Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
NORMATIVA Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
NORMATIVA

POS: chi accetta la carta avrà il bonus, niente multa a chi la rifiuta

di Paola Mammarella

La modifica al Decreto Fiscale è stata decisa a seguito del mancato accordo con le banche per la riduzione delle commissioni

Commenti 4235
Foto: baranq©123RF.com
03/12/2019 – Le multe per professionisti e imprese che non accettano pagamenti con carte di credito e bancomat non passano. La Commissione Finanze della Camera ha approvato un emendamento al disegno di legge per la conversione del Decreto Fiscale che sopprime le sanzioni a carico di chi non accetta pagamenti elettronici.
 
Restano invece in piedi gli incentivi all’utilizzo del POS, pari al 30% delle commissioni addebitate agli esercenti.
 

Decreto Fiscale, obbligo di POS e sanzioni

Per rendere operativo l’obbligo di dotarsi del Pos e mettere in atto delle strategie per la lotta all’evasione e al sommerso, il Decreto Fiscale ha previsto l’introduzione di una sanzione.
 
Dal 1° gennaio 2020, professionisti e altri esercenti sarebbero stati colpiti dalla multa se avessero rifiutato pagamenti elettronici di qualunque importo. La sanzione avrebbe avuto un importo pari a 30 euro più il 4% del valore del pagamento rifiutato.
 
Nonostante il fine condivisibile, professionisti, commercianti e imprenditori hanno da subito lamentato i costi connessi all’obbligo di accettare pagamenti elettronici. A ottobre il Governo ha deciso di posticipare al 1° luglio 2020 l’avvio dell’applicazione delle sanzioni per lavorare, nel frattempo, all’abbassamento delle commissioni sui pagamenti elettronici.
 
Il dialogo con le banche non è andato a buon fine. Come spiegato dall’on M5S, Alessio Villarosa dalla sua pagina Facebook all’uscita dalla riunione della Commissione Finanze, l’articolo sulle sanzioni è stato soppresso.
 

Pagamenti elettronici, credito di imposta del 30%

Ci saranno invece agevolazioni per incentivare gli esercenti ad accettare i pagamenti elettronici. Dal 1° luglio 2020 agli esercenti attività di impresa, arte o professioni sarà riconosciuto un credito d’imposta, in compensazione, pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate mediante carte di credito, di debito o prepagate e altri pagamenti elettronici tracciabili.
 
Per avere diritto al bonus, bisognerà dimostrare di aver registrato, nell’anno d’imposta precedente, ricavi o compensi non superiori a 400mila euro.
 
Il bonus sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione, a decorrere dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Pinco pallino

che cazzate!!!! nero forever

thumb profile
Pinco pallino

che cazzate!!!! nero forever

thumb profile
Pinco pallino

che cazzate!!!! nero forever

thumb profile
Pinco pallino

che cazzate!!!! nero forever

thumb profile
Pinco pallino

che cazzate!!!! nero forever


x Sondaggi Edilportale
Bonus Casa: li conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa