' esercizio di una discarica di rifiuti speciali inerti ubicata nel Comune di Busto Garolfo, Via delle Cave snc, e contestuale presa d'atto di variazione sede legale. D.Lgs 152/06 e smi", con la quale il Direttore Centrale Risorse Ambientali ha disposto " a favore ditta Cave di Casorezzo s.r.l. la presa d'atto della variazione della sede legale e la contestuale approvazione della variante dell' autorizzazione, rilasciata dalla Provincia di Milano con autorizzazione Dirigenziale n. 554 del 22/12/2006 - R.G. n. 17717 - consistente nella possibilità di smaltire presso l 'impianto, ubicato nel Comune di Busto Garolfo, Via delle Cave s.n.c., i rifiuti individuati con il Codice Cer 170504 indipendentemente dalla provenienza, solo previa verifica analitica di conformità del rifiuto sulla base del D.M. 03/08/05";
nonché di ogni altro atto presupposto, connesso e/o conseguenziale con espressa riserva di motivi aggiunti.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visto l'atto di costituzione in giudizio di Provincia di Milano;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 13 novembre 2014 il dott. Alberto Di Mario e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO
1. I ricorrenti, residenti nelle immediate vicinanze del polo estrattivo "Cava Baciaccola - CRS1", hanno impugnato il rinnovo all'esercizio di una discarica di rifiuti speciali inerti, nella parte in cui ammette il conferimento di rifiuti con Codice CER 170504, Terra e rocce provenienti da siti contaminati, per i seguenti motivi.
I) Violazione e falsa applicazione dell'art. 3.9 del piano pluriennale degli interventi del Parco del Roccolo, violazione dell'art. 33.7 delle nta del Comune di Busto Garolfo; eccesso di potere, travisamento dei presupposti di fatto e di diritto. Secondo i ricorrenti il rinnovo dell’autorizzazione contrasterebbe con il divieto, all'interno del territorio del Parco, di attivare discariche di qualsiasi tipo, salvo quelle di inerti provenienti da scavo e demolizioni, purchè non contenenti materiali pericolosi, aventi finalità di bonifica o di ripristino ambientale nell'ambito di cava" (art. 3.9 della Normativa del P.I.I.).
II) Violazione e falsa applicazione degli artt. 208 e 210 del d. lgs. n. 163/2006, eccesso di potere per difetto assoluto di istruttoria, per perplessità e contraddittorietà manifesta, violazione dell'art. 3, L. 241/90: difetto e perplessità della motivazione, violazione del programma regionale di gestione dei rifiuti (p.r.g.r.) approvato con d.g.r. n. 8/220 del 27.07.2005.
Secondo i ricorrenti la Provincia avrebbe operato una variazione essenziale della precedente autorizzazione dirigenziale in quanto l’inserimento dei rifiuti con Codice CER 170504 comporterebbe una modifica sia delle operazioni che della tipologia dei rifiuti trattati.
La difesa della Provincia ha chiesto la dichiarazione di irricevibilità del ricorso per tardività, l’inammissibilità per difetto di legittimazione attiva ed in subordine la sua reiezione.
All’udienza del 13 novembre 2014 la causa è stata trattenuta dal Collegio per la decisione.
2. L’eccezione di tardività è infondata.
Secondo l’art. 41 del Codice del processo amministrativo il termine di impugnazione decorre dalla notificazione, comunicazione o piena conoscenza, ovvero, per gli atti di cui non sia richiesta la notificazione individuale, dal giorno in cui sia scaduto il termine della pubblicazione se questa sia prevista dalla legge o in base alla legge.
Per i provvedimenti di organo monocratico comunale, quali i provvedimenti dirigenziali, non è prevista la pubblicazione per la loro efficacia, come si desume, a contrario, artt. 124-134 del t.u. n. 267/2000 dai quali si può dedurre che la pubblicazione è prevista solo per le delibere degli organi collegiali ai fini della loro efficacia (T.a.r. Toscana, sez. III, 8 febbraio 2006 n. 341). Ne consegue che la pubblicazione all’albo dei provvedimenti dirigenziali, non essendo prevista dalla legge, non è idonea a determinare la presunzione di conoscenza legale degli atti medesimi.
L’eccezione va quindi respinta.
3. Anche l’eccezione di difetto di legittimazione attiva è infondata.
La Provincia di Milano contesta che i ricorrenti siano effettivamente residenti entro un’area di 300 metri dalla discarica. Dal decreto n. 7/1585 della Giunta Regionale in data 13.10.2000 si desume che la discarica è sita sui mappali 93 e 171 del foglio 25 del Comune di Busto Garolfo, nonché a breve distanza dal Comune di Casorezzo. In particolare il nuovo impianto si trova nei pressi di un'azienda agricola esistente in Casorezzo e a circa 300 metri dagli abitati di Busto Garolfo e Casorezzo. I ricorrenti hanno fornito piena prova della loro residenza in Casorezzo e Busto Garolfo oltre alla titolarità dell’azienda agricola sita a breve distanza dalla discarica.
Tali elementi, in mancanza di una confutazione da parte della Provincia, debbono ritenersi sufficienti per affermare l’esistenza di una posizione differenziata e qualificata dei ricorrenti a contestare l’atto impugnato ed a confermare l’interesse a ricorrere.
L’eccezione va quindi respinta.
4. Venendo al primo motivo di ricorso, esso è infondato.
L’art. 3.9 del P.I.I. permette il deposito in discarica di rifiuti inerti provenienti da scavo e demolizioni, aventi finalità di bonifica o di ripristino ambientale nell'ambito di cava, purchè non contenenti materiali pericolosi.
La giurisprudenza ha chiarito che gli artt. 185 e 186 del decreto correttivo del codice dell'ambiente, approvato con d. lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, esprimono il principio per cui se tali materiali non sono contaminati ed hanno una destinazione ben definita, possono essere sottratti alla disciplina generale sui rifiuti, e rientrano tra le materie prime secondarie (TAR Valle d’Aosta, 16/04/2008 n. 33).
La sentenza è stata confermata sul punto in sede d’appello dalla sentenza del Consiglio di Stato, sez. VI, 10/05/2013 n. 2542, secondo la quale “l’art. 186 infatti esclude dalla categorie dei rifiuti le terre e le rocce da scavo sempre che la composizione media dell’intera massa non presenti una concentrazione superiore ai limiti previsti dalle legge v [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
lgbusiness
Profilpas

NEWS NORMATIVA

21/9 - Antisismica, no alle semplificazioni per le piccole opere

La Cassazione boccia le norme regionali che consentono di non valutare l’opera nel suo complesso

20/9 - Ascensore in condominio, serve il permesso di costruire?

Tar Lombardia: se installato all’esterno il titolo abilitativo può essere superfluo, ma è richiesto il consenso dell’assemblea


Thermoslide
NPS System