Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Abusi edilizi, responsabile anche il nuovo proprietario
NORMATIVA Abusi edilizi, responsabile anche il nuovo proprietario
FOCUS

Cemento bianco: una soluzione per facciate "faccia a vista"

di Rosa di Gregorio

Alte prestazioni, candore e purezza connotato questo materiale, così versatile da essere usato anche per realizzare intonaci, malte, pitture, pavimentazioni e arredo urbano

Vedi Aggiornamento del 10/08/2022
Church of Saint-Jacques de la Lande, Rennes / Francia / 2018 by Alvaro Siza Vieira ©Archilovers
27/06/2022 - La tecnica del calcestruzzo a vista, icona dell’architettura moderna e contemporanea, conferisce matericità, bellezza e un ampio spazio espressivo all’edificio.
 
Il calcestruzzo a vista indica una modalità di utilizzo architettonico del calcestruzzo che consiste nel non ricoprire le superfici esterne con intonaco o rivestirle con altri materiali, come pietra, mattoncini, piastrelle, ma lasciarle visibili, evidenziando le forme e le caratteristiche strutturali della costruzione edilizia.
 
Grandi maestri dell’architettura hanno utilizzato questa tecnica, dal celebre Le Corbusier fino a noti architetti del XX secolo come Tadao Andō o Álvaro Siza, per citarne alcuni.  
Tra le varianti del cemento a vista c’è il cemento bianco.
 
Come rivela il nome, a differenza dei cementi tradizionale dalla colorazione grigiastra, il cemento bianco presenta una colorazione bianca che si conserva anche dopo l’indurimento e nel tempo.
 
Oltre ad essere usato per getti faccia vista a realizzare setti portanti o di tamponamento, grazie alla sua resistenza meccanica in particolare alla compressione, alla sua elasticità e al suo comportamento di ritiro nelle fasi di presa e indurimento inferiori rispetto a cementi di pari classe, il cemento bianco è idoneo per utilizzi e scopi molto diversi tra loro.
 
Tra gli usi abituali del cemento bianco si elencano:
- intonaci e pitture a base cementizia;
- premiscelati;
- colle cementizie;
- marmette e piastrelle
- pavimentazioni;
- arredo urbano;
- sculture, panchine, fioriere e vasi.
 
La Church of Saint-Jacques de la Lande di Álvaro Siza è un esempio di come attraverso il cemento bianco, usato per realizzare le pareti portanti della chiesa, sia stato possibile creare forme e volumi puri che uniti al marmo usato nei rivestimenti interni, concorrono a creare una solenne atmosfera dello spazio liturgico.
 
Cemento bianco: una soluzione per facciate "faccia a vista" Church of Saint-Jacques de la Lande, Rennes / Francia / 2018 by Alvaro Siza Vieira ©Archilovers

La purezza e il candore del bianco è proprio la peculiarità di questa tecnologia.
 
Dato che la bianchezza è un parametro chiave per le prestazioni del cemento bianco, nel processo di produzione vengono utilizzate solo materie prime di alta qualità.
 
Per avere purezza chimica, sono necessarie materie prime di alta qualità per la produzione di clinker bianco. Le materie prime a basso costo e di cava vengono comunemente utilizzate per la produzione di clinker grigio, che di solito contengono notevoli quantità di cromo, manganese e ferro.
 
Il componente base per la produzione del cemento è il clinker.
 
I clinker grigi contengono notevoli quantità di cromo, manganese e ferro. Per ottenere clinker bianchi occorre dunque contenere la percentuale degli ossidi di ferro, che determinano la colorazione grigiastra, essa non deve superare lo 0,15%.
 
Gli ossidi di ferro possono essere eventualmente sostituiti con prodotti che svolgono un compito simile ma che risultino privi di colorazione. Come, ad esempio, la Criolite e la Fluorite
che sono composti del Fluoro.
 
Un ulteriore accorgimento per ottenere un cemento bianco è quello di evitare la contaminazione e l’inquinamento durante il ciclo produttivo.
 
Più sono mineralogicamente puri i componenti, più vi è una ridotta contaminazione con altri materiali, più il cemento sarà di un bianco puro, caratteristica principale di questo tipo di composto.
La purezza del composto determinerà la capacità di mantenere il suo colore inalterato nel tempo, senza la necessità di frequenti interventi di manutenzione, motivo per il quale il cemento bianco viene utilizzato in alternativa all’uso di rivestimento o pitturazione per facciate.
 
Quando il cemento bianco è usato come malta, è possibile arricchirlo di opportuni ossidi metallici al fine di ottenere una miscela pigmentata ma che mantenga le caratteristiche prestazionali del prodotto di base.
 
Infatti, rispetto alle classiche superfici pitturate o rivestite, le malte a base di cemento bianco necessitano di minore manutenzione, essendo più stabili nel tempo.
 
Sostanze inquinanti provenienti da zone industriali, automobili e riscaldamento domestico, potrebbero inficiare il candore decorativo del materiale, ma questo non avviene grazie alla sua alta resistenza all’inquinamento. Inoltre, il cemento bianco è in grado di svolgere un’azione anti-microbica che ostacola la formazione di microorganismi che possono sporcare le superfici.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione