Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, quando è agevolabile il consolidamento di opere esterne al sedime dell’edificio
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, quando è agevolabile il consolidamento di opere esterne al sedime dell’edificio
NORMATIVA

Imposte e detrazioni Irpef, cosa prevede la delega fiscale

di Rossella Calabrese

Revisione del sistema di imposizione sui redditi, delle deduzioni e detrazioni Irpef e dell’IVA e riorganizzazione in Codici o Testi Unici

Foto: Mariusz Blach 123rf.com
06/10/2021 - Imposte sui redditi, detrazioni Irpef, IRES, IVA e altre imposte indirette, IRAP, codificazione della normativa fiscale. 

Sono tanti i temi al centro del ddl delega fiscale approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, oltre alla riforma del catasto.
 
La riforma fiscale - si legge nella relazione al ddl - è tra le azioni chiave individuate nel PNRR per dare risposta alle debolezze strutturali del Paese e in tal senso costituisce parte integrante della ripresa che si intende innescare anche grazie alle risorse europee.
 
Gli obiettivi della riforma sono:
- la crescita dell’economia, attraverso l’aumento dell’efficienza della struttura delle imposte e la riduzione del carico fiscale sui redditi derivanti dall’impiego dei fattori di produzione;
- la razionalizzazione e semplificazione del sistema tributario, preservandone la progressività, da attuarsi anche attraverso, la riduzione degli adempimenti a carico dei contribuenti e l’eliminazione dei c.d. “micro-tributi” con gettito trascurabile per l’Erario;
- la riduzione dell’evasione ed elusione fiscale.
 
Il sistema di imposizione personale sui redditi sarà ripensato con l’obiettivo di applicare la stessa aliquota proporzionale di tassazione sia sui redditi derivanti dall’impiego del capitale (anche nel mercato immobiliare), che sui redditi direttamente derivanti dall’impiego del capitale nelle attività di impresa e di lavoro autonomo svolte da soggetti diversi da quelli a cui si applica l’imposta sul reddito delle società (Ires).
 


Si prevede, in questo processo, anche il riordino delle deduzioni e delle detrazioni Irpef, tenendo conto della loro finalità e dei loro effetti sul piano della equità ed efficienza dell’imposta. Tra le detrazioni Irpef ci sono i bonus edilizi (bonus ristrutturazione, sismabonus, ecobonus, bonus mobili, bonus verde, bonus facciate) che saranno verosimilmente sottoposti a profonda revisione.
 
È prevista la revisione dell’IRES e della tassazione del reddito di impresa, per pervenire all’applicazione di un’unica aliquota proporzionale di tassazione dei redditi derivanti dallo svolgimento dell’attività d’impresa, anche allo scopo di eliminare ostacoli alla crescita dimensionale delle realtà produttive più piccole.
 
Un altro pilastro della riforma fiscale è costituito dagli interventi che si intendono introdurre in tema di IVA e altre imposte indirette. Per quanto riguarda l’IVA, particolare attenzione sarà posta alle finalità di semplificazione, e razionalizzazione (numero e livelli delle aliquote nonché distribuzione delle basi imponibili tra le diverse aliquote), di contrasto alla erosione ed evasione e di aumento del grado di efficienza del sistema.
 
Quanto alla tassazione indiretta sulla produzione e sui consumi dei prodotti energetici e dell’energia elettrica, il sistema sarà revisionato, in coerenza con l’European Green Deal, con l’obiettivo di contribuire alla riduzione progressiva delle emissioni di gas climalteranti e alla promozione dell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili ed ecocompatibili.
 
Si prevedono, ancora, il graduale superamento dell’IRAP, garantendo in ogni caso il finanziamento del fabbisogno sanitario, e la revisione delle addizionali Irpef comunali e regionali.
 


Infine, il ddl prevede una codificazione della normativa fiscale vigente. L’obiettivo di semplificazione e di chiara formulazione della normativa fiscale - affermava il Parlamento nel giugno scorso - non può essere realizzato fintanto che innumerevoli disposizioni, modificate a più riprese e spesso in modo sostanziale, rimangono sparse, costringendo chi le voglia consultare a ricercarle sia nell’atto originario sia negli atti di modifica. 
 
L’individuazione delle norme vigenti richiede, infatti, al cittadino un notevole impegno di ricerca e di comparazione di diversi atti. Per tale motivo è indispensabile codificare le disposizioni, se si vuole che la normativa fiscale di un Paese sia chiara e trasparente.
 
Il ddl delega prevede di organizzare le disposizioni per settori omogenei in Codici o Testi unici, coordinare le norme per migliorarne la coerenza giuridica, logica e sistematica, semplificare il linguaggio normativo, indicare esplicitamente le norme da abrogare.


Il superbonus 110% è operativo ormai da più di un anno. Di recente il Governo ha modificato le regole e prospettato una proroga. Sono comunque vigenti anche gli altri bonus: facciate, ecobonus, bonus ristrutturazioni. Come è andata finora? Cosa resta da migliorare? Partecipa al sondaggio!
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati