Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Addio al Testo Unico Edilizia, prende forma la ‘Disciplina delle costruzioni’
NORMATIVA Addio al Testo Unico Edilizia, prende forma la ‘Disciplina delle costruzioni’
NORMATIVA

Dal Governo le nuove strategie per le infrastrutture di trasporto e logistica

di Rossella Calabrese

L’Allegato al DEF 2016 delinea un nuovo processo di pianificazione delle opere pubbliche

Vedi Aggiornamento del 24/06/2016
Commenti 5576
13/04/2016 - Un nuovo approccio alla realizzazione delle opere pubbliche che parte dalla definizione degli obiettivi e delle strategie, definendo la vision di medio-lungo periodo verso cui far tendere la politica dei trasporti nazionale.
 
Così il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  (MIT) definisce le “Strategie per le infrastrutture di trasporto e logistica”, il documento allegato al DEF 2016 approvato lo scorso 8 aprile dal Consiglio dei Ministri. Il documento - spiega il MIT - evidenzia e sviluppa le linee guida e gli obiettivi della strategia di programmazione, già impostate dal Ministro Graziano Delrio da un anno a questa parte.
 
Le linee guida sono:
- infrastrutture utili, snelle e condivise;
- integrazione modale e intermodalità;
- valorizzazione del patrimonio infrastrutturale esistente;
- sviluppo urbano sostenibile.
 
Gli obiettivi delle linee guida sono:
- accessibilità ai territori all’Europa al Mediterraneo;
- qualità della vita e competitività delle aree urbane;
- mobilità sostenibile e sicura;
- sostegno alle politiche industriali di filiera.
- revisione dei progetti esistenti.
 
Ulteriore elemento di innovazione nel processo di realizzazione delle infrastrutture - afferma la nota del MIT - è la possibilità di revisionare le scelte pregresse (Project Review) in funzione delle mutate condizioni di mercato (domanda di mobilità e scenario infrastrutturale di riferimento).
 
La vision, gli obiettivi e le strategie, descritte nel documento allegato al DEF 2016 - prosegue il comunicato -, sono il primo passo di un processo di pianificazione, programmazione e progettazione delle opere pubbliche in Italia, imperniato su alcuni cardini concettuali dotati di una forte carica innovativa rispetto all’ultimo quindicennio, che il Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti sta già portando avanti e introdotte, per esempio, con la revisione progettuale già in corso di diverse opere, le misure di mobilità sostenibile previste nella Finanziaria 2016, il Piano strategico dei Porti e della Logistica e le misure introdotte nel Nuovo Codice degli Appalti e delle Concessioni.
 
La novità sulla pianificazione nazionale delle infrastrutture è legata in particolare al nuovo Codice degli Appalti e delle Concessioni approvato in esame preliminare dal Consiglio dei Ministri il 3 marzo 2016, che cambia anche il processo di pianificazione infrastrutturale e che definirà un quadro unitario e quanto più possibile condiviso del sistema delle infrastrutture nazionale - conclude il Ministero.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui