Carrello 0
Floating bridge, i ponti galleggianti dall’antichità ad oggi
AMBIENTE

Floating bridge, i ponti galleggianti dall’antichità ad oggi

di Paola Mammarella

Dall’epoca romana alle città moderne, passando per gli usi bellici e temporanei della seconda guerra mondiale

10/12/2018 – Fluttuano sull’acqua per consentire il passaggio di persone e mezzi risolvendo le difficoltà che si potrebbero presentare a seconda delle caratteristiche dei fondali. Sono i ponti galleggianti, conosciuti nel mondo come “Floating bridges” o “Pontoon bridges”. Utilizzano galleggianti o barche a basso pescaggio per supportare ponti pedonali o destinati al traffico dei veicoli. La loro capacità di carico è proporzionale alla galleggiabilità.  
 
Molti ponti galleggianti sono temporanei e utilizzati prevalentemente per scopi bellici o per far fronte ad emergenze di protezione civile. Ma ce ne sono anche di fissi.
 
Non si tratta di una tecnologia moderna perché i ponti galleggianti esistono fin dall’antichità. Gli storici pensano che fossero usati in Cina già dal IX secolo a.C. e durante l’impero Romano. Sulla colonna Traiana e su quella dell’imperatore Marco Aurelio sono raffigurati infatti dei legionari che attraversano un ponte galleggiante.

I legionari sulla colonna Traiana in una foto dello storico e filologo tedesco Conrad Cichorius
 Foto: [Public domain], via Wikimedia Commons

raffigurazione di legionari sulla colonna di Marco Aurelio
 Foto: MatthiasKabel [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], from Wikimedia Commons
 
Ma vediamo degli esempi più moderni.
 

Ponte galleggiante di Russellville, Arkansas – USA

Costruito all’inizio del Novecento per collegare le città di Russellville e Dardanelle, è stato il ponte galleggiante più lungo del mondo.
 Foto: National Archives at College Park [Public domain] via Wikimedia Commons
 

Ponte militare sul Reno, Germania

Questo ponte, ripreso probabilmente nello scatto di un corrispondente di guerra, venne costruito nel marzo 1945 dall’esercito degli Stati Uniti per attraversare il fiume Reno con i mezzi militari.
 Foto: Unknown photographer [Public domain], via Wikimedia Commons


Ponte ‘Bergsøysund’, Gjemnes – Norvegia

Realizzato nel 1992, questo ponte attraversa il canale di Bergsøysundet. È lungo 931 metri.
 Foto: BIL Bengt-Inge Larsson [CC BY-SA 2.5 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], from Wikimedia Commons
 

Ponte ‘Evergreen Point 1963’, Seattle – USA

Si trova nello Stato di Washington e attraversa il Washington Lake. È stato aperto nel 1963 e chiuso nel 2016.
 Foto: Brianhe [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], from Wikimedia Commons
 

Ponte ‘Evergreen Point 2016’, Seattle – USA

Questo ponte ha sostituito la vecchia struttura del 1963, dotandosi di corsie di emergenza e piste ciclabili, prima inesistenti. Misura 2,350 metri ed è il ponte galleggiante più lungo del mondo.
 Foto: Washington State Department Transportation - www.wsdot.wa.gov/Projects/SR520Bridge/About/BridgeFacts.htm
 

Ponte ‘Berbice’, Georgetown – Guyana

Questo ponte, ultimato nel 2003, consente l’attraversamento del fiume Berbice, considerato da sempre un ostacolo per le comunicazioni e gli scambi commerciali tra la capitale, Georgetown, e la città di New Amsterdam. Apre mezz’ora al giorno per consentire il transito delle navi.
 Foto: www.mabey.com/int/en/projects/berbice-river-floating-bridge
 

Ponte di Nordhordland – Norvegia

Terminato nel 1994 attraversa il fiordo Salhusfjorden, mettendo in comunicazione le città di Bergen e Meland.
 Foto: Nordhordalandsbrua_4.JPG: Ovesenderivative work: Arsenikk [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], via Wikimedia Commons
 

Ponte 'William R. Bennett', Kelowna - Canada

Il ponte, ultimato nel 2008, attraversa il Lago Okanagan consentendo il passaggio di veicoli, pedoni e biciclette.
 Foto: Darren Kirby [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons
 

Ponte 'Yumemai', Osaka - Giappone

Il ponte, lungo 876 metri, si trova ad Osaka ed è stato aperto nel 2001. Oltre ad essere galleggiante, si apre per consentire il passaggio delle imbarcazioni.
 Foto: ignis [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) or CC BY-SA 2.5 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], via Wikimedia Commons
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati