Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Le sedie dell'Aluminium Group sono i progetti più noti di Charles e Ray Eames. Sono nate nel 1958 e fanno parte dei classici della storia del design del 20° secolo.
Una caratteristica importante dell'Aluminium Chair è il connubio intelligente dei materiali. La sua forma è pulita e trasparente, la struttura nettamente visibile. I profili di alluminio conferiscono alla sedia stabilità e contemporaneamente leggerezza. Nelle parti laterali il rivestimento viene fissato e tensionato, adattandosi alla struttura e garantendo un grande comfort anche senza voluminose imbottiture. Il rivestimento non è un involucro, bensì parte della struttura.

Materiali:
Le imbottiture in pelle hanno sempre il lato posteriore in Plano.
-  Meccanica: dispositivo meccanico per la regolazione dell'inclinazione schienale, bloccabile nella posizione anteriore. Altezza della sedia a regolazione continua mediante pompa a gas.
- Schienale e seduta: elementi imbottiti in Hopsak e pelle, saldati con processo ad alta frequenza. Profili laterali e staffa in alluminio pressofuso lucidati o cromati.
- Braccioli: in alluminio pressofuso.
- Basamento: a cinque razze in alluminio pressofuso. Con ruote a scelta in versione per pavimenti morbidi o duri.
- Opzionale: su richiesta disponibile anche senza braccioli.


Maggiori informazioni del produttore su EA 117

Designer

Charles Eames

Stati Uniti

Charles Ormond Eames, Jr iniziò molto precocemente l'attività di progettista tanto da essere impiegato, già all'età di soli 14 anni, nei laboratori della Laclede Steel Company. Studiò architettura alla Washington University a

Produttore

Vitra

EA 117
Sedia ufficio operativa girevole con ruote
  • 04127 Birsfelden Svizzera
  • Klünenfeldstrasse, 22
  • Tel: +41 61 377 00 00
  • Fax: +41 61 377 15 20
  • vai al sito web
Contatta direttamente Vitra
Altri prodotti Vitra

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa