Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Il super connettore NO LIMITS® nasce in tempi recentissimi per migliorare il consolidamento dei solai in legno. È destinato a sostituire la maggior parte dei metodi utilizzati negli ultimi 20 anni.
É composto da un unico perno metallico ottenuto da una barra Δ16 opportunamente lavorata con filettatura per legno nella parte da fissare sulla travatura. Nella porzione corrispondente all’assito la barra rimane liscia, mentre torna con lavorazione a testa esagonale dotata di scanalature nella parte da annegare nel calcestruzzo.
È costituito da un unico perno opportunamente sagomato per il miglioramento dell’aggancio meccanico al legno e al calcestruzzo.


Maggiori informazioni del produttore su NO LIMITS®

Approfondimento

Collaborazioni

La convergenza di punti di vista circa la qualità e l’innovazione tecnica nel settore del recupero edilizio ha portato l'azienda a stringere un’importante alleanza con gli inventori del connettore a secco Rino Zenari e suo figlio Ingegner Christian per la distribuzione sul territorio nazionale di questo importante brevetto europeo.

Si tratta di modifiche significative apportate ad un connettore classico, tali da incrementarne notevolmente le prestazioni strutturali, verificabili con il programma di calcolo disponibile sul nostro sito, ed elaborato sui valori della connessione legno-calcestruzzo ottenuto con il metodo “Turrini”.

Il super connettore NO LIMITS, che può essere impiegato indifferentemente su legno o calcestruzzo, consente un notevole risparmio sul numero dei connettori da impiegare, per non parlare dei ridottissimi tempi di posa derivanti dalla semplicità della stessa.


Produttore

TECNORED

NO LIMITS®
Connettore a secco per il rinforzo strutturale di solai
  • 37141 VERONA (VR) Italia
  • V. S.MICHELE, 3/A
  • Tel: +39 045 8921020
  • Fax: +39 0458921020
  • vai al sito web
Contatta direttamente TECNORED
Altri prodotti TECNORED

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

OK
x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa