Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura
NORMATIVA Nuovo Codice Appalti, la filiera delle costruzioni chiede di essere coinvolta nella stesura

Liguria: approvata nuova legge sull’attività edilizia

Più snelle e chiare le procedure di rilascio dei titoli abilitativi

Vedi Aggiornamento del 11/07/2008
Vedi Aggiornamento del 11/07/2008
04/06/2008 - È stata approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale della Liguria la legge regionale sulla “Disciplina dell’attività edilizia” che, nel territorio ligure, sostituirà la parte I del Testo Unico Statale.
 
Spiega l’assessore regionale all’urbanistica Carlo Ruggeri: “Si tratta di una legge di evidente rilevanza per gli operatori pubblici e privati, ma anche per i cittadini liguri, che disciplina essenzialmente le tipologie di interventi edilizi, i procedimenti per il rilascio dei relativi titoli abilitativi, le modalità di calcolo dei parametri urbanistico-edilizi. La legge si rifà ai principi e alle disposizioni del Testo Unico statale, ma al tempo stesso introduce significative semplificazioni ed innovazioni.
 
I contenuti della legge sono scaturiti da una complessa attività di elaborazione, iniziata nella precedente legislatura, e portata a compimento attraverso il preventivo confronto con i vari soggetti interessati all’applicazione della normativa: Comuni, Province, Ordini e Collegi professionali e costruttori (Ance).
 
La legge approvata punta a semplificare la complessiva disciplina dell’attività edilizia ed, in particolare, di chiarire i casi in cui è prescritto il permesso di costruire, introducendo la più semplice “comunicazione di inizio lavori” per quegli interventi di minore rilevanza.
 
“Gli obiettivi fondamentali della legge - afferma l’assessore regionale all’urbanistica Carlo Ruggeri - sono quelli della semplificazione e della chiarezza. Si semplifica fino a ridurre al minimo la procedura, per gli interventi “minori” sugli edifici esistenti, e si riserva, invece, il ruolo decisivo della pubblica amministrazione per le nuove costruzioni. In realtà - precisa l’assessore Ruggeri - in questo modo si chiamano tutti gli “attori” ad assumersi direttamente alcune responsabilità: il privato, quando gli si richiede una semplice comunicazione per piccoli interventi interni; il libero professionista, quando deve assumere la responsabilità di una dichiarazione (V.I.A.); il pubblico amministratore, quando è presente un elemento discrezionale per il rilascio di permessi di costruire.”
 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione