Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Linee decise e pulite disegnano Oliver, il nuovo divano letto 100% Made in Italy di Milano Bedding, progettato da Alessandro Elli. L'alto schienale, dalla forma trapezoidale, crea una decorazione distintiva, sostiene i cuscini nella versione divano mentre, una volta aperto a letto, diventa una piacevole testata. Lo stesso design dello schienale viene ripreso nei braccioli sagomati che accolgono e avvolgono per un comfort di seduta elevato, grazie anche alla qualità delle imbottiture dei cuscini.

“La sintesi progettuale di Oliver e quella di garantire generose performance di comfort ed una spiccata personalità: i tratti inclinati dello schienale, delle cuciture dei braccioli, del piedino, sono le caratteristiche principali che conferiscono alla silhouette del divano un segno leggero ed armonioso nel suo insieme”. Alessandro Elli

Oliver è progettato e realizzato per trasformarsi, con un solo e semplice gesto, in un vero e proprio letto: le doghe di legno o la rete a maglie elettrosaldata e il materasso, da 16/18 cm, sono gli altri requisiti per un riposo rigenerante. I piedini sono rivestiti nel tessuto scelto per il divano.
Oliver è interamente sfoderabile e lavabile a seconda del rivestimento ed è disponibile anche nella versione fissa, completamente smontabile per un facile trasporto.


Designer

Alessandro Elli

Italia

Alessandro Elli nasce in brianza nel 1968, dopo essersi diplomato all'istituto statale d'arte di cantù, frequenta la scuola politecnica di design di milano seguendo il master in industrial design. le prime esperienze nel campo del

Produttore

Milano Bedding

OLIVER
Divano letto sfoderabile in tessuto
  • 20832 Desio (MB) Italia
  • Via Edoardo Ferravilla, 70
  • Tel: +39 0362 307144
  • Fax: +39 0362 308749
  • vai al sito web
Contatta direttamente Milano Bedding
Altri prodotti Milano Bedding

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa