Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
NORMATIVA

Rischio smottamenti, non si possono realizzare opere di contenimento in autonomia

di Paola Mammarella

Il Tar Campania sul caso di una palificata di cemento armato senza permesso di costruire

Vedi Aggiornamento del 20/08/2021
Foto: Suwat Supachavinswad ©123RF.com
12/07/2021 – Non si possono realizzare opere, come recinzioni e palificate, senza permesso di costruire, sostenendo che sono finalizzate a prevenire il pericolo di smottamenti del suolo. Lo ha affermato il Tar Campania con la sentenza 4236/2021.
 

Rischio smottamenti e opere senza permesso, il caso

Il proprietario di un complesso immobiliare ha realizzato, senza alcun permesso, una palificata in cemento. Il responsabile sostiene che l’opera sia stata costruita per motivi di sicurezza, per il contenimento del costone sovrastante in una zona caratterizzata da terrazzamenti.
 
Il Comune gli ha ordinato la demolizione, ma secondo il responsabile si tratta di un’opera priva di rilevanza edilizia e di visibilità, che non dovrebbe essere soggetta né a permesso di costruire né ad autorizzazione paesaggistica.
 
L’opera, secondo il responsabile, insieme ad un progetto da definire in seguito, pone rimedio ad una situazione di pericolo, dal momento che nei pressi della sua abitazione si sono verificati degli smottamenti del terreno.
 

Rischio smottamenti, Tar: no all’autonoma iniziativa

I giudici hanno respinto il ricorso del responsabile contro l’ordine di demolizione del Comune. Secondo il Tar, dal momento che sono stati utilizzati pali in cemento prefabbricato, si tratta di un intervento di natura non precaria.
 
Le opere, ha aggiunto il Tar, vanno considerate alla stregua di interventi di nuova costruzione e sono caratterizzate da un proprio impatto volumetrico ed ambientale. Per questo, determinano una trasformazione del territorio, che ricade in zona assoggettata a vincolo paesaggistico.
 
Fatta questa premessa, i giudici hanno affermato che, in presenza di conclamati pericoli di smottamento, non sono consentite autonome iniziative d’urgenza. Oltre a questa precisazione,il Tar ha rilevato che il responsabile non aveva avviato alcun progetto per la messa in sicurezza della zona.
 
Sulla base di questi motivi, il Tar ha confermato la demolizione delle opere.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui