Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

IS Plinti è un software per la verifica secondo gli stati limite e secondo le tensioni ammissibili di fondazioni superficiali (plinti su suolo alla Winkler, isolati o in gruppo, su pali, collegati da travi rettangolari o a T rovescia), sia dal punto di vista strutturale, sia dal punto di vista geotecnico.
Definito il plinto con le sue caratteristiche geometriche e di armatura, scelto il pilastro o il bicchiere eventualmente presente, associati una stratigrafia ed i casi di carico il programma esegue la verifica della capacità portante, dei cedimenti a breve e lungo termine, degli scorrimenti, delle tensioni agenti, a taglio ed a punzonamento e calcola le sollecitazioni in testa ai pali.
L’analisi del bicchiere è svolta in accordo con le norme CNR 10025/84.
Le tavole delle armature, la pianta generale del lavoro ed i singoli plinti sono esportabili in .dxf e la completa relazione di calcolo riporta dettagliatamente i risultati del calcolo e può essere salvata in vari formati (.doc, .html e .txt).


Maggiori informazioni del produttore su IS PLINTI

Approfondimento
PROPRIETÀ DEL SOFTWARE

L’input dei dati può avvenire sia in modo numerico, tramite schede di scelta rapida, sia in modo grafico tramite semplici “trascinamenti”.
Alternativamente si può importare la pianta della fondazione, la geometria dei plinti e dei pilastri, le condizioni ed i casi di carico dall’ambiente grafico di Dolmen WIN.
Le forme geometriche di plinto analizzabili con IS Plinti sono svariate e si distingue anche tra presenza di magrone armato e non; a seconda di questa scelta, le pressioni sul terreno saranno calcolate all'estremità del magrone, nel primo caso, altrimenti si considera l'area derivante dal punzonamento a 45° dello stesso.

È possibile definire a priori, per i plinti e per le travi di collegamento (verificate al sisma), uno schema di armatura tipica. Si ipotizza un’armatura che possa andar bene per i plinti in esame; si definisco i vari parametri propri del ferro, la tipologia di armatura superiore ed inferiore, i diametri dei ferri, il copriferro, il passo massimo e minino, la metodologia di distribuzione dell’armatura. Prima dell’analisi viene eseguito un controllo  completo dei dati e vengono segnalate eventuali incongruenze. Per la verifica della fondazione in IS Plinti si imposta un’armatura e, in seguito all’esecuzione del calcolo, si controlla se è presente in quantità sufficiente e se le verifiche previste da normativa sono superate. In caso negativo verranno segnalate eventuali mancanze ed andranno riprogettati il plinto e la sua armatura.
I risultati forniti riguardano:
• verifica della capacità portante;
• verifica dei cedimenti a breve e lungo termine;
• verifica degli scorrimenti;
• calcolo delle tensioni agenti sul magrone (con asse neutro);
• calcolo delle tensioni agenti sul terreno;
• verifica flessionale, a taglio ed a punzonamento del plinto;
• verifica flessionale del magrone armato;
• verifica dei bicchieri secondo norma CNR 10025/84;
• verifica delle travi di collegamento (verifica sismica);
• calcolo delle sollecitazioni in testa ai pali


È possibile definire pilastri quadrati, rettangolari e circolari, aventi qualsiasi posizione rispetto alla pianta del plinto.
I baricentri dei pilastri sono considerati punti di applicazione del carico.
Si può considerare la presenza del bicchiere, verificandolo secondo norme CNR 10025/84.

È possibile la definizione di pali circolari in c.a., sottostanti il plinto, dando le principali caratteristiche della geometria e dell’armatura. 
Ad analisi effettuata si visualizzano le sollecitazioni agenti sulla testa di ognuno, calcolate nell’ipotesi di piastra di collegamento perfettamente rigida. Esportando un plinto su pali nel programma IS Pali vengono in realtà calcolate e passate le massime sollecitazioni agenti sui pali di quel plinto. A questo punto occorre solo più definire il terreno e i metodi per il calcolo delle portate laterali e di base.

Si distinguono diverse condizioni di carico, composte da carico verticale, carico orizzontale e momento flettente. 
Le condizioni raggruppate ed analizzate danno le combinazioni di carico, per ognuna di esse vengono eseguite le verifiche. Le sollecitazioni agenti sul plinto possono arrivare direttamente dall’analisi svolta da Dolmen Win.
La stratigrafia fondale può essere definita per ciascun plinto, gestendola per aree competenti o per plinti agenti. 
Una volta create ed assegnate le tipologie di terreno ed associate le prove penetrometriche, è possibile selezionare i punti maglia agenti sulla determinata stratigrafia. Tramite i dati di prove S.P.T. e C.P.T. si può ulteriormente caratterizzare ogni zona, calcolandone i cedimenti a breve e lungo termine

Sia la pianta generale che le tavole delle armature di ogni plinto possono essere esportate in Dolmen Plan (da cui è possibile creare una tabella con il computo metrico dei ferri) e in .dxf.
Un visualizzatore permette di vedere il plinto ed il pilastro in 3D consentendo all'utilizzatore una verifica visiva della disposizione e dell'ingombro dell'armatura.
È possibile visualizzare e stampare tutti i risultati dell’analisi.
La completa ed esaustiva relazione finale, che può essere personalizzabile nella scelta dei contenuti, riporta tutti i dati di progetto, le scelte eseguite, i risultati della verifica e la tavola delle armature per ogni tipologia di plinto progettato.
Tale relazione può essere creata nei formati HTML (.html), Word® (.doc) oppure testo (.txt).

Società di servizi

CDM Dolmen

IS PLINTI
Software per analisi di fondazioni superficiali
  • 10138 Torino (TO) Italia
  • Via Bernardino Drovetti, 9/F
  • Tel: +39 011 4470755
  • Fax: +39 011 4348458
  • vai al sito web
Contatta direttamente CDM Dolmen
Altri prodotti CDM Dolmen
x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati
)