Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Additivo in polvere con potere espansivo sul cemento che utilizzato nel confezionamento di malte e calcestruzzi permette di ottenere degli impasti che al momento della posa in opera risultino senza ritiro o addirittura con capacità di espansione per realizzare: sottofondazioni, consolidamenti di pile, bloccaggio di condotte forzate, etc. Confezioni: sacchetti da 1 kg. Consumo: da 1 a 2% del peso di cemento.  


Maggiori informazioni del produttore su ESPANSOL POLVERE

Approfondimento
Caratteristiche
Il noto fenomeno del ritiro del calcestruzzo dovuto principalmente all'evaporazione dell'acqua contenuta nel calcestruzzo e non legata chimicamente o fisicamente, ma anche esigenze specifiche di carattere tecnico-costruttivo hanno motivato il desiderio di preparare un calcestruzzo senza ritiro o addirittura con capacità di espansione. Tale risultato può essere facilmente ottenuto sui diversi tipi di cemento impiegando il nostro prodotto ESPANSOL POLVERE.
Si tratta di un additivo in polvere con potere espansivo sul cemento. Il componente rigonfiante del prodotto ossidandosi nell'ambiente alcalino (cemento-acqua) determina uno sviluppo di gas che porta ad un aumento di volume più o meno accentuato della pasta cementizia o rispettivamente del calcestruzzo. L'efficacia del prodotto dipende dalle caratteristiche chimiche del cemento e dal fattore acqua : cemento.
Campi d'impiego
ESPANSOL POLVERE si impiega per impasti cementizi di iniezione, in cui per motivi statici è richiesto un aumento di volume della malta o del calcestruzzo (bloccaggio di condotte forzate, consolidamento di pile ecc.).
Dati tecnici
Consumo 1-3% sul peso del cemento
Stoccaggio 12 mesi
Confezioni 1 kg
Produttore

Torggler Chimica

ESPANSOL POLVERE
Additivo espansivo per malta e calcestruzzi
vai al sito web
Contatta direttamente Torggler Chimica
Altri prodotti Torggler Chimica

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa