M.v.b.
Carrello 0

Scheda Normativa

News Correlate

04/06/2015
Le variazioni non possono cambiare l’esito della gara

CdS: i cambiamenti successivi all’aggiudicazione non influiscono sulla graduatoria e sul calcolo delle soglie di anomalia

Sentenza 26/05/2015 n. 2609

Consiglio di Stato - I cambiamenti successivi all’aggiudicazione non influiscono sulla graduatoria e sul calcolo delle soglie di anomalia

Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 641 del 2015, proposto dalla g, rappresentato e difeso dall'avvocato Nicolò Mastropasqua, con domicilio eletto presso l’avvocato Piero Lorusso in Roma, largo Messico, n. 7;
contro
la Provincia di Lecce, rappresentata e difesa dall'avvocato Francesca Testi, con domicilio eletto presso la signora Maria Antonietta Capone in Roma, via Giuseppe Donati, n. 115 c/ F.Rosci;
nei confronti di
la Ditta p, rappresentato e difeso dall'avvocato Santo Palmisano, con domicilio eletto presso il sig. Giuseppe Pecorilla in Roma, via della Scrofa, n. 64;
Abilo S.r.l., Socev S.r.l.;
per la riforma
della sentenza del T.A.R. Puglia, Sezione staccata di Lecce, Sez. II, n. 265/2015, resa tra le parti, concernente l’affidamento di lavori di ristrutturazione ed adeguamento normativo del corpo laboratori dell'I.p.s.i.a. "Marconi" di Lecce.
Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio della Provincia di Lecce e della Ditta p;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell'udienza pubblica del giorno 16 aprile 2015 il Cons. Nicola Gaviano e uditi per le parti l’avvocato Nicolò Mastropasqua, l’avvocato Luigi Paccione su delega dell'avvocato Francesca Testi, e l’avvocato Felice Lorusso su delega dell'avvocato Santo Palmisano;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO
1 La ditta GICA Costruzioni del Geom. Giuseppe Catapano:
- ha preso parte con esito sfavorevole alla gara indetta dalla Provincia di Lecce per l'appalto di lavori di ristrutturazione e adeguamento normativo del corpo laboratori dell'I.P.S.I.A. "Marconi" di Lecce, conclusasi con aggiudicazione definitiva alla ditta p mediante determinazione n. 112 del 13 novembre 2014 del servizio Appalti ed Espropri della Provincia;
- con ricorso al T.A.R. per la Puglia impugnava, oltre l’aggiudicazione, l’ammissione alla procedura della concorrente a s.r.l., deducendo la nullità del contratto di avvalimento stipulato dalla medesima con la s.r.l. s, e impugnava, altresì, la valutazione dell'offerta presentata dalla stessa soc. a e la graduatoria finale di gara.
In via subordinata veniva domandato il risarcimento dei danni per equivalente.
La ricorrente deduceva a fondamento del ricorso che la concorrente s.r.l. a sarebbe dovuta essere esclusa dalla procedura, per violazione dell'art. 49, comma 2, lett. a), c), d) ed f) del d.lgs. n. 163/2006 e dell'art. 88, comma 1, lett. a) e c) del d.P.R. n. 207/2010, poiché l'oggetto del contratto di avvalimento da questa concluso non sarebbe stato determinato, e, inoltre, poiché tale contratto non sarebbe stato riprodotto nella dichiarazione resa dall'ausiliaria alla Stazione appaltante.
L’esclusione della soc. a avrebbe comportato il ricalcolo della soglia di anomalia e la conseguente aggiudicazione definitiva in favore di essa ricorrente.
Resistevano all’impugnativa la Provincia di Lecce e l’aggiudicataria ditta p.
2 Il Tribunale adìto, trattenuta la causa in decisione alla camera di consiglio del 15 gennaio 2015 ai sensi dell’art. 60 C.P.A., con la sentenza n. 265/2015 in epigrafe respingeva il ricorso.
3 Seguiva contro tale decisione la proposizione del presente appello alla Sezione da parte della soccombente, che riproponeva le proprie censure di legittimità e contestava le argomentazioni con cui queste erano state disattese dal primo Giudice.
Resistevano all’impugnativa anche in questo nuovo grado la Stazione appaltante e l’aggiudicataria, deducendone l’infondatezza.
L’appellante con successiva memoria replicava alle obiezioni avversarie, insistendo per l’accoglimento dell’appello.
L’aggiudicataria presentava uno scritto di replica.
Alla pubblica udienza del 16 aprile 2015, la causa è stata trattenuta in decisione.
4 L’appello deve essere respinto, in quanto la sentenza impugnata va confermata con diversa motivazione.
5 Il bando con il quale è stata indetta la procedura oggetto di controversia è stato pubblicato il 1° agosto del 2014.
La relativa gara è perciò soggetta ratione temporis alla disciplina innovativa introdotta dall’art. 39, commi 1 e 2, del d.l. 24 giugno 2014, n. 90, convertito con legge 11 agosto 2014, n. 114, dal momento che il comma 3 dello stesso articolo dispone, appunto, che «Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano alle procedure di affidamento indette successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto»
In particolare, si rivela applicabile alla controversia il periodo conclusivo del comma 1 dell’art. 39 cit., ossia del comma 2-bis da questo introdotto nell’art. 38 del d.lgs. n. 163/2006, secondo il quale «Ogni variazione che intervenga, anche in conseguenza di una pronuncia giurisdizionale, successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte non rileva ai fini del calcolo di medie nella procedura, né per l’individuazione della soglia di anomalia delle offerte».
6 Va sottolineato che il caso in esame ricade appieno nella fattispecie astratta delineata dalla disposizione appena trascritta.
Come si è già esposto, la ricorrente contesta la legittimità dell’ammissione della concorrente a alla gara, domandandone l’esclusione, al solo scopo di ottenere, con l’espunzione della sua offerta, un ricalcolo della soglia di anomalia grazie al quale l’aggiudicazione non spetterebbe più alla ditta p, ma ad essa g.
Orbene, questa articolata deduzione è preclusa dalla norma in esame, che comporta appunto che la «variazione» che la ricorrente persegue - contestando la legittimità dell’ammissione alla gara della soc. a - non potrebbe portare in alcun modo ad una rideterminazione della soglia di anomalia che ha condotto ad aggiudicare la gara alla ditta p, e quindi non potrebbe porre in discussione la validità dell’aggiudicazione che costituisce l’oggetto principale del gravame.
7 La novità disposta dal citato comma 2-bis induce però la Sezione ad intrattenersi specificamente sull’ampiezza del suo campo di applicazione.
Occorre sottolineare che, benché la previsione sia stata immessa dal legislatore nel testo dell’art. 38 del d.lgs. n. 163/2006, essa è applicabile anche nei casi in cui non sia in questione la carenza di uno dei requisiti elencati nello stesso articolo, ma qualunque altra potenziale ragione di esclusione di un concorrente.
Il testo della innovativa disposizione esibisce, infatti, una portata ben più vasta dell’elenco di cause ostative contenuto nell’articolo in cui essa per ragioni contingenti è stata inserita: esso ha la natura di una «norma generale», in quanto si riferisce ad “Ogni variazione che intervenga … successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte”. E tale frase ha una autonoma portata precettiva rispetto ai periodi precedenti dello stesso comma.
L’applicabilità della regola generale – sinteticamente definibile quale «principio di stabilità della soglia di anomalia, una volta terminata in sede amministrativa la “fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte”» - si desume anche dal disposto del comma 1-ter dell’art. 46 d.lgs. n. 163/2006, pure in esso inserito dal medesimo art. 39 d.l. n. 90/2014, il quale puntualizza che il comma 2-bis dell’art. 38 si applica «a ogni ipotesi di mancanza, incompletezza o irregolarità degli elementi e delle dichiarazioni, anche di soggetti terzi, che devono essere prodotte dai concorrenti in base alla legge, al bando o al disciplinare di gara».
Pertanto, pur se l’attuale ricorrente ha dedotto che la soc. a è stata ammessa illegittimamente per violazione del principio di determinatezza dell’oggetto dell’avvalimento (e non per la violazione delle regole sostanziali contenute nell’art. 38 cit), va affermata in questa sede l’applicabilità al caso concreto della previsione di chiusura del nuovo comma 2-bis.
8. Non risulta poi fondata la tesi sostenuta dall’appellante nel corso dell’udienza di discussione, secondo la quale la disposizione innovativa sopra riportata si porrebbe in contrasto con i principi costituzionali affermati dagli artt. 24 e 113 Cost. sulla indefettibilità della tutela giurisdizionale e sulla impossibilità che tale tutela sia «esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione».
La regola generale introdotta nell’art. 38, comma 2-bis, attiene all’andamento del procedimento amministrativo di settore, nel senso che, una volta conclusa la «fase» procedimentale riguardante l’ammissione, la regolarizzazione o l’esclusione delle offerte, le sopravvenienze non possono essere prese in considerazione dalla stessa Amministrazione. [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
SIKAFLEX -11 FC+
Living Now

NEWS NORMATIVA

14/12 - Opere fluviali, possono progettarle solo gli ingegneri?

Dal Consiglio di Stato una panoramica sulle competenze acquisite nei corsi di studio in ingegneria e architettura

13/12 - Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Le risorse finanzieranno i progetti di messa in sicurezza degli edifici pubblici. Priorità alle scuole


Marcegaglia Buildtech
M.v.b.