Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
NORMATIVA Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
URBANISTICA

Impianti eolici, le linee guida ministeriali

di Rossella Calabrese

Dal Mibac indicazioni per la progettazione e la valutazione paesaggistica

Vedi Aggiornamento del 09/06/2008
Commenti 8159
05/03/2007 – È stato presentato nei giorni scorsi a Roma il manuale “Gli impianti eolici: suggerimenti per la progettazione e la valutazione paesaggistica”, secondo volume della collana “Linee guida per l'inserimento paesaggistico degli interventi di trasformazione territoriale”, a cura della Direzione generale per i beni architettonici e paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali in collaborazione con il Politecnico di Milano. Il primo volume, uscito nel giugno 2006, ha riguardato la Relazione paesaggistica. “E’ importante sottolineare – ha detto il sottosegretario Danielle Mazzonis durante la presentazione - che l’eolico, pur essendo una fonte di indubbio interesse, deve essere realizzato solo in aree paesaggisticamente compatibili. Per tale motivo, questa prima proposta metodologica di confronto, anche internazionale, permette di orientare le scelte degli amministratori e degli abitanti in aree connotate da paesaggi di pregio in perfetta compatibilità con il turismo culturale e le produzioni agricole”. Le Linee Guida prendono in considerazione tutti gli aspetti dell’analisi del paesaggio (gli strumenti normativi e di piano, gli aspetti legati alla storia, alla memoria, ai caratteri simbolici dei luoghi, ai caratteri morfolologici, alla percezione visiva, ai materiali, alle tecniche costruttive, agli studi di settore, agli studi tecnici aventi finalità di protezione della natura, ecc.). La finalità principale è quella di dotare il progettista di una guida utile alla definizione e all'assunzione consapevole delle scelte progettuali: scelte che dovrebbero tenere specifico conto dei caratteri paesaggistici dei luoghi, senza limitarsi alla considerazione degli elementi ecologico-ambientali (metodologie senz'altro più diffuse e consolidate). Il manuale del Mibac rappresenta un contributo culturale per la redazione delle linee-guida previste dal Dlgs 387/2003, che saranno elaborate dai Ministeri dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico e dei Beni Culturali, in Conferenza unificata. Per saperne di più: www.governo.it/GovernoInforma

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui