Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Nel 1949 Charles e Ray Eames progettarono un innovativo sistema di scaffali e scrivanie multifunzione indipendenti. Ispirati alla Eames House, realizzata nello stesso periodo, questi progetti aderivano ai principi della produzione industriale: lo scaffale Eames Storage Unit (ESU) e la scrivania Eames Desk Unit (EDU).
In collaborazione con l‘Eames Office e la designer olandese Hella Jongerius, è stato scelto un nuovo schema di colori sapientemente definito per dare alla ESU e alla EDU un fresco look contemporaneo, pur mantenendo fede allo spirito degli anni ‚40 e ‚50. L‘ESU Shelf più largo è disponibile in varie altezze, dallo scaffale basso da affiancare alla scrivania alla libreria alta. L‘ESU Bookcase è una libreria leggermente più stretta; i livelli degli scaffali corrispondono all‘altezza dei raccoglitori ad anelli standard. Dotata di cassetti e ante scorrevoli, offre ampio spazio utile.

Materiali:
- Superfici metalliche: finitura verniciata a polvere in colore nero.
- Scaffali: legno multistrato di acero con impiallacciatura superficiale in betulla, finitura laccata trasparente.
- Pannelli: alluminio verniciato a polvere.
- Gambe: regolabili singolarmente.

ESU Bookcase
Ante scorrevoli: legno compensato sagomato verniciato


Maggiori informazioni del produttore su EAMES STORAGE UNIT BOOKCASE

Designer

Charles Eames

Stati Uniti

Charles Ormond Eames, Jr iniziò molto precocemente l'attività di progettista tanto da essere impiegato, già all'età di soli 14 anni, nei laboratori della Laclede Steel Company. Studiò architettura alla Washington University a

Produttore

Vitra

EAMES STORAGE UNIT BOOKCASE
Credenza in laminato con ante scorrevoli
  • 04127 Birsfelden Svizzera
  • Klünenfeldstrasse, 22
  • Tel: +41 61 377 00 00
  • Fax: +41 61 377 15 20
  • vai al sito web
Contatta direttamente Vitra
Altri prodotti Vitra

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa