Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Alias edita uno storico progetto di Pio Manzù, geniale protagonista del car design italiano degli anni ’60. L’idea nasce alla GAMeC di Bergamo dove si trovano gli archivi dell’opera di Pio Manzù. L’attenzione si focalizza sul prototipo di una seduta di chiara derivazione automobilistica. La riedizione prende forma e giunge alla sua realizzazione. 
A completamento del progetto è stato anche previsto un poggiapiedi dotato di base a quattro razze del tutto coerente nel disegno e nelle proporzioni con la seduta.
Un’operazione di cultura del design, attraverso cui Alias scopre profonde affinità con la figura di Pio Manzù. Fra i primi a concepire il rapporto uomo-macchina in termini di sicurezza e benessere, oltre la pura funzionalità. Autentico pioniere dell’ergonomia, grazie al rigore progettuale e alla padronanza delle tecnologie. La poltrona, come il pouf, è composta da scocca portante in poliuretano compatto costampato con poliuretano espanso e base in fusione d’alluminio, lucidato o verniciato in diversi colori. Entrambi i pezzi sono proposti con l’elegante rivestimento in pelle di diverse tinte.

Pouf con scocca portante in poliuretano compatto costampato con poliuretano espanso e basamento a 4 razze in fusione di alluminio. Rivestimento in pelle pelle frau®.


Maggiori informazioni del produttore su MANZÙ - 091

Designer

Pio Manzù

Italia

Pio Manzù, son of the famous italian sculptor Giacomo Manzù, designer who died prematurely in 1969, when he was just 30, has been defined by Gillo Dorfles «one of the most serious inventors of a new current in contemporary Italian

Produttore

Alias

MANZÙ - 091
Pouf / poggiapiedi
Linea Manzù
  • 24064 Grumello del Monte (BG) Italia
  • Via delle Marine, 5
  • Tel: +39 035 4422511
  • vai al sito web
Contatta direttamente Alias
Altri prodotti Alias

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa