Mirai
Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

13/05/2015
Tende da sole, per installarle serve il permesso di costruire?

Tar Molise: no, perchè non alterano in modo permanente lo stato dei luoghi

Sentenza 04/05/2015 n. 181

Tar Molise - L'installazione delle tende solari può essere considerato intervento di manutenzione straordinaria

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise
(Sezione Prima)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 199 del 2014, proposto da:
-OMISSIS- -OMISSIS-, in proprio e nella qualità di titolare/legale rappresentante della “-OMISSIS- ‘-OMISSIS-’ -OMISSIS--OMISSIS--OMISSIS- -OMISSIS-”, rappresentato e difeso dall'avv. Vinc-OMISSIS- Colalillo, con domicilio eletto presso il medesimo avvocato in Campobasso, Via Umberto I, n. 43;
contro
Comune di Agnone in p.l.r.p.t. (non costituito);
per l'annullamento
dell’ordinanza n. 7 prot. 1986 del 6 marzo 2014 notificata il 10.03.14 con cui il Responsabile del Terzo Settore del Comune di Agnone ha ingiunto al sig. -OMISSIS- di demolire l'opera realizzata e ripristinare lo stato dei luoghi entro 90 giorni, di ogni atto presupposto, connesso e/o conseguente.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Visto l'art. 52 del d.lgs. 30.06.2003 n. 196, commi 1 e 2;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 26 febbraio 2015 il dott. Domenico De Falco e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO
Con istanza del 28 giugno 2004, il sig. -OMISSIS- titolare della società -OMISSIS- “-OMISSIS-” -OMISSIS--OMISSIS--OMISSIS- -OMISSIS- chiedeva l’autorizzazione <>.
Il Comune, pur non avendo autorizzato l’installazione della copertura, richiedeva, comunque, al sig. -OMISSIS- il pagamento del canone annuo per l’occupazione del suolo pubblico facendo espresso riferimento anche al tendaggio parasole.
Sennonché con ordinanza n. 7 (prot. 1986) del 6 marzo 2014, notificata il successivo 10 marzo, il Comune di Agnone ha intimato al sig. -OMISSIS- di rimuovere entro 90 giorni la struttura reggi tenda e ripristinare lo status quo ante, in quanto, il pagamento del canone di occupazione non avrebbe potuto sostituire il Permesso di costruire che sarebbe invece stato necessario, stante il vincolo paesaggistico insistente su tutto il territorio comunale.
Avverso tale provvedimento insorgeva il sig. -OMISSIS- con ricorso notificato al Comune di Agnone in data 14 maggio 2014, chiedendone l’annullamento, previa sospensione cautelare.
Con ordinanza del 5 giugno 2014, n. 64, questo Tribunale accoglieva l’istanza di sospensione cautelare, rilevando che la mancata considerazione da parte dell’Amministrazione dell’affidamento obiettivamente ingenerato nel ricorrente <>, rinviando al merito la questione dell’accertamento della necessità del Permesso di costruire per manufatti del tipo di quello oggetto della gravata ordinanza.
In vista dell’udienza pubblica, parte ricorrente ha insistito nelle proprie eccezioni e deduzioni.
Il Comune non si è costituito in giudizio.
All’udienza pubblica del 26 febbraio 2015, la causa è stata trattenuta in decisione.
Dalla documentazione depositata agli atti risulta effettivamente che l’occupazione del suolo pubblico è stata autorizzata dal Comune di Agnone, con la conseguenza che il ricorrente deve ritenersi obiettivamente titolare di una posizione soggettiva attiva all’occupazione del suolo pubblico per l’esercizio della propria attività commerciale rispetto alla quale la conservazione del tendaggio risulta obiettivamente strumentale, radicandone la legittimazione attiva.
Con il primo profilo di doglianza dell’unico articolato motivo, il sig. -OMISSIS- rileva che la tenda realizzata a copertura dello spiazzo esterno occupato dai tavolini deve essere inquadrato come intervento di manutenzione straordinario, senza quindi che sia necessario il Permesso di costruire, trattandosi di un manufatto avente funzione meramente accessoria, per cui nella fattispecie non si determinerebbe alcuna modifica delle sagome degli edifici né verrebbe creata volumetria abitabile aggiuntiva, trattandosi di struttura esclusivamente destinata a produrre ombra e, per giunta, fissata al terreno attraverso semplice bullonatura e, quindi, facilmente rimuovibile.
Nessun vincolo paesaggistico sussisterebbe, in quanto gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, come quello di specie, sarebbero sottratti dal regime vincolistico.
La doglianza è fondata alla stregua e nei limiti delle considerazioni che di seguito si espongono.
Con riguardo alle tende parasole, il Collegio rileva che in giurisprudenza possono registrarsi tre diverse posizioni.
Secondo un primo orientamento, si tratterebbe di un intervento privo di rilevanza edilizia, che non richiederebbe, in quanto tale, alcun titolo concessorio (TAR Lom-OMISSIS-dia Milano, sez. III, 31 luglio 2006, n. 1890).
Secondo un'opposta opinione, le tende solari sarebbero finalizzate alla migliore fruizione di un immobile e risulterebbero destinate ad essere utilizzate in modo permanente e non a titolo precario e pertanto necessiterebbero del Permesso di costruire (TAR Basilicata, sez. I, 27 giugno 2008, n. 337).
Secondo, infine, una posizione intermedia, l’istallazione di tende da sole rientrerebbe nel novero degli interventi di manutenzione straordinaria, in quanto non determinerebbe alcun volume autonomo né una modifica permanente dello stato dei luoghi, con la conseguenza che il titolo edilizio a tal fine necessario sarebbe costituito dalla denuncia di inizio attività, ai sensi del combinato disposto degli articoli 6, 10 e 22 del D.P.R. n. 380/2001.
Il Collegio condivide quest’ultima configurazione della natura giuridica degli interventi in questione come interventi di manutenzione straordinaria, che trova il proprio aggancio normativo nell’art. 3, comma primo, D.P.R. n. 380/2001, nel testo precedente alle modifiche introdotte dalla legge 11 novembre 2014, n. 164.
Infatti, le tende solari, pur alterando lo stato dei luoghi nei quali vengono installate (per cui non possono definirsi interventi di manutenzione ordinaria), hanno tuttavia semplice funzione (accessoria e pertinenziale) di arredo dello spazio esterno, limitata nel tempo e nello spazio, in quanto si tratta di strutture generalmente utilizzate nella sola stagione estiva e che non determinano alcuna variazione plano-volumetrica, per cui non integrano né una nuova costruzione né una ristrutturazione edilizia (cfr. TAR Campania Napoli Sez. IV, 2 dicembre 2008, n. 20791).
Con particolare riferimento alle tende parasole installate proprio nell’ambito di attività del tipo di quella oggetto del presente giudizio, il Consiglio di Stato ha rilevato che: <> (Cons. Stato, sez. IV, 17 maggio 2010, n. 3127).
Si deve quindi ritenere che, nel caso di specie, l’intervento edilizio costituito dall’installazione di una struttura di supporto di una tenda rientri, per quanto di una certa ampiezza, nel novero degli interventi di manutenzione straordinaria e che quindi non sia sottoposto al regime del Permesso di costruire (TAR Campania, Napoli Sez. IV, 12 ottobre 2011, n. 5324; TAR Campania, Napoli Sez. IV, 16 dicembre 2011, 5919).
Il Collegio osserva ancora, per ragioni di completezza, che a seguito delle modifiche apportate all’art. 6 D.P.R. n. 380/2001 prima dall’art. 5, del D.L. 25 marzo 2010, n. 40 (convertito con L. 22 maggio 2010, n. 73), e in ultimo con il D.L. 12 settembre 2014, n. 133, che ha convertito in legge il d.l. 11 settembre 2014, sul regime giuridico degli interventi di manutenzione straordinaria (entrate in vigore in data successiva a quella di accertamento delle opere per cui è causa), tali interventi possono ormai essere eseguiti senza alcun titolo abilitativo, previa semplice comunicazione, anche per via telematica, di inizio lavori, con previsione, in caso di mancanza di quest’ultima, di una sanzione pecuniaria pari ad euro 258,00 (cfr. TAR Campania, sez. IV, 1° dicembre 2014, n. 6197).
Alla luce delle considerazioni che precedono, si deve pertanto ritenere che l'ordine di demolizione si presenti comunque illegitt [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
NRBH
Living Now

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


SIKAFLEX -11 FC+
Alteas One