Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

ECOwall FIT è l'impianto radiante a parete o soffitto sottointonaco a ridotto spessore per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti.
La novità di ECOwall FIT è l'impiego di un tubo di piccolo diametro che riduce lo spessore dell'intonaco a soli 15mm.
Con moduli completamente alloggiati nell'intonaco, ECOwall FIT garantisce una risposta più veloce dell'impianto, una bassa inerzia termica ed una messa a regime in meno di un'ora.
- Pannelli radianti in soli 15 mm di intonaco
- Messa a regime in meno di un'ora
- Costo dell'intonaco ridotto dal 40 al 50%
- Risposta rapida alla regolazione
- Integrabile con il sistema ECOwall Dry


Maggiori informazioni del produttore su ECOWALL FIT

Approfondimento
Progetto impianto radiante sotto intonaco
Il progetto deve essere effettuato sulla base dei fabbisogni dei singoli ambienti e delle rese del sistema.
La superficie radiante attiva rientra negli intervalli riportati nella tabella sottostante:
Per i soffitti radianti non è consigliabile abbassare la superficie radiante al di sotto del 50% della superficie in pianta per non creare asimmetrie radianti e discomfort.
Partendo dalla consultazione dei diagrammi di resa del sistema, i parametri da determinare sono:
- superficie radiante per singolo ambiente;
- temperatura di mandata all’impianto.
La temperatura di mandata si determina partendo dall’ambiente più sfavorito in termini di fabbisogno termico specifico o di superficie radiante disponibile: essa deve essere calcolata mantenendo la temperatura superficiale nei limiti consentiti, come si legge al paragrafo successivo. Se non è possibile o sufficiente innalzare la temperatura di mandata, si può aumentare la superficie radiante con un’applicazione integrata a parete e soffitto.
Temperatura limite superficiale
I limiti alla temperatura superficiale in riscaldamento sono dettati dalla necessità di non creare discomfort con eccessive asimmetrie radianti. Essa dipende dalla geometria delle stanze e per le geometrie standard degli ambienti residenziali è consigliabile non superare i seguenti valori:
Per le pareti radianti normalmente si opera con valori di 32-35°C: i 40°C rimangono un limite teorico.
In raffrescamento, invece, il limite alla temperatura superficiale è dovuto all’obbligo di scongiurare la formazione di condensa superficiale sulle superfici radianti. La temperatura di mandata deve essere calcolata in modo che la temperatura superficiale ecceda quella di rugiada corrispondente alle condizioni ambiente di progetto.
In accordo alla UNI EN 1264 la temperatura di mandata in raffrescamento non deve essere inferiore di più di 1 K al valore della temperatura di rugiada calcolato per le condizioni ambiente.
Per semplicità si riporta una tabella con i valori di temperatura di mandata per condizioni di progetto differenti.

Temperatura di mandata in funzione di U.R.
Isolamento termico impianto radiante
L’inserimento del corretto spessore di isolante è di fondamentale importanza per il buon rendimento di tutti i sistemi radianti e quindi anche dei pannelli a parete/soffitto che spesso sono integrati in strutture disperdenti verso l’esterno o verso locali non riscaldati.
Lo strato coibente consente inoltre il disaccoppiamento termico del pannello radiante dal resto della struttura in cui esso è alloggiato riducendo l’inerzia termica complessiva del sistema.
Indicazioni utili ai fini progettuali ci derivano dalle normative. La norma UNI TS 11300-2 risulta utile ai fini della valutazione del rendimento di emissione dei pannelli radianti: la tabella sotto ne confronta i valori con quelli di altri tipi di terminali di emissione.
Produttore

Rossato Group

ECOWALL FIT
Sistema radiante a parete
Linea ECOwall
  • 04013 Sermoneta (LT) Italia
  • Via del Murillo km 3500
  • Tel: 0773 844051
  • Fax: 0773 019855
  • vai al sito web
Contatta direttamente Rossato Group
Altri prodotti Rossato Group
x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Partecipa
)