Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Diversamente dalle altre rocce vetrose, la perlite ha la capacità di espandere il proprio volume fino a 20 volte rispetto a quello originale quando viene portata ad elevate temperature, prossime al suo punto di rammollimento. L’espansione è legata alla presenza di acqua rimasta confinata nella porosità chiusa della roccia per effetto del repentino raffreddamento in fase di fuoriuscita del magma.

PERALIT® 25 è perlite espansa a grossa granulometria indicata per il termoisolamento di sottotetti non praticabili, pavimenti a secco, intercapedini murarie e canne fumarie.


Maggiori informazioni del produttore su PERALIT® 25

Approfondimento
CARATTERISTICHE
APPLICAZIONI PER VERSAMENTO
Termoisolamento di pavimenti con sottofondi a secco

Nel caso di sottofondi a secco posare dei listelli di legno sul supporto pre-esistente (soletta, pavimento sconnesso, assito in legno, ecc.) a interasse definito.

Versare Peralit 25 dai sacchi nell’intercapedine tra i listelli e livellarla con stagge.
Posizionare sopra i listelli uno strato ammortizzante in pannelli ad alta densità e successivamente uno o più strati di lastre in materiale cementizio e/o in conglomerati a base
Anche nel caso di pavimenti in parquet la posa può essere effettuata immediatamente dopo l’applicazione delle lastre sia mediante incollaggio, sia con interposizione di un feltro ammortizzante.
Nel caso di applicazioni in locali umidi, utilizzare la perlite espansa idrofuga Idroperalit.
Tutti i sistemi devono essere posati desolidalizzati dalle pareti perimetrali con opportuni accorgimenti.
Termoisolamento di sottotetti non praticabili

Versare Peralit 25 dai sacchi sull’impalcato e regolarizzarla.

Se l’intercapedine è ventilata, Peralit 25 può essere stabilizzata superficialmente con latte di calce.
Nel caso di intercapedini difficilmente accessibili è possibile operare mediante insufflaggio.
Termoisolamento di canne fumarie

Insufflare o versare direttamente Peralit 25 nell’intercapedine e costiparla mediante vibrazioni della canna fumaria metallica interna.
APPLICAZIONI PER INSUFFLAGGIO
Termoisolamento di intercapedini murarie

Praticare nella parete più fori di circa 6 cm di diametro il più vicini possibile al soffitto, mediamente a distanza di 150 - 200 cm uno dall’altro, in funzione della lunghezza della parete, dello spessore dell’intercapedine e dell’eventuale presenza di elementi che chiudono o riducono la sezione interna.
Sigillare le eventuali vie di uscita (scatole per prese di corrente, cassonetti, ecc.) con nastro adesivo, silicone o schiume.
Inserire nel foro l’estremità libera del tubo flessibile sigillando temporaneamente lo spazio vuoto intorno ad esso per evitare possibili uscite di materiale. Assicurarsi che siano sigillati tutti gli altri fori, mantenendone uno aperto alla distanza maggiore possibile dal foro di insufflaggio per consentire la fuoriuscita dell’aria di trasporto: in quest’ultimo foro inserire un filtro a manica per evitare la fuoriuscita di materiale. Versare Peralit 25 o Idroperalit nel serbatoio. Tra le perliti espanse insufflabili Idroperalit si presenta con caratteristiche di idrorepellenza. Tale qualità rende l’isolante insensibile all’umidità presente
nello strato murario esterno e ciò ne consente l’utilizzo anche in casi particolarmente critici. Chiudere ermeticamente il coperchio con gli appositi ganci.
Avviare la soffiante. Fermare la soffiante quando il serbatoio si è vuotato (circa 1 - 2 minuti dall’avviamento). Ripetere l’operazione fino al totale riempimento a rifiuto della parete.
PERALIT® 25 CONGLOMERATA
Calcestruzzo alleggerito con perlite espansa

• Per il termoisolamento di coperture piane praticabili, coperture a falde inclinate, sottotetti praticabili, solai di interpiano e controterra.

Peralit 25 conglomerata con cemento e acqua in dosaggi variabili, consente di realizzare calcestruzzi alleggeriti termoisolanti. Peralit 25 può essere miscelata anche con calce idraulica naturale.

MISCELAZIONE

Manuale: Mescolare a secco Peralit 25 e cemento fino a ottenere una massa di colore omogeneo. Aggiungere acqua sino a ottenere un impasto della consistenza desiderata (tipo terra umida).
In betoniera: Versare acqua e cemento nella betoniera e mescolare. Aggiungere Peralit 25 fino a ottenere un impasto della consistenza desiderata. Si raccomanda di non mescolare il calcestruzzo oltre 3 minuti

Protezione delle tubazioni e degli elementi metallici

Le tubazioni metalliche (zincate o meno) inglobate in massetti porosi, qualora non siano dotate di specifiche protezioni impermeabili, prima della messa in opera dei massetti alleggeriti devono essere immerse completamente in malta ricca di cemento e poco porosa, in modo che sia assicurata la passivazione superficiale completa delle tubazioni stesse. Le tubazioni plastiche devono essere ancorate al solaio.
Protezione delle tubazioni e degli elementi metallici
Distribuire il conglomerato sulla superficie mediante l’utilizzo di attrezzature manuali. Livellare con stagge e frattazzi. Al raggiungimento di una consistenza pedonabile è possibile la lasciatura con elicottero.
Posa di parquet e altre pavimentazioni su caldana con sottofondo alleggerito.
Tutti i massetti alleggeriti richiedono al momento della costruzione un maggior quantitativo di acqua di impasto che influenza la velocità di essiccamento. Anche le condizioni ambientali possono favorire o contrastare l’evaporazione dell’acqua residua. È quindi opportuna la preventiva messa in opera di un telo di polietilene a giunti sigillati tra il sottofondo alleggerito e la caldana di supporto del parquet. La messa in opera di uno strato separatore impermeabile a giunti sigillati e risvoltato sui bordi è consigliabile anche in presenza di altri tipi di pavimentazione per consentire una corretta maturazione della caldana sovrastante.
Coperture piane praticabili
Sottopavimento di solai interpiano
CARATTERISTICHE DI PERALIT® 25 CONGLOMERATA
VOCI DI CAPITOLATO
» TERMOISOLAMENTO DI INTERCAPEDINI MURARIE
L’isolamento termico dell’intercapedine muraria sarà realizzato con granulato termoisolante di perlite espansa Peralit 25, avente le seguenti caratteristiche:
- granulometria: 1 - 5 mm
- massa volumica: 100 ± 20% kg/m3
- conduttività termica λm: < 0,048 W/mK
- incombustibile: classe di reazione al fuoco A1
- biocompatibile secondo lo standard ANAB-ICEA.
La posa sarà eseguita per insufflaggio, utilizzando speciali soffianti, predisponendo più fori di inserimento nella muratura a distanza adeguata (1,5 - 2 m) e un foro per lo sfiato. Prima dell’applicazione dovranno essere opportunamente sigillate tutte le aperture (cassette elettriche, cassonetti, ecc) presenti nelle murature da trattare. Peralit 25 sarà applicata nello spessore di …. cm, necessario a garantire la trasmittanza termica U = ….. W/m2K. Nel caso di utilizzo in locali umidi, verrà adottata la perlite espansa idrofuga Idroperalit (λm: < 0,052 W/mK).
» TERMOISOLAMENTO DI PAVIMENTI CON SOTTOFONDI A SECCO
Il termoisolamento del pavimento a secco sarà realizzato versando sulla soletta, nelle intercapedini tra i listelli, uno strato di perlite espansa Peralit 25, avente le seguenti caratteristiche:
- granulometria: 1 - 5 mm
- massa volumica: 100 ± 20% kg/m3
- conduttività termica λm: < 0,048 W/mK
- incombustibile: classe di reazione al fuoco A1
- biocompatibile secondo lo standard ANAB-ICEA Peralit 25 sarà livellata con staggia; saranno quindi posati a secco sui listelli i pannelli ad alta densità (strato ammortizzante) e successivamente lastre a doppio strato in materiale cementizio (oppure in conglomerati a base fibrosa) per realizzare il sottofondo dei pavimenti sovrastanti. Dopo la posa delle lastre potranno essere posati i pavimenti di parquet con interposizione di un feltro ammortizzante o incollati direttamente. Peralit 25 sarà applicata nello spessore di …. cm, necessario a garantire la trasmittanza termica U = ….. W/m2K. Nel caso di utilizzo in locali umidi, verrà adottata la perlite espansa idrofuga Idroperalit (λm: < 0,052 W/mK).
» TERMOISOLAMENTO DI SOTTOTETTI NON PRATICABILI
L’isolamento termico del sottotetto non praticabile sarà realizzato con granulato termoisolante di perlite espansa Peralit 25, avente le seguenti caratteristiche:
- granulometria: 1 - 5 mm
- massa volumica: 100 ± 20% kg/m3
- conduttività termica λm: < 0,048 W/mK
- incombustibile: classe di reazione al fuoco A1
- biocompatibile secondo lo standard ANAB-ICEA Peralit 25 sarà applicato direttamente sulla superficie di posa nello spessore di …. cm, necessario a garantire la trasmittanza termica U = ….. W/m2K. Nel caso di utilizzo in locali umidi, verrà adottata la perlite espansa idrofuga Idroperalit (λm: < 0,052 W/mK).
» TERMOISOLAMENTO DI COPERTURE PIANE PRATICABILI E A FALDA INCLINATA, DI SOTTOTETTI PRATICABILI, DI SOLAI INTERPIANO E CONTROTERRA
L’isolamento della copertura (o del solaio) sarà realizzato con calcestruzzo alleggerito termoisolante costituito da perlite espansa Peralit 25, avente le seguenti caratteristiche:
- granulometria: 1 - 5 mm
- massa volumica: 100 ± 20% kg/m3
- incombustibile: classe di reazione al fuoco A1
- biocompatibile secondo lo standard ANAB-ICEA Peralit 25 verrà miscelata con cemento e acqua sino a ottenere un impasto della consistenza desiderata.
Miscele consigliate: Per pendenze e sottofondi: cemento 300 kg/m3
Caratteristiche del conglomerato:
Massa volumica: 500 - 580 kg/m3
Conduttività termica λm = 0,10 W/mK
Resistenza a compressione: > 2 MPa
Per sottotetti pedonabili: cemento 200 kg/m3
Caratteristiche del conglomerato:
Massa volumica: 400 - 480 kg/m3
Conduttività termica λm = 0,094 W/mK
Resistenza a compressione: > 1,5 MPa
Il conglomerato a base di Peralit 25 sarà realizzato nello spessore di …. cm, necessario a garantire la trasmittanza termica U = ….. W/m2K.
GARANZIE
Per ottemperare alle disposizioni previste dalla Direttiva Europea Prodotti da Costruzione 89/106/CEE del 1988, tutte le perliti espanse sono marcate CE secondo le norme EN 13055-1, relativa agli aggregati leggeri per calcestruzzi e malte e EN 14316-1, relativa agli isolanti termici a base perlite realizzati in situ.
Perlite Italiana opera in regime di controllo qualità secondo UNI EN ISO 9001:2000 ed è certificata dal 1997 da ICMQ.
Questa scheda ha lo scopo di informare sulle caratteristiche e sui metodi di applicazione del materiale descritto. I dati tecnici riportati sono relativi a valori medi di produzione e pertanto soggetti a periodica revisione. Perlite Italiana si riserva il diritto di apportare in qualsiasi momento le modifiche e variazioni che riterrà opportune; è quindi interesse dell’utilizzatore verificare di essere in possesso della versione aggiornata della scheda.
Produttore

Perlite Italiana

PERALIT® 25
  • 20094 Corsico (MI) Italia
  • Alzaia Trento, 7
  • Tel: +39 02 4407041
  • Fax: +39 02 4401861
  • vai al sito web
Contatta direttamente Perlite Italiana
Altri prodotti Perlite Italiana
x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati
)